sudpresslogo
sudpresslogo

MENU

CONTATTI

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:

mof edizione 2022

telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

Intervista ad Antonio Balsamo, presidente del Tribunale di Palermo23 maggio 2022: la cultura mafiosa celebra il suo trionfo. Perché ha vintoI TALK. SudPress e SudStyle in diretta alle 10.00: "SIAMO TUTTI EDIPO!"Dinamometri: caratteristiche e vantaggi dei modelli digitaliAd Aci Trezza Il Ciclope di Ligama illumina Villa Fortuna"Esterno notte"...un dispiacere essere solo in dieci in salaOrdine pubblico a Catania, interrogazione alla Camera e risposta del tutto inadeguata del MinistroLungomare di Catania dedicato (per finta) a Franco Battiato: il tripudio non è unanimeFondazione Taormina Arte: accesso agli atti sulla nomina del Sovrintendente Ester BonafedeCatania sarebbe "virtuosa" perché non spende niente in "infrastrutture stradali"

Una buona notizia: l'ERSU di Catania ottiene l'ex ospedale Santo Bambino come residenza universitaria

14-04-2022 07:00

redazione

Cronaca, Focus,

Una buona notizia: l'ERSU di Catania ottiene l'ex ospedale Santo Bambino come residenza universitaria

Adesso vigilare sui tempi di realizzazione

È una notizia importante che merita l'apertura del giornale perché, se effettivamente realizzata in tempi rapidi, potrebbe contribuire a cambiare il volto di una zona della città devastata da precedenti scelte politiche improvvide quali la chiusura repentina dei plessi ospedalieri Vittorio Emanuele e Santo Bambino che ha provocato la totale depressione di tutto l'indotto economico che vi ruotava intorno, con tutto quello che ne è conseguito in termini di depressione sociale.

cannizzarocantarellafb-1030x658.jpeg

Adesso, finalmente, è stata premiata la tenacia dell'attuale governance dell'ERSU di Catania con il presidente Mario Cantarella ed il vice presidente Salvo Cannizzaro che hanno sin dal loro insediamente prestato particolare attenzione nel cercare soluzioni per la risolvere la cronica carenza di alloggi da destinare alla popolazione studentesca fuori sede.

Di ieri la notizia che la giunta regionale ha approvato un atto che concede in comodato d'uso gratuito l'ex presidio ospedaliero "Santo Bambino" di proprietà dell' Azienda ospedaliera universitaria Policlinico di Catania e che sorge tra le vie Antico Coroso e Plebiscito: l'obiettivo è sfruttare i fondi previsti dal PNRR per convertirlo, appunto, in residenza universitaria.
 
"L’Ersu, infatti, - si legge nella nota emanata dalla regione - è considerato soggetto eleggibile a proporre interventi di residenzialità universitaria con i fondi del Pnrr, destinati a cofinanziare il 75 per cento dei costi previsti. Per accedere alle risorse messe a disposizione dal ministero dell’Università, però, si rendeva necessaria la piena disponibilità dell’immobile da ristrutturare. " 
 

Già da tempo l'ERSU di Catania  aveva chiesto formalmente di poter utilizzare una struttura ospedaliera tra quelle dismesse in zona centrale per ampliare l’offerta di posti letto agli studenti fuori sede: ogni anno, infatti, a fronte di circa 3.000 richieste solo 600 possono essere soddisfatte. L’ex ospedale individuato permetterebbe di accrescere notevolmente la disponibilità di alloggi studenteschi e, tra l’altro, è ubicato nelle vicinanze di diverse facoltà universitarie. 

 

L'atto si aggiunge a quello altrettanto recente che ha destinato un'ala dell'ex ospedale Vittorio Emanuele all'Accademia di Belle Arti presieduta dalla prof. Lina Scalisi, da tempo alla ricerca di spazi adeguati per l'attività didattica.

 

Immaginare adesso quelle zone popolate ed animate da centinaia di studenti universitari apre una speranza per il recupero e rilancio di un quartiere della città che merita la giusta attenzione.

 

Adesso è fondamentale supportare gli enti deputati nella fase di progettazione e velocizzare al massimo la loro realizzazione: sarebbe un delitto imperdonabile fermarsi all'annuncio. 


Leggi anche:

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Come creare un sito web con Flazio