sudpresslogo
sudpresslogo

MENU

CONTATTI

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:

mof edizione 2022

telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

Catania sarebbe "virtuosa" perché non spende niente in "infrastrutture stradali"All'ASP di Catania siamo alla follia: manca il funzionario per i pagamenti e...non pagano servizi essenzialiCatania devastata, danneggiata statua di piazza Europa: sicuro che i veri delinquenti sono i vandali?Music Opera Festival: dal 28 maggio la terza edizione all'Ardizzone GioeniLa pace non è una zuccaPUBBLISERVIZI: il commissario Perazzoli e la Città Metropolitana continuano a litigare, appello alla responsabilità del presidente MolinoConvegno alla Camera dei Deputati sull'indipendenza energetica: partenariato Italia-AzerbaigianIl Giro d'Italia a Catania: dove si lavano pentole nelle fontane monumentali, di fronte al municipioGiovanni De Santis, già direttore del Luglio Musicale Trapanese, scende in campo contro le nomine "artistiche" del governo regionaleScandalo CamCom e SAC: Confedercontribuenti chiede di fare chiarezza

Stabile, i dipendenti: "Le uniche poltrone che dovrebbero contare sono quelle del pubblico", che raccoglie cen

02-11-2021 06:00

Pierluigi Di Rosa e Lucia Murabito

Cronaca, Cultura&Spettacolo, Focus, Comune di Catania,

Stabile, i dipendenti: "Le uniche poltrone che dovrebbero contare sono quelle del pubblico", che raccoglie centinaia di firme per la conferma del CdA

Una lettera accorata, con 5 pagine di nomi e cognomi di persone, abbonati, liberi cittadini che sottoscrivono un messaggio fortissimo.

teat-1635795847.png

Torniamo a parlare di Teatro Stabile e lo facciamo ancora una volta su entrambe le testate del gruppo Sud, per non lasciare che i riflettori si spengano su quanto sta accadendo e per evitare che le decisioni legate alla scelta del CdA passino in sordina.

 

E come la volta scorsa lo facciamo con pezzo a doppia firma (del direttore responsabile e dell’editore) per sottolineare la rilevanza di quanto sta accadendo.

 

Lo avevamo scritto lo scorso lunedì: il rinnovo del consiglio di amministrazione del Teatro Stabile è in corso e circolano voci inquietanti che, nonostante il dibattito scaturito a seguito dei due articoli che la nostra testata ha dedicato alla questione, nessuno si è preoccupato di mettere a tacere o smentire.

 

Il rinnovo dell’attuale CdA decaduto, lo stesso CdA che ha letteralmente salvato l’ente teatrale, non è ancora arrivato.

Segno e conferma che si sta tentando ancora una volta di trasformare un ente di enorme importanza e di fatto pubblico nel solito poltronificio.

 

Lo scrivevamo la volta scorsa: in qualsiasi situazione normale un Consiglio di amministrazione artefice di un così difficile risanamento, ovviamente ancora in corso, peraltro composto da personalità di indiscutibile valore e prestigio, sarebbe stato confermato in automatico.

 

Al coro delle richieste per mantenere al loro posto i membri del CdA e il Direttore Laura Sicignano, si aggiungono oggi i dipendenti del Teatro.

 

Una lettera accorata, con 5 pagine di nomi e cognomi di persone, abbonati, liberi cittadini che sottoscrivono un messaggio fortissimo.

 

Non tenerne conto adesso diventa davvero molto delicato per chi deve assumere la decisione ed in tempi rapidi: si è già perso troppo tempo e non è un bel messaggio.


Solitamente le firme si raccolgono per mandare a casa governance non gradite o palesemente dannifiche. Non per chiedere una cosa che avrebbe dell’ovvio e cioè mantenere al loro posto chi l’Ente lo ha risanato.

 

“Vi ricordate da che disastro stiamo venendo fuori?”, scrivono i dipendenti dello Stabile nella loro lettera.
Debiti, poltrone pignorate, dipendenti senza stipendio... un buco nero che stava per inghiottire tutto. E invece, in quei milioni di buchi poi sono stati piantati semi e si è protetto e vigilato sulle piante in attesa di raccoglierne i frutti”.

 

Quanto ha seminato questo CdA? Tantissimo! E tutte queste fioriture parlano da sole. L’immobile del Teatro è stato ristrutturato dentro e fuori grazie ad imprenditori del territorio”, prosegue la lettera.

 

A mandato scaduto si dovrebbe festeggiare con gioia un CdA che ha permesso tutto questo e riconfermarlo immediatamente e naturalmente lo stesso discorso riguarda Laura Sicignano, una Direttrice di cui essere fieri per le sue poliedriche competenze, per l’innegabile capacità di creare bellezza e per aver grandemente contribuito a rinsaldare il patto con noi spettatori, felici di un Teatro finalmente STABILE”.

 

E chiosano in maniera incontrovertibile:
 

"Le stanze dei bottoni dovrebbero considerare che le poltrone che contano a Teatro sono quelle della sala e noi abbonati, tutti all’impiedi applaudiamo chiedendo rumorosamente il BIS"

La raccolta fimre per sottoscrive quanto espresso nella lettera è ancora in corso e chi volesse può sottoscriverla utilizzando il form che trovate a questo link.


Leggi anche:


image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Come creare un sito web con Flazio