sudpresslogo
sudpresslogo

MENU

CONTATTI

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:

mof edizione 2022

telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

Catania sarebbe "virtuosa" perché non spende niente in "infrastrutture stradali"All'ASP di Catania siamo alla follia: manca il funzionario per i pagamenti e...non pagano servizi essenzialiCatania devastata, danneggiata statua di piazza Europa: sicuro che i veri delinquenti sono i vandali?Music Opera Festival: dal 28 maggio la terza edizione all'Ardizzone GioeniLa pace non è una zuccaPUBBLISERVIZI: il commissario Perazzoli e la Città Metropolitana continuano a litigare, appello alla responsabilità del presidente MolinoConvegno alla Camera dei Deputati sull'indipendenza energetica: partenariato Italia-AzerbaigianIl Giro d'Italia a Catania: dove si lavano pentole nelle fontane monumentali, di fronte al municipioGiovanni De Santis, già direttore del Luglio Musicale Trapanese, scende in campo contro le nomine "artistiche" del governo regionaleScandalo CamCom e SAC: Confedercontribuenti chiede di fare chiarezza

Sgombero "senza tetto" in Corso Sicilia, Catania Book Festival rinuncia al patrocinio del Comune: BRAVI!

19-03-2022 06:36

Marica Musumarra

Il tema è delicato, delicatissimo e, non occupandoci di cronaca, ci siamo presi del tempo per trovare la chiave per noi più adatta per trattarlo. Il t

Il tema è delicato, delicatissimo e, non occupandoci di cronaca, ci siamo presi del tempo per trovare la chiave per noi più adatta per trattarlo.

 

Il tema è quello dello sgombero, già di per sé termine orribile, dei "senza tetto", altro termine orripilante, che bivaccavano sotto i portici di Corso Sicilia di Catania.

 

Diciamo subito che ad ogni passaggio da quella zona il cuore si stringeva nel vedere quelle tende e quei cartoni, pensare a gente che non aveva null'altro che quegli stracci e che col freddo o l'afa si trovava costretta a condividere lo spazio ingiusto della povertà che non consente neanche un tetto.

 

Certo, non facciamo gli ipocriti e nemmeno le "anime belle", c'era e rimane anche un problema di "decoro" di una zona redidenziale e commerciale che merita tutela e rispetto: ma mai quanto la merita la povertà, una condizione di vita spesso sfortunata e involontaria che richiede soluzioni e non "sgomberi" violenti e superficiali: MAI!

 

Quello che è accaduto nei giorni scorsi è inaudito, cattivo, stupido, inutile.

 

A tutti noi a tutti, piacerebbe vivere in zone amene, che profumino di gelsomino, e non è detto che sia impossibile: ma bisogna lavorarci duramente e non ci sono soluzioni semplici per problemi complicati.

 

 

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Come creare un sito web con Flazio