sudpresslogo

Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

sudpresslogo

MENU

CONTATTI

MENU

CONTATTI

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

se devi comunicare qualcosa...
se devi comunicare qualcosa...

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

Comune di Catania senza testa: iniziano lavori stradali in circonvallazione alle 8 di un lunedì lavorativo. E provocano un delirioDIBATTITO PER CATANIA (e non solo), l'avvocato Rocco Todero sulla "allergia ai controlli" da parte del potere politicoBasta con gli studenti comparse alle parate del potere: COSTRUITEGLI SCUOLE DEGNE ED UN FUTURO SOSTENIBILEI tempi delle donne al potere, tra demagogia e sostanzaFesta della Repubblica, nessun catanese tra i nuovi Cavalieri del Lavoro: bruttissimo segnaleSIDRA, il presidente Fabio Fatuzzo: "Abbiamo fatto tanto, ora pronti a rimettere il mandato nelle mani del nuovo sindaco"MPA prima forza a Catania - Marco Falcone si riprende Forza Italia, fuori D'Agostino - Da capire chi vince in FdI e la Lega è SammartinoUna persona perbene. Il resto si vedrà...San Berillo Vecchio, cominciamo da qui?Camere di Commercio: il "pasticcio Schifani" finisce al ministero e le categorie sconfessano il governo regionale"Educazione e Giustizia": il libro di Daniela Mainenti che racconta Francesca Morvillo

Rifiuti: "ma sono scemi?"

14-09-2021 06:40

Lucia Murabito

Cronaca, Focus,

Rifiuti: "ma sono scemi?"

Un risveglio sporco e putrido in una giornata dal ritrovato caldo di fine estate post piogge torrenziali. Prevedibile eppure nessuno muove foglia

munnizza1-1631593399.jpeg

Un risveglio sporco e putrido in una giornata dal ritrovato caldo di fine estate post piogge torrenziali. Prevedibile.

Eppure nessuno muove foglia


La città ieri si è svegliata sommersa di rifiuti ed è rimasta tale. Il reportage fotografico che alleghiamo riguarda la zona ovest della città, quella che non usufruisce dal servizio porta a porta e che continua a conferire i rifiuti indifferenziati nei cassonetti. E le foto sono scattate dopo le 17.00.


Montagne di rifiuti, cassonetti traboccanti, puzza nauseabonda.


Un’emergenza preannunciata e alla quale nessuno si è preoccupato di porre rimedio preventivamente, quella che ieri si è manifestata in tutta la sua drammaticità.
Infatti, mentre la città è invasa dai rifiuti, i mezzi della nettezza urbana di vari comuni compreso Catania, sono incolonnati davanti ai cancelli (chiusi) della discarica di Contrada Coda Volpe di proprietà della Sicula Trasporti.

L’avviso inviato lo scorso 8 settembre parlava chiaro: in un paio di giorni la capacità di conferimento della discarica dal 1.500 tonnellate al giorno sarebbe stata limitata a sole 600 tonnellate di rifiuti indifferenziati.
Come prevedibile è stato il caos: le grossissime quantità già raccolte ma comunque in eccesso sono rimaste negli autocompattatori e il resto dei rifiuti è rimasto a marcire sui marciapiedi.

 

Ma la cosa grave, gravissima, è che questo è solo l'ultimo degli innumerevoli avvisi ricevuti dalle autorità competenti, regione e comune, che sono rimaste del tutto inerti.


E dimostra in maniera tangibile perché il bando settennale sia andato per l’ennesima volta deserto fatto salvo il lotto che ha visto vincitrici due ditte già note alla cronaca: con 500 tonnellate di rifiuti indifferenziati al giorno da smaltire in discarica, con un blocco come quello imposto dalla SiculaTrasporti i costi per lo smaltimento (all’estero?) sarebbe inquantificabili e totalmente a carico della ditta appaltatrice.
Non può essere la soluzione, nessun imprenditore sano di mente accetterebbe.
Eppure, nonostante le segnalazioni prima e i ricorsi poi, si è proseguito su questa strada arrivando ancora una volta alla situazione di stallo attuale. 


E dall’Amministrazione comunale tutto tace. Come se niente stesse succedendo.
Mentre la città è sommersa dai rifiuti.

munnizza1-1631593438.jpegmunnizza4-1631593454.jpegmunnizza3-1631593472.jpegmunnizza2-1631593504.jpeg
image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Come creare un sito web con Flazio