sudpresslogo
sudpresslogo

MENU

CONTATTI

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:

eventi mof 2021 (1)

telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

La guerra e i suoi effetti nel tempo. Per tuttiIntervista a Mons. Antonino Raspanti,Vescovo di Acireale e Presidente della Conferenza Episcopale Siciliana"Caso Baglieri", il CODACONS: "Assessore non paga TARI? CHIARISCA O SI DIMETTA SUBITO"Celebrato il primo congresso della battagliera sezione catanese del sindacato nazionale CUB Trasporti: il dr. Salvatore Ventimiglia confermato Segretario30 giugno/1 luglio a Palazzo dei Normanni il MID.MED SHIPPING & ENERGY FORUML'assessore regionale ai rifiuti Daniela Baglieri da 5 anni non paga ...la tassa sui rifiuti?Un pensiero per Fratel Biagio Conte che sta lottando. AncoraStanno sfidando la furia popolare: aumento tassa rifiuti del 18%Nasce anche a Catania il Gruppo Archeologico Amenanos: tante le iniziative culturali in programmaA Catania il primo Fringe Festival del teatro Off: bando per gli artisti prorogato al 16 luglio

Francesco Di Sarcina nuovo presidente del porto di Catania che è una vergogna mondiale. Vediamo che combina

11-04-2022 00:14

Pierluigi Di Rosa

Cronaca, Focus,

Francesco Di Sarcina nuovo presidente del porto di Catania che è una vergogna mondiale. Vediamo che combina

PRIMA PUNTATA

portovergogna1.png

L'ultima volta che ci siamo occupati del porto di Catania è stato lo scorso luglio, sentimmo l'allora commissario Alberto Chiovelli.

I temi sempre gli stessi da un trentennio, con l'aggiunta dell'incredibile vicenda del contenzioso che impedisce l'attracco del catamarano da Malta che da solo porterebbe almeno 300 mila passeggeri l'anno, con tutto quello che consegue:

non riescono a mettersi d'accordo su come realizzare la rampa per le auto.

Pazzesco, facemmo un nodo al fazzoletto perché l'allora commissario garantì che entro settembre, (2021), la questione sarebbe stata risolta ma, come al solito, c'è rimasto il nodo e il fazzoletto neanche ricordiamo dov'è finito insieme a tutti gli altri.

 

Ma a Catania è tutto sconcertante e quello di oggi vuole essere solo un primo articolo di benvenuto all'appena nominato presidente dell'Autorità del Sistema Portuale del Mare di Sicilia Orientale che unisce gli approdi di Augusta e Catania.

 

A Catania la situazione è incredibile, una confusione impressionante e pericolosa, un accozzaglia di rimorchi lasciati senza senso lungo ogni strada interna, manto stradale da mulattiera ottocentesca, un senso di abbandono che mette tristezza in rapporto con la bellezza del suo paesaggio e la meraviglia della sua posizione praticamente confinante con il centro barocco della città.

 

Anche la zona destinata alle navi da crociera è del tutto inadeguata, sembra una stazioncina abbandonata della littorina in qualche paesino dell'entroterra.

 

Un porto che potrebbe, dovrebbe costituire risorsa enorme per tutta la città con le sue potenzialità ed invece è ridotto ad una sorta di far west.

Basta pensare al percorso da realizzare unendo la passeggiata del "Passiatore" che potrebbe congiungere la sopraelevata che va dalla stazione sino al Molo di Levante: sarebbe una delle promenade più belle del mondo e invece rimane una periferia della civiltà.

 

Ci torneremo, e spesso, sul porto di Catania che è una vergogna: per oggi solo un benvenuto al neo presidente Francesco Di Sarcina, di cui non conosciamo il programma e che anzi non conosciamo proprio.

 

Gli facciamo i migliori auguri di non bruciarsi come alcuni suoi predecessori, di non farsi prendere dalla smania di potere, dalle lusinghe di chi fa affari di basso cabotaggio ed ha interesse a mantenere il disordine che regna sovranno.

 

Speriamo abbia voglia e coraggio di pensare in grande e di muoversi subito perché tempo non ce n'è più.

 

C'è tanto lavoro da fare e non sarà facile, ma il porto deve diventare, finalmente, risorsa per Catania: è una priorità.


Leggi anche:

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Come creare un sito web con Flazio