sudpresslogo
sudpresslogo

MENU

CONTATTI

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:

mof edizione 2022

telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

All'ASP di Catania siamo alla follia: manca il funzionario per i pagamenti e...non pagano servizi essenzialiCatania devastata, danneggiata statua di piazza Europa: sicuro che i veri delinquenti sono i vandali?Music Opera Festival: dal 28 maggio la terza edizione all'Ardizzone GioeniLa pace non è una zuccaPUBBLISERVIZI: il commissario Perazzoli e la Città Metropolitana continuano a litigare, appello alla responsabilità del presidente MolinoConvegno alla Camera dei Deputati sull'indipendenza energetica: partenariato Italia-AzerbaigianIl Giro d'Italia a Catania: dove si lavano pentole nelle fontane monumentali, di fronte al municipioGiovanni De Santis, già direttore del Luglio Musicale Trapanese, scende in campo contro le nomine "artistiche" del governo regionaleScandalo CamCom e SAC: Confedercontribuenti chiede di fare chiarezzaRegionali: è scontro totale tra Miccichè e Musumeci. Il caso del "favore" alla moglie del consigliere...

SAC Aeroporto Catania: l'AD Torrisi "double face" e la CGIL ritira la firma sulla cassa integrazione

09-03-2022 05:23

Pierluigi Di Rosa

Cronaca, SAC&CamCom, Focus,

SAC Aeroporto Catania: l'AD Torrisi "double face" e la CGIL ritira la firma sulla cassa integrazione

Non ci era mai capitato nella ultra decennale storia del giornale di doverci occupare per tre giorni consecutivi dello stesso soggetto: la SAC.

Non ci era mai capitato nella ultra decennale storia del giornale di doverci occupare per tre giorni consecutivi dello stesso soggetto: la SAC. 

 

In genere preferiamo, anche per strategia editoriale sui diversi target di lettori, alternare la nostra attenzione sui vari centri del potere locale di cui raccontiamo le gesta, e li raccontiamo tutti: un giorno università. l'altro sanità ed ASPCT in particolare, poi il governo regionale, Pubbliservizi, e così via; del comune di Catania ci occupiamo poco perché è difficile raccontare l'inconsistenza e scrivere dell'immobilismo totale è decisamente noioso.

 

Quindi, anche oggi SAC, pazienza: ma se la notizia è sempre più esagerata non è corretto raffreddarla, bisogna darla.

Ed è anche segno che si è in presenza in piena escalation di fatti che dovrebbero preoccupare gli organi di controllo evidentemente sempre più distratti tanto da essere ormai difficile sostenerne la casualità.

 

Cosa è successo ieri? L'apoteosi.

 

Mentre davamo notizia della profonda contraddizione di quanto accadeva in SAC con la richiesta di cassa integrazione per crisi aziendale avanzata all'INPS mentre si rinnovavano consulenze e avviavano promozioni, l'amministratore delegato in scadenza Torrisi con il presidente in scadenza Gambuzza e quello della controllata Sac Service Lentini indicevano una conferenza stampa per "martedì 8 marzo 2022, alle ore 10 presso la Torre Uffici dello scalo etneo".

 

La conferenza stampa c'è stata ed è stata seguita da un comunicato pubblicato sul sito della stessa SAC e ripreso dalla stampa locale:

schermata-2022-03-09-alle-06.25.22.png
comunicato-sac-flussi.png

Al di là dell'informazione principale, la stabilizzazione dei dipendenti cui facciamo auguri di cuore, quello che salta subito all'occhio, come vedremo non solo nostro, sono le affermazioni rese dall'AD in scadenza Torrisi, addirittura "orgoglioso" e non si capisce perché: 

affermazione 1: "già nei primi mesi del 2022 un incremento di passeggeri che, secondo le stime a disposizione, potrebbe anche raggiungere i livelli precedenti la pandemia." 

Ah si?

affermazione 2: "Da marzo a dicembre, le previsioni ci dicono che i dati di traffico potrebbero esssere pari se non superiori a quelli registrati 2019."

Ah si?  mmmm, viene da mormorare: quindi la società pubblica SAC va male quando c'è da prendere soldi pubblici danneggiando i dipendenti e va bene quando c'è da proclamare polpette?

 

Infatti appena qualche giorno prima, come da noi riportato proprio ieri, la stessa governance della stessa società SAC aveva dichiarato in sede ben più impegnativa di una conferenza stampa, cioè  gli uffici della Regione Siciliana :

verbcassa.png

Evidentemente i "dati a disposizione" di cui si serve l'attuale governance in scadenza della SAC appaiono più che ballerini e cambiano a seconda delle convenienze, tra richieste di agevolazoni statali e campagne elettorali.

numeri.png

Del resto del loro modo di "comunicare i numeri" ci siamo già occupati, dimostrando documentalmente che quelli che spacciavano come buoni risultati in realtà certificavano come, in termini di performace ed in rapporto agli altri scali nazionali, quello di Catania fosse già tra i peggiori d'Italia e fortunato solo a causa della sua posizione geografica che lo rende in pratica l'unico mezzo di trasporto.

 

Basterebbe mettergli un algoritmo a governarlo per ottenere risultati migliori, magari anche solo per il risparmio in consulenze e benefit vari.

Ma una cosa è la propaganda autoreferenziale, che può anche starci e dipendere da megalomanie di varia natura, una cosa è affermare il falso e impegnare una società pubblica in azioni contraddittorie con conseguenze probabilmente dannose sul piano anche erariale.

 

Infatti, come appare chiaro, le affermazioni rese da SAC nelle due sedi negli stessi giorni sono inconciliabili tra loro e delle due l'una: o si è affermato il falso dichiarando una crisi aziendale innanzi al Centro per l'Impiego con i sindacati al fine di ottenere l'agevolazione della cassa Integrazione a carico dell'INPS, oppure lo si è affermato dichiarando "incremento di passeggeri" e "stime a disposizione" che consentono previsioni superiori al periodo pre pandemia.

 

E questo non si può proprio fare.

 

Infatti, alla 19.39 di ieri sera 8 marzo, la CGIL Filt, firmataria dell'accordo sulla cassa integrazione di cui sopra, emana un comunicato devastante:

cgil-ritira-firma.png

Non occorrono ulteriori commenti: tutti i fatti sono stati esposti documentalmente a beneficio dei lettori, e non solo loro, affinché ci si si possa formare, come sempre, una opinione indipendentemente dalle simpatie ed antipatie di chi scrive.

 

Punto.


image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Come creare un sito web con Flazio