Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

sudpresslogo
sudpresslogo

CONTATTI

MENU

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

progetto senza titolo (1)
progetto senza titolo (1)
progetto senza titolo (1)
progetto senza titolo (1)

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

Fallimento PUBBLISERVIZI: il commissario Portoghese risponde picche, silenzio assoluto della politica, cominciano le proteste dei dipendentiPUBBLISERVIZI, ULTIMORA delle 12: lavoratori in presidio attendono il commissario Portoghese, già insediati i Curatori che ricevono il CdAPUBBLISERVIZI FALLITA, parla il presidente Giuseppe Molino: “Il CDA spettatore impotente, si poteva evitare ma qualcuno ha remato contro”E come ogni Natale torna la buca di via Torino: sempre la stessaEdizione straordinaria del TALK di Sudpress: in diretta alle 11 dal liceo Majorana per un “Anima Mundi” che cambia il mondoIl Talk in diretta alle 10 con "quelli di COMICS" che compie XXIX anniMondiali di calcio in Qatar: perchè?Ottima cosa via di Sangiuliano pedonale il sabato sera e la chiusura dei locali alle 2. E anche piazza Manganelli senza auto parcheggiate"Democrazia Partecipata", solo in 1.876 catanesi hanno votato. Ed è un peccatoDIBATTITO PER CATANIA (e non solo), per i rifiuti l'avv. Dario Riccioli lancia la proposta delle "Isole Ecologiche Mobili"

Rifiuti: "ma sono scemi?"

14-09-2021 07:40

Lucia Murabito

Cronaca, Focus,

Rifiuti: "ma sono scemi?"

Un risveglio sporco e putrido in una giornata dal ritrovato caldo di fine estate post piogge torrenziali. Prevedibile eppure nessuno muove foglia

munnizza1-1631593399.jpeg

Un risveglio sporco e putrido in una giornata dal ritrovato caldo di fine estate post piogge torrenziali. Prevedibile.

Eppure nessuno muove foglia


La città ieri si è svegliata sommersa di rifiuti ed è rimasta tale. Il reportage fotografico che alleghiamo riguarda la zona ovest della città, quella che non usufruisce dal servizio porta a porta e che continua a conferire i rifiuti indifferenziati nei cassonetti. E le foto sono scattate dopo le 17.00.


Montagne di rifiuti, cassonetti traboccanti, puzza nauseabonda.


Un’emergenza preannunciata e alla quale nessuno si è preoccupato di porre rimedio preventivamente, quella che ieri si è manifestata in tutta la sua drammaticità.
Infatti, mentre la città è invasa dai rifiuti, i mezzi della nettezza urbana di vari comuni compreso Catania, sono incolonnati davanti ai cancelli (chiusi) della discarica di Contrada Coda Volpe di proprietà della Sicula Trasporti.

L’avviso inviato lo scorso 8 settembre parlava chiaro: in un paio di giorni la capacità di conferimento della discarica dal 1.500 tonnellate al giorno sarebbe stata limitata a sole 600 tonnellate di rifiuti indifferenziati.
Come prevedibile è stato il caos: le grossissime quantità già raccolte ma comunque in eccesso sono rimaste negli autocompattatori e il resto dei rifiuti è rimasto a marcire sui marciapiedi.

 

Ma la cosa grave, gravissima, è che questo è solo l'ultimo degli innumerevoli avvisi ricevuti dalle autorità competenti, regione e comune, che sono rimaste del tutto inerti.


E dimostra in maniera tangibile perché il bando settennale sia andato per l’ennesima volta deserto fatto salvo il lotto che ha visto vincitrici due ditte già note alla cronaca: con 500 tonnellate di rifiuti indifferenziati al giorno da smaltire in discarica, con un blocco come quello imposto dalla SiculaTrasporti i costi per lo smaltimento (all’estero?) sarebbe inquantificabili e totalmente a carico della ditta appaltatrice.
Non può essere la soluzione, nessun imprenditore sano di mente accetterebbe.
Eppure, nonostante le segnalazioni prima e i ricorsi poi, si è proseguito su questa strada arrivando ancora una volta alla situazione di stallo attuale. 


E dall’Amministrazione comunale tutto tace. Come se niente stesse succedendo.
Mentre la città è sommersa dai rifiuti.

munnizza1-1631593438.jpegmunnizza4-1631593454.jpegmunnizza3-1631593472.jpegmunnizza2-1631593504.jpeg
image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Come creare un sito web con Flazio