Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

sudpresslogo
sudpresslogo

CONTATTI

MENU

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

progetto senza titolo (1)
progetto senza titolo (1)
progetto senza titolo (1)
progetto senza titolo (1)

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

Fallimento PUBBLISERVIZI: il commissario Portoghese risponde picche, silenzio assoluto della politica, cominciano le proteste dei dipendentiPUBBLISERVIZI, ULTIMORA delle 12: lavoratori in presidio attendono il commissario Portoghese, già insediati i Curatori che ricevono il CdAPUBBLISERVIZI FALLITA, parla il presidente Giuseppe Molino: “Il CDA spettatore impotente, si poteva evitare ma qualcuno ha remato contro”E come ogni Natale torna la buca di via Torino: sempre la stessaEdizione straordinaria del TALK di Sudpress: in diretta alle 11 dal liceo Majorana per un “Anima Mundi” che cambia il mondoIl Talk in diretta alle 10 con "quelli di COMICS" che compie XXIX anniMondiali di calcio in Qatar: perchè?Ottima cosa via di Sangiuliano pedonale il sabato sera e la chiusura dei locali alle 2. E anche piazza Manganelli senza auto parcheggiate"Democrazia Partecipata", solo in 1.876 catanesi hanno votato. Ed è un peccatoDIBATTITO PER CATANIA (e non solo), per i rifiuti l'avv. Dario Riccioli lancia la proposta delle "Isole Ecologiche Mobili"

Bomba della discarica Sicula Trasporti sull'appalto rifiuti della città di Catania

10-09-2021 08:00

Pierluigi Di Rosa

Cronaca, Focus,

Bomba della discarica Sicula Trasporti sull'appalto rifiuti della città di Catania

È di nuovo emergenza. L'ennesima

03cc1eda-603d-41ef-b356-8913428e42ed-1631212719.jpg

Ce ne siamo occupati più volte. E non solo noi, ovviamente.

Quella dei rifiuti in Sicilia è una gestione folle, spesso criminale.

 

Da decenni, una vergogna intollerabile che ormai è diventata una vera e propria emergenza anche sanitaria, meno appetibile mediaticamente di qualsiasi pandemia, ma probabilmente più resistente: NON C'È VACCINO CHE POSSA RISOLVERLA.

 

Occorrerebbero legislatori, governanti, amministratori, dirigenti e funzionari capaci ed efficienti, magari anche moderatamente onesti: a quanto pare dalle nostre parti questi requisiti minimi appaiono miraggi.

 

I risultati, in ogni campo, parlano chiaro: siamo in mano ad un branco, nella migliore delle ipotesi, di incapaci.

 

Ora, per quanto riguarda il campo dei rifiuti scatta l'ennesima emergenza, al solito annunciata da mesi, anzi da anni, senza che nessuno degli imbecilli preposti, e pagati, per affrontare questo genere di problemi sia riuscito ad individuare una soluzione. Non ci tentano neanche.

Sono tutti troppo impegnati a sommare voti di preferenza, se di provenienza delinquente meglio ancora.

 

La discarica della Sicula Trasporti, con i proprietari finiti in galera e attualmente gestita da tre amministratori giudiziari, presso la quale conferiscono rifiuti circa 250 comuni, tra cui quello di Catania, ha comunicato che a far data 10 settembre non potrà accogliere più di 600 tonnelate al giorno, mentre sino ad oggi ne riceveva 1600: ai profani la cosa non dirà nulla, basta segnalare che la sola Catania ne produce 500!

 

Essendo sature anche tutte le altre discariche della regione, significa che l'immondizia rimarrà sui compattatori e quella nei cassonetti per le strade non potrà essere raccolta, rimanendo a marcire per chissà quanto tempo.

 

L'alternativa è quella paventata da molti: trasferire i rifiuti oltre lo Stretto, magari all'estero, con enormi costi di trasporto e smaltimento.

 

Una demenza stratosferica.

 

E qua torna d'attualità il bislacco appalto per la raccolta dei rifiuti del comune di Catania aggiudicato per due lotti a due ditte già note alle cronache e per quello più importante, Catania Centro, andato addirittura deserto.

 

Lo strambo capitolato, oltre alle altre bizzarrie sui calcoli di costo e servizi non previsti, contiene la clausola vessatoria del trasporto a carico della ditta nel caso di discariche in loco non disponibili.

 

In pratica, secondo gli scienziati redattori del bando, se per esigenze imprevedibili, magari correlate come adesso alla incapacità della regione di garantire lo smaltimento, fosse necessario trasferire i rifiuti in Kamchatka o magari sulla Luna, i relativi costi, indefinibili e non preventivabili, dovrebbe caricarseli la ditta aggiudicatrice dell'appalto.

 

Chiaro che solo un imprenditore completamente scemo, se non altro, potrebbe assumere un alea di rischio così irragionevole.

 

Tanto assurdo che risultano pendenti dei ricorsi giudiziari in sede amministrativa, ma il TAR di Catania se ne è lavato le mani giudicandoli inammissibili per cavilli legulei, mentre il CGA se la sta pensando: nel frattempo la situazione sta precipitando e si spera che questi giudici amministrativi abbiano abitazioni nei pressi di cassonetti, così almeno possono rendersi conto del costo sociale delle decisioni non prese.

 

A Catania, manco a dirlo, la situazione determinata dalle condizioni in cui si trova Sicula Trasporti, oltre a confermare l'emergenza ormai sanitaria oltre che estetica dei prossimi giorni, dimostra in maniera definitiva quanto sia irragionevole il bando approvato dal comune di Catania ed annuncia quanti problemi creerà alla cittadinanza.

Ma non è roba da uscire di testa?

schermata2021-09-09alle20-31-48-1631212649.png
schermata2021-09-09alle20-32-01-1631212669.png
rifiuti3-1631212687.png
image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Come creare un sito web con Flazio