Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

sudpresslogo
sudpresslogo

CONTATTI

MENU

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

schermata 2022-11-20 alle 06.58.04
schermata 2022-11-20 alle 06.58.04
schermata 2022-11-20 alle 06.58.04
schermata 2022-11-20 alle 06.58.04

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

Il Talk in diretta alle 10 con "quelli di COMICS" che compie XXIX anniMondiali di calcio in Qatar: perchè?Ottima cosa via di Sangiuliano pedonale il sabato sera e la chiusura dei locali alle 2. E anche piazza Manganelli senza auto parcheggiate"Democrazia Partecipata", solo in 1.876 catanesi hanno votato. Ed è un peccatoDIBATTITO PER CATANIA (e non solo), per i rifiuti l'avv. Dario Riccioli lancia la proposta delle "Isole Ecologiche Mobili"Il post del Sottosegretario Vittorio Sgarbi dopo essere intervenuto durante il Talk sul caso Palazzo Beneventano di LentiniA Catania ciclo di incontri sul "Curatore Speciale del Minore", nuova importante figura nel processo di famigliaLa Galleria Carta Bianca compie oggi 25 anni, un record di longevità. E il patron Checco Rovella ce lo raccontaIl TALK delle 10 in diretta dal Palazzo Beneventano di Lentini: "Ma perché in Sicilia è così difficile fare cose belle?"Un gioco ormai troppo pericoloso

Stabile, i dipendenti: "Le uniche poltrone che dovrebbero contare sono quelle del pubblico", che raccoglie cen

02-11-2021 07:00

Pierluigi Di Rosa e Lucia Murabito

Cronaca, Cultura&Spettacolo, Focus, Comune di Catania,

Stabile, i dipendenti: "Le uniche poltrone che dovrebbero contare sono quelle del pubblico", che raccoglie centinaia di firme per la conferma del CdA

Una lettera accorata, con 5 pagine di nomi e cognomi di persone, abbonati, liberi cittadini che sottoscrivono un messaggio fortissimo.

teat-1635795847.png

Torniamo a parlare di Teatro Stabile e lo facciamo ancora una volta su entrambe le testate del gruppo Sud, per non lasciare che i riflettori si spengano su quanto sta accadendo e per evitare che le decisioni legate alla scelta del CdA passino in sordina.

 

E come la volta scorsa lo facciamo con pezzo a doppia firma (del direttore responsabile e dell’editore) per sottolineare la rilevanza di quanto sta accadendo.

 

Lo avevamo scritto lo scorso lunedì: il rinnovo del consiglio di amministrazione del Teatro Stabile è in corso e circolano voci inquietanti che, nonostante il dibattito scaturito a seguito dei due articoli che la nostra testata ha dedicato alla questione, nessuno si è preoccupato di mettere a tacere o smentire.

 

Il rinnovo dell’attuale CdA decaduto, lo stesso CdA che ha letteralmente salvato l’ente teatrale, non è ancora arrivato.

Segno e conferma che si sta tentando ancora una volta di trasformare un ente di enorme importanza e di fatto pubblico nel solito poltronificio.

 

Lo scrivevamo la volta scorsa: in qualsiasi situazione normale un Consiglio di amministrazione artefice di un così difficile risanamento, ovviamente ancora in corso, peraltro composto da personalità di indiscutibile valore e prestigio, sarebbe stato confermato in automatico.

 

Al coro delle richieste per mantenere al loro posto i membri del CdA e il Direttore Laura Sicignano, si aggiungono oggi i dipendenti del Teatro.

 

Una lettera accorata, con 5 pagine di nomi e cognomi di persone, abbonati, liberi cittadini che sottoscrivono un messaggio fortissimo.

 

Non tenerne conto adesso diventa davvero molto delicato per chi deve assumere la decisione ed in tempi rapidi: si è già perso troppo tempo e non è un bel messaggio.


Solitamente le firme si raccolgono per mandare a casa governance non gradite o palesemente dannifiche. Non per chiedere una cosa che avrebbe dell’ovvio e cioè mantenere al loro posto chi l’Ente lo ha risanato.

 

“Vi ricordate da che disastro stiamo venendo fuori?”, scrivono i dipendenti dello Stabile nella loro lettera.
Debiti, poltrone pignorate, dipendenti senza stipendio... un buco nero che stava per inghiottire tutto. E invece, in quei milioni di buchi poi sono stati piantati semi e si è protetto e vigilato sulle piante in attesa di raccoglierne i frutti”.

 

Quanto ha seminato questo CdA? Tantissimo! E tutte queste fioriture parlano da sole. L’immobile del Teatro è stato ristrutturato dentro e fuori grazie ad imprenditori del territorio”, prosegue la lettera.

 

A mandato scaduto si dovrebbe festeggiare con gioia un CdA che ha permesso tutto questo e riconfermarlo immediatamente e naturalmente lo stesso discorso riguarda Laura Sicignano, una Direttrice di cui essere fieri per le sue poliedriche competenze, per l’innegabile capacità di creare bellezza e per aver grandemente contribuito a rinsaldare il patto con noi spettatori, felici di un Teatro finalmente STABILE”.

 

E chiosano in maniera incontrovertibile:
 

"Le stanze dei bottoni dovrebbero considerare che le poltrone che contano a Teatro sono quelle della sala e noi abbonati, tutti all’impiedi applaudiamo chiedendo rumorosamente il BIS"

La raccolta fimre per sottoscrive quanto espresso nella lettera è ancora in corso e chi volesse può sottoscriverla utilizzando il form che trovate a questo link.


Leggi anche:


image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Come creare un sito web con Flazio