Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

sudpresslogo
sudpresslogo

CONTATTI

MENU

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

schermata 2022-11-20 alle 06.58.04
schermata 2022-11-20 alle 06.58.04
schermata 2022-11-20 alle 06.58.04
schermata 2022-11-20 alle 06.58.04

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

Il Talk in diretta alle 10 con "quelli di COMICS" che compie XXIX anniMondiali di calcio in Qatar: perchè?Ottima cosa via di Sangiuliano pedonale il sabato sera e la chiusura dei locali alle 2. E anche piazza Manganelli senza auto parcheggiate"Democrazia Partecipata", solo in 1.876 catanesi hanno votato. Ed è un peccatoDIBATTITO PER CATANIA (e non solo), per i rifiuti l'avv. Dario Riccioli lancia la proposta delle "Isole Ecologiche Mobili"Il post del Sottosegretario Vittorio Sgarbi dopo essere intervenuto durante il Talk sul caso Palazzo Beneventano di LentiniA Catania ciclo di incontri sul "Curatore Speciale del Minore", nuova importante figura nel processo di famigliaLa Galleria Carta Bianca compie oggi 25 anni, un record di longevità. E il patron Checco Rovella ce lo raccontaIl TALK delle 10 in diretta dal Palazzo Beneventano di Lentini: "Ma perché in Sicilia è così difficile fare cose belle?"Un gioco ormai troppo pericoloso

Come muoversi sul palcoscenico

21-03-2022 08:00

Marica Musumarra

Pianeta spettacolo,

Il palcoscenico può fare paura, anche ai performer professionisti. Il segreto per il successo? Mantenere la concentrazione e prendere confidenza con l

Il palcoscenico può fare paura, anche ai performer professionisti. Il segreto per il successo? Mantenere la concentrazione e prendere confidenza con lo spazio circostante. Ecco qualche consiglio utile!

 

Per un performer, che si tratti di un attore, di un cantante o di un ballerino, sapersi muovere correttamente e naturalmente sul palcoscenico è fondamentale: serve non solo a far funzionare al meglio uno spettacolo o un’esibizione, ma anche a trasmettere sicurezza e professionalità al pubblico di spettatori. 

Sicuramente, il modo migliore di padroneggiare il palco è rimanendo sempre concentrati, anche perché l’imprevisto è sempre dietro l’angolo e bisogna essere sempre pronti per trovare la soluzione più adatta per portare a termine lo spettacolo.

Ti serve qualche idea per prendere confidenza con il palcoscenico? Ecco qualche consiglio utile!

Niente belle statuine

Al pubblico non piace un attore, così come un performer che, pur avendo a disposizione degli oggetti, non li sfrutta. Questi poi si rivelano utili nel momento in cui si tende troppo a gesticolare, oppure si ha la sensazione di potersi distrarre da un momento all’altro. Avere padronanza del palcoscenico vuol dire anche avere feeling con tutti gli oggetti che vi sono posizionati sopra.

Seguire la luce

Quando ci si trova sul palco con le luci puntate addosso si può far fatica a capire se si è completamente illuminati, o se ci sono delle parti in ombra. Il segreto sta nel ricercare il calore generato dai fari e sentirlo puntato sul proprio corpo. Soprattutto nei teatri più piccoli, infatti, è molto facile poter avvertire la differenza di temperatura tra una parte del corpo illuminata e una no. Prestare attenzione a questo aiuta tutti i performer a essere sempre ben visibili durante la loro esibizione.

Avere consapevolezza

Quando si sale su un palcoscenico bisogna sempre chiedersi: da dove vengo? Dove sto andando? E soprattutto: chi sono? Ripetersi queste domande dietro le quinte, prima di entrare in scena, aiuta sia a concentrarsi, sia a calarsi nel personaggio, sia a prendere dimestichezza con lo spazio circostante.

Essere brillanti

Dopo tanto studio e duro lavoro, ricevere complimenti è il minimo in cui si possa sperare! Questo deve spingere ogni performer a brillare sul palco, mostrando il meglio di sé. Essere professionali e brillanti vuol dire, tra le altre cose, non stare relegati in un angolo, ma farsi spazio cercando di emergere. In fondo, il palco è abbastanza grande per accogliere tutti!

Tenere la posa di tre quarti

 

Se bisogna recitare un monologo, rimanere a lungo seduti o esibirsi da soli, il segreto sta nell’assumere la posizione di tre quarti. Che vuol dire? Che bisogna sempre tenere presente il pubblico, cioè l’interlocutore; di conseguenza, pur mantenendo una posizione statica, il volto può tranquillamente girarsi rivolgendosi agli spettatori. 

In teatro si evita generalmente di stare di profilo, adottando la tipica posa di tre quarti che si rivela un ottimo compromesso. Ad ogni modo, di solito è il regista a dare indicazioni in merito, ma provare anche autonomamente non costa nulla!

Mantenere la concentrazione

 

Stare in scena equivale a mantenere la concentrazione sempre al massimo: solo così è possibile rendersi conto di dove ci si trova, cosa si ha a disposizione, se sta accadendo uno dei famosi imprevisti e se è il caso di improvvisare per mantenere alta l’attenzione del pubblico. 

Dimenticare una battuta, saltare delle frasi, inciampare sono tutte casualità che possono capitare anche a chiunque; ma solo rimanendo concentrati si è in grado di prendere in mano le redini della situazione e ribaltarla a favore per ottenere un ottimo risultato!

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Come creare un sito web con Flazio