sudpresslogo
sudpresslogo

MENU

CONTATTI

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:

eventi mof 2021 (1)

telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

La guerra e i suoi effetti nel tempo. Per tuttiIntervista a Mons. Antonino Raspanti,Vescovo di Acireale e Presidente della Conferenza Episcopale Siciliana"Caso Baglieri", il CODACONS: "Assessore non paga TARI? CHIARISCA O SI DIMETTA SUBITO"Celebrato il primo congresso della battagliera sezione catanese del sindacato nazionale CUB Trasporti: il dr. Salvatore Ventimiglia confermato Segretario30 giugno/1 luglio a Palazzo dei Normanni il MID.MED SHIPPING & ENERGY FORUML'assessore regionale ai rifiuti Daniela Baglieri da 5 anni non paga ...la tassa sui rifiuti?Un pensiero per Fratel Biagio Conte che sta lottando. AncoraStanno sfidando la furia popolare: aumento tassa rifiuti del 18%Nasce anche a Catania il Gruppo Archeologico Amenanos: tante le iniziative culturali in programmaA Catania il primo Fringe Festival del teatro Off: bando per gli artisti prorogato al 16 luglio

Papa Francesco in TV da Fabio Fazio: perché no?

12-02-2022 06:00

Nicola Filippone

Cronaca, Focus,

Papa Francesco in TV da Fabio Fazio: perché no?

Oggi molto è cambiato e la Chiesa non è una multinazionale

1644177769757__.jpeg

La lunga intervista che il Papa ha rilasciato a Fabio Fazio lo scorso 6 febbraio, non è solamente uno storico evento mediatico, conseguito dal conduttore, ma uno straordinario ed efficace nuovo modo di evangelizzare.

 

Sì, è vero, Francesco ha affrontato molti temi d’attualità: le condizioni dei migranti, l’ecologia, il turpe commercio delle armi, la guerra.

Ma ha ripetutamente citato il Vangelo (la parabola del buon samaritano, quella del figliol prodigo, il prologo di San Giovanni), ha spiegato con semplicità cosa significa pregare e ha tenuto una incantevole lezione di antropologia cristiana.

 

Secondo l’auditel, la puntata è stata vista da circa sette milioni di telespettatori, alcuni dei quali rientrano certamente nel pubblico abituale di Che tempo che fa, ma molti si saranno aggiunti per seguire Bergoglio, che, in tal modo, è riuscito a parlare di Dio a milioni di persone, anche a chi non ne avrebbe voluto sentire parlare, nonostante fosse domenica.

 

La Chiesa in uscita, che egli ha più volte auspicato, è entrata nelle case degli Italiani, per portarvi la lieta novella. 
 

Dispiace leggere critiche, o percepire mugugni, di cattolici nostalgici della figura ieratica e inaccessibile del Pontefice.

 

Quella immagine andava bene quando la società, interamente cristiana, si riconosceva totalmente nella guida spirituale e morale del Vescovo di Roma.

Quando le chiese erano stracolme, perché tutti credevano in Dio ed erano, pertanto, desiderosi di ascoltare settimanalmente la sua Parola.

Quando ogni bambino appena nato veniva battezzato e ogni coppia sceglieva di sposarsi in chiesa, accostandosi al matrimonio come sacramento indissolubile.

Quando il catechismo era frequentato come la scuola e tanto la prima comunione che la cresima erano due appuntamenti attesi e desiderati. 
 

Oggi molto è cambiato!

 

In Italia, che è ancora uno dei Paesi più praticanti al mondo, i matrimoni civili hanno ormai superato quelli religiosi, con una percentuale del 52,6%: 2 su 3 al nord e 1 su 3 al sud.

Trent’anni fa si battezzava il 90% dei bambini, oggi si è scesi al 75%; per parecchi giovani la prima comunione è anche l’ultima.

Solo il 25% degli Italiani, di cui appena il 15% dei ragazzi, va a messa la domenica, in Europa non si va oltre il 4%.

Tempo fa suscitò scalpore l’avviso che un parroco veneziano affisse sulla porta della chiesa: “La messa è sospesa per mancanza di fedeli”. 
 

Sappiamo bene che la Chiesa non è una multinazionale in cerca di clienti e condividiamo la posizione di Benedetto XVI, che si preoccupava di avere una Chiesa più santa che numerosa.

D’altronde gli ingredienti a cui Gesù paragona i discepoli, il sale e il lievito, vanno usati in dosi contenute e tuttavia essi hanno effetti su grandi quantità di cibo.

Se questi effetti non si vedono da un bel po’, vuol dire che qualcosa non funziona, che la comunicazione non è efficace come una volta, che i credenti, forse, non sono più credibili. 
 

Lo sforzo di Francesco tende a mostrare il volto autentico della Chiesa, quello delle origini: povera, umile, caritatevole, accogliente, vicina agli ultimi e ai sofferenti.

Non clericale ma ecclesiale, meno gerarchica e più pastorale, meno rigida e più comprensiva, meno giudice e più madre.
 

Alla domanda sul perdono, il Papa ha risposto che esso “è un diritto di tutti gli esseri umani”, della guerra ha detto che è “l’anticreazione”, ma soprattutto ha chiarito che la realtà è superiore all’idea, non per una considerazione empirica, ma per una motivazione teologica: il Verbo si è fatto carne. 
 

Si potrebbe obiettare che da quando è stato eletto Bergoglio, le chiese non si sono riempite.

Ma è responsabilità sua o di chi ignora il cambiamento da lui inaugurato?

È indubbio che la stima che egli raccoglie è forse paragonabile a quella di Giovanni Paolo II.

Ovviamente questo non basta, chi è a servizio della Chiesa non lavora per sé, ma per il Regno di Dio.

Ma chi è stimato, in genere, è anche ascoltato e questo è il presupposto irrinunciabile di quella nuova evangelizzazione di cui, da anni, si discute e si sente la necessità. 

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Come creare un sito web con Flazio