sudpresslogo
sudpresslogo

CONTATTI

CONTATTI

MENU

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

1280x720

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

Potente spettacolo di Emergency venerdì 12 agosto all'Ardizzone Gioeni: oggi alle 18 il Talk di presentazioneCateno De Luca: al via la raccolta di firme per il Sindaco d'Italia. E di SiciliaSAC – Aeroporto di Catania: per l'Autorità Nazionale Anticorruzione è MALA GESTIORegionali, il ridicolo "veto" su Prestigiacomo di La Russa e Lega diventa boomerang: sul gommone pro-migranti c'era la senatrice leghista Valeria SudanoIl TALK di Sudpress, Speciale "Tosca" seconda puntata: sveliamo il misterioso Backstage dell'opera liricaRegione, i colonnelli siculi di FdI giocano col fuoco e mettono a rischio Lazio e premiershipLa tua campagna elettorale falla come si deve con Sudpress, Arti Grafiche Etna e Sicra Press: il massimo della Comunicazione Integrata"Come polli d'allevamento...tra macerie di valori"SI VOTA IL 25 SETTEMBRE: E ADESSO TUTTI ACCATTONI A PIETIRE PER UN VOTORifiuti a Catania, bomba sull'appalto "lotto Centro": la ditta GEMA coinvolta in indagini per mafia

Emergenza Covid: i presidenti delle commissioni consiliari Commercio e Urbanistica chiedono proroga suolo pubb

29-12-2021 06:29

redazione

Cronaca, Focus,

Emergenza Covid: i presidenti delle commissioni consiliari Commercio e Urbanistica chiedono proroga suolo pubblico

La protesta degli esercenti di CNA e Mio Italia

Esercizi commerciali, i presidenti delle commissioni consiliari Commercio Salvo Peci e Urbanistica Manfredi Zammataro:  “Condividiamo la protesta di Mio Italia e Cna. Occorre prorogare almeno di 1 anno la concessione di suolo pubblico per venire incontro alle difficoltà degli esercenti”.

 

                                                                                      -------------------------------------

 

I consiglieri comunali catanesi Salvo Peci di Grande Catania e Manfredi Zammataro di Diventerà Bellissima-  rispettivamente il primo presidente della commissione Commercio e il secondo della commissione Urbanistica - hanno incontrato i rappresentati delle associazioni Mio Italia  e Cna che hanno protestato in via Etnea per evidenziare la loro difficile situazione a causa delle nuove restrizioni legate alla pandemia.

 

Peci e Zammataro hanno accolto le argomentazioni delle sigle affermando che porteranno avanti la loro richiesta di modifica per quanto concerne il rilascio delle concessioni di  suolo pubblico. Attualmente il rilascio avviene verificando la regolarità contributiva della Tari negli ultimi 5 anni.

 

“Esprimiamo vicinanza a tutto il commercio catanese - dicono Peci e Zammataro - che sta soffrendo la nuova ondata pandemica e le conseguenti restrizioni. Catania è una città che vive di commercio, di turismo, di ristorazione e di intrattenimento e il quadro che si è delineato in questi ultimi due anni a causa del coronavirus è drammatico. Ragion per cui la politica ha il dovere di ascoltare le imprese e di trovare soluzioni che evitino di far abbassare le saracinesche per sempre e di far perdere posti di lavoro”.

 

“In questa fase moltissimi titolari di bar, ristoranti, alberghi e altre strutture del settore si trovano con un’alta esposizione debitoria dopo i primi e pesanti lockdown. I prestiti chiesti agli istituti di credito debbono essere restituiti. Ci si aspettava  che la fine dell’anno potesse essere un periodo di lavoro e di guadagni ma purtroppo ciò non è avvenuto. Il crollo di introiti che lamentano gli esercenti è di almeno il 60% a causa delle nuove restrizioni introdotte e del timore dei clienti per la nuova ondata pandemica. Le feste natalizie quindi sono state in tono minore: tantissimi i cenoni saltati, le cene aziendali oggetto di disdetta, i soggiorni negli alberghi e nei B&b saltati. A ciò si aggiunge il rincaro dei prezzi dell’energia (luce e gas) e delle materie prime di oltre il 40%. Un quadro a tinte fosche che rischia di mandare all’aria centinaia di imprese catanesi”.

 

“La politica cittadina può e deve dare segnali concreti. Per questa ragione ci faremo portavoce delle istanze delle sigle in merito al suolo pubblico. Un decreto legislativo recepito, mesi fa, dal consiglio comunale ha legato il rilascio del suolo pubblico alla condizione della regolarità contributiva della Tari negli ultimi 5 anni. Un provvedimento che era stato preso in un quadro più sereno e “normale”: adesso la pandemia ha nuovamente sparigliato le carte e molte imprese che avevano iniziato la rateizzazione dei pagamenti non possono più pagare. Pagare le tasse è un dovere civico ma occorre considerare l’assoluta situazione emergenziale . Chiederemo quindi - concludono Peci e Zammataro- , di prevedere la proroga di almeno 1 anno– per il rilascio delle concessioni di suolo pubblico. Dobbiamo tutelare il lavoro delle imprese: se non si riesce a far fronte al pagamento delle spese vive e degli stipendi, come si possono pretendere altri sforzi in un periodo emergenziale?”.

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Come creare un sito web con Flazio