Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

sudpresslogo
sudpresslogo

CONTATTI

MENU

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

progetto senza titolo (1)
progetto senza titolo (1)
progetto senza titolo (1)
progetto senza titolo (1)

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

Fallimento PUBBLISERVIZI: il commissario Portoghese risponde picche, silenzio assoluto della politica, cominciano le proteste dei dipendentiPUBBLISERVIZI, ULTIMORA delle 12: lavoratori in presidio attendono il commissario Portoghese, già insediati i Curatori che ricevono il CdAPUBBLISERVIZI FALLITA, parla il presidente Giuseppe Molino: “Il CDA spettatore impotente, si poteva evitare ma qualcuno ha remato contro”E come ogni Natale torna la buca di via Torino: sempre la stessaEdizione straordinaria del TALK di Sudpress: in diretta alle 11 dal liceo Majorana per un “Anima Mundi” che cambia il mondoIl Talk in diretta alle 10 con "quelli di COMICS" che compie XXIX anniMondiali di calcio in Qatar: perchè?Ottima cosa via di Sangiuliano pedonale il sabato sera e la chiusura dei locali alle 2. E anche piazza Manganelli senza auto parcheggiate"Democrazia Partecipata", solo in 1.876 catanesi hanno votato. Ed è un peccatoDIBATTITO PER CATANIA (e non solo), per i rifiuti l'avv. Dario Riccioli lancia la proposta delle "Isole Ecologiche Mobili"

Crack Banca Base: in 7 rinviati a giudizio

19-11-2021 07:03

Pierluigi Di Rosa

Cronaca, Inchieste, Focus,

Crack Banca Base: in 7 rinviati a giudizio

Sudpress aveva lanciato l'allarme nel 2014 e si è dovuto attendere il 2018...

Quando Sudpress si è occupata della vicenda Banca Base era il 2014 e la maggior parte dei catanesi non sapeva neanche cosa fosse e men che meno che sarebbe diventato un grosso problema per centinaia di clienti e che avrebbe squassato l'intero sistema bancario locale.

E non è la prima volta che si anticipano di anni esiti che poi diventano anche giudiziari: è accaduto per l'Università di Catania, la gestione del comune, il Cara di Mineo, tanto per citare i più eclatanti ed ora attendiamo di vedere cosa accadrà, ad esempio, nel campo delle varie gestioni emergenziali, Covid su tutte.

 

Non lo si ricorda per vanagloria, ma solo per segnalare che il più delle volte, soprattutto quando si è in presenza di inchieste giornalistiche dettagliate e documentate, basterebbe un pò più di attenzione e tempestività per evitare maggiori danni alla comunità, senza dover attendere interventi salvifichi da parte delle autorità sanzionatorie.

 

I casi in cui poteri pubblici o para-pubblici vengono esercitati con esagerata spregiudicatezza sono sotto gli occhi di tutti e persistono nonostante gli allarmi e le segnalazioni: quando arrivano, perché arriveranno come sempre, le autorità a rompere i vari giocattoli, i danni saranno sempre maggiori rispetto a quando si sarebbe potuto fermarli applicando un minimo di buon senso da parte delle varie autorità di controllo o soci pubblici di riferimento.

 

Ma torniamo alla notizia di oggi.

 

L'indagine su Banca Base della Guardia di Finanza denominata "Fake Bank" ha trovato un'ulteriore vaglio alle accuse formulate dalla Procura di Catania con il rinvio a giudizio disposto dal GIP Luigi Barone.

 

A processo, prima udienza fissata per il 27 settembre del 2022, andranno gli ex presidente Piero Bottino e direttore generale Gaetano Sannolo. Con loro gli ex "sindaci" Flavio Rampello e Francesco Torre, l’ex componente del collegio sindacale, Isidoro Edoardo Cutuli, e i promotori finanziari Giuseppe Deiana e Andrea Pappalardo.

 

I reati ipotizzati, a vario titolo, sono bancarotta fraudolenta, falso in prospetto, ostacolo all’esercizio delle funzioni di vigilanza.

 

Numerose le parti civili ammesse al processo, tra cui molti clienti rimasti col cerino in mano e che avevano acquistato azioni della banca per centinaia di migliaia di euro.

Per chi volesse ricordare la vicenda, a parte la nostra inchesta del 2014, basta ripercorrere le decine di notizie dedicate al caso:

schermata-2021-11-19-alle-06.21.15.pngschermata-2021-11-19-alle-06.21.26.pngschermata-2021-11-19-alle-06.21.35.pngschermata-2021-11-19-alle-06.21.44.png

Ed a seguire un estratto con le domande finali che in quella sede abbiamo posto:

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Come creare un sito web con Flazio