Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

sudpresslogo
sudpresslogo

CONTATTI

MENU

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

schermata 2022-11-20 alle 06.58.04
schermata 2022-11-20 alle 06.58.04
schermata 2022-11-20 alle 06.58.04
schermata 2022-11-20 alle 06.58.04

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

Il Talk in diretta alle 10 con "quelli di COMICS" che compie XXIX anniMondiali di calcio in Qatar: perchè?Ottima cosa via di Sangiuliano pedonale il sabato sera e la chiusura dei locali alle 2. E anche piazza Manganelli senza auto parcheggiate"Democrazia Partecipata", solo in 1.876 catanesi hanno votato. Ed è un peccatoDIBATTITO PER CATANIA (e non solo), per i rifiuti l'avv. Dario Riccioli lancia la proposta delle "Isole Ecologiche Mobili"Il post del Sottosegretario Vittorio Sgarbi dopo essere intervenuto durante il Talk sul caso Palazzo Beneventano di LentiniA Catania ciclo di incontri sul "Curatore Speciale del Minore", nuova importante figura nel processo di famigliaLa Galleria Carta Bianca compie oggi 25 anni, un record di longevità. E il patron Checco Rovella ce lo raccontaIl TALK delle 10 in diretta dal Palazzo Beneventano di Lentini: "Ma perché in Sicilia è così difficile fare cose belle?"Un gioco ormai troppo pericoloso

Catania in mano ai balordi

25-03-2022 07:00

redazione

Cronaca, Focus,

Catania in mano ai balordi

Lo stato di abbandono ha superato ogni livello di guardia

La questione, ormai davvero sotto gli occhi di tutti, è stata sollevata in ultimo da un'interrogazione presentata in consiglio comunale dal gruppo del movimento 5Stelle.

 

Certo, di fronte alle tragedie planetarie che stanno ormai da oltre due anni stravolgendo il mondo intero, questa questioni potrebbero apparire quasi banali, ma non è così.

 

Piuttosto segnano il decadere di qualsiasi regola del vivere civile e, partendo da piccoli episodi di furti e vandalismi, affermano un clima di impunità per chi delinque e di disarmo per chi subisce ingiustamente.

 

Quanto sta accadendo non ha precedenti e l'impressione è che sia saltato ogni controllo del territorio, con episodi di micro criminalità che si ripetono ogni giorno in ogni parte della città.

 

“L’inciviltà a Catania ha raggiunto livelli non più tollerabili: in qualunque punto della città, non si contano più le segnalazioni di cittadini che denunciano sosta selvaggia, furti di parti delle auto, motorini che scorrazzano indisturbati nelle piazze chiuse al traffico."

 

La denuncia è della deputata regionale del Movimento 5 Stelle, Gianina Ciancio, insieme ai consiglieri comunali M5S, che sollecitano l’amministrazione comunale perché intervenga in maniera seria e decisa rispetto ai tanti problemi evidenziati. 

 

“È intollerabile che in una città civile - dichiara la deputata Ciancio - un cittadino non possa rientrare a casa perché ostacolato da una macchina in sosta davanti al proprio portone e che di fronte a questi casi manchi una risposta sanzionatoria forte. O che per una segnalazione di pericolo grave, dovuta a un tombino divelto in strada, il cittadino non riesca nemmeno a mettersi in contatto con chi dovrebbe intervenire tempestivamente. Queste e altre storie sono all'ordine del giorno nella nostra sciagurata città, e non si può dare solo la colpa all'inciviltà se poi chi sbaglia non viene mai sanzionato”.

 

“Abbiamo presentato un'interrogazione in Comune - è intervenuto il consigliere Bonaccorsi - ed è emblematico il fatto che dopo diverse richieste per la rimozione di auto abbandonate in piazzetta Majorana la Direzione competente non abbia fatto nulla. Chiediamo conto e ragione di tutto questo all'assessore al ramo e al comandante della Polizia municipale. Se ci sono criticità legate alla carenza di organico, si facciano presenti e si affrontino, ma non si lasci la città in mano a balordi e indisciplinati, lasciando nello sconforto i cittadini per bene”.

 

“Non vorremmo - conclude Ciancio - che la rassegnazione porti qualche testa calda a farsi giustizia da solo, facendo precipitare la città in un far west più di quanto non lo sia già. Multe, più controlli e sanzioni sono gli unici strumenti efficaci per arginare una deriva pericolosa che può diventare irreversibile”.

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Come creare un sito web con Flazio