Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

sudpresslogo
sudpresslogo

CONTATTI

MENU

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

schermata 2022-11-20 alle 06.58.04
schermata 2022-11-20 alle 06.58.04
schermata 2022-11-20 alle 06.58.04
schermata 2022-11-20 alle 06.58.04

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

Il Talk in diretta alle 10 con "quelli di COMICS" che compie XXIX anniMondiali di calcio in Qatar: perchè?Ottima cosa via di Sangiuliano pedonale il sabato sera e la chiusura dei locali alle 2. E anche piazza Manganelli senza auto parcheggiate"Democrazia Partecipata", solo in 1.876 catanesi hanno votato. Ed è un peccatoDIBATTITO PER CATANIA (e non solo), per i rifiuti l'avv. Dario Riccioli lancia la proposta delle "Isole Ecologiche Mobili"Il post del Sottosegretario Vittorio Sgarbi dopo essere intervenuto durante il Talk sul caso Palazzo Beneventano di LentiniA Catania ciclo di incontri sul "Curatore Speciale del Minore", nuova importante figura nel processo di famigliaLa Galleria Carta Bianca compie oggi 25 anni, un record di longevità. E il patron Checco Rovella ce lo raccontaIl TALK delle 10 in diretta dal Palazzo Beneventano di Lentini: "Ma perché in Sicilia è così difficile fare cose belle?"Un gioco ormai troppo pericoloso

I nomi di 1.555 vittime innocenti di mafia: Libera nelle scuole, quando la Memoria non è cerimonia

21-03-2022 19:14

Pierluigi Di Rosa e Lucia Murabito

Cronaca, Cultura&Spettacolo, Focus,

I nomi di 1.555 vittime innocenti di mafia: Libera nelle scuole, quando la Memoria non è cerimonia

GRAZIE, È. STATO BELLO

Se ne fanno tante manifestazioni, di molte si potrebbe fare a meno. Di altre proprio no.

Tra quelle che restano indispensabili proprio quella che da 27 anni Libera, l'associazione fondata da don Luigi Ciotti, propone ogni anno coinvolgendo soprattutto scuole di tutta Italia e che giunge al termine di un percorso di formazione all'impegno civico che coinvoge gli studenti di tutti gli ordini e gradi per l'intero anno scolastico.

 

Vengono letti, senza soste, tutti d'un fiato, i nomi di 1.555 vittime innocenti di mafia, tra quelli più noti e quelli dimenticati che in questo modo ritrovano la dignità ed il senso del loro sacrificio: è importanye.

 

Dopo l'annuncio della diretta dato ieri, vogliamo dargli attenzione per il secondo giorno consecutivo, cosa inconsueta per una testata come la nostra, perché abbiamo seguito l'evento collaborando a produrre la diretta social (che riportiamo in calce integralmente) e quindi abbiamo avuto l'opportunità di vedere all'opera docenti e studenti nella preparazione della cerimonia.

 

Sabato abbiamo effettuato il sopralluogo nel cortile e ieri siamo arrivati due ore prima dell'inizio per piazzare le nostre attrezzature della diretta: è stata occasione per respirare l'impegno di docenti e studenti, la loro consapevolezza, il loro entusiasmo. E quindi speranza..

 

C'era una tensione operosa, docenti e studenti impegnati con i loro manifesti, con le piantine commemorative dei più piccoli, si avvertiva consapevolezza per quello che si andava a fare, non una cerimonia tra le tante ma un tributo alla memoria di centinaia, migliaia di vittime di quelle mafie che continuano, ancora oggi e ancora domani, a seminare morte e miseria, ad ipotecare il futuro soprattutto loro, di tutti questi ragazzi che non c'entrano niente con l'orrore di questo mondo impazzito ed a cui si chiede di essere più forti della violenza che sono costretti a subire incolpevolmente, chiedendo loro di diventare militanti della Memoria, della Cultura, del Rispetto, della Bellezza, dell'Amore.

 

E in questo la Scuola, ogni Scuola, è indispensabile e andrebbe rimessa al centro delle attenzioni politiche di questo benedetto paese.

 

Insomma, quanto visto al Licieo Classico Spedalieri di Catania è stata una bella boccata d'ossigeno:

GRAZIE LIBERA, GRAZIE AI DOCENTI.

GRAZIE RAGAZZI!


Gian Lorenzo Battaglia, studente Liceo Classico Spedalieri di Catania

Dora Torrisi coordinamento Libera Catania

Prof. Guglielmo La Cognata, Liceo Classico Spedalieri Catania

Barbara Mirabella, assessore Pubblica Istruzione e i piccoli alunni di Librino

La diretta integrale della manifestazione

ok2p1030620.jpegokp1030311.jpegokp1030371.jpegokp1030479.jpegokp1030323.jpegokp1030581.jpegok1p1030592.jpegokp1030308.jpegokp1030568.jpegokp1030460.jpegokp1030597.jpegokp1030459.jpegokp1030448.jpegok07290010.jpegok07290008.jpeg
image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Come creare un sito web con Flazio