sudpresslogo
sudpresslogo

CONTATTI

CONTATTI

MENU

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

1280x720

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

Potente spettacolo di Emergency venerdì 12 agosto all'Ardizzone Gioeni: oggi alle 18 il Talk di presentazioneCateno De Luca: al via la raccolta di firme per il Sindaco d'Italia. E di SiciliaSAC – Aeroporto di Catania: per l'Autorità Nazionale Anticorruzione è MALA GESTIORegionali, il ridicolo "veto" su Prestigiacomo di La Russa e Lega diventa boomerang: sul gommone pro-migranti c'era la senatrice leghista Valeria SudanoIl TALK di Sudpress, Speciale "Tosca" seconda puntata: sveliamo il misterioso Backstage dell'opera liricaRegione, i colonnelli siculi di FdI giocano col fuoco e mettono a rischio Lazio e premiershipLa tua campagna elettorale falla come si deve con Sudpress, Arti Grafiche Etna e Sicra Press: il massimo della Comunicazione Integrata"Come polli d'allevamento...tra macerie di valori"SI VOTA IL 25 SETTEMBRE: E ADESSO TUTTI ACCATTONI A PIETIRE PER UN VOTORifiuti a Catania, bomba sull'appalto "lotto Centro": la ditta GEMA coinvolta in indagini per mafia

SudWoW Talk: alle 19.30 live "Cannabis Medica, in Sicilia la cura negata"

05-07-2021 07:00

SudTalk

SudTalk, Focus,

SudWoW Talk: alle 19.30 live "Cannabis Medica, in Sicilia la cura negata"

Ospiti di Chiara Borzì Santa Sarta e Chiara Bellia del Comitato Pazienti Cannabis ed il contributo di chi vive sulla propria pelle questa malaburocrazia

In diretta sulla pagina Facebook e canale Youtube di SudPress con WoW, world of women, il talk condotto da Chiara Borzì un'altra puntata del nostro modo di raccontare il mondo al femminile.

 

Stavolta un tema importante e delicato che coinvolge il benessere di migliaia di pazienti che potrebbero ottenere sollievo dal ricorso a cure che però vengono negate per deficit ideologici o inefficienze amministrative.

 

“La richiesta di cannabis a uso terapeutico è una pratica in costante crescita, autorizzata con decreto regionale, perché di notevole efficacia in specifiche patologie. Il preparato, però, ha costi elevati. L’unico soggetto autorizzato alla produzione medica a uso terapeutico è lo Stabilimento chimico farmaceutico militare di Firenze (Scfm), che non riesce a soddisfare il fabbisogno nazionale. Per tale motivo ho presentato una mozione all’Ars che impegna il governo a garantire un trattamento più omogeneo in tutte le Asp siciliane (quelle di Trapani e Caltanissetta già prevedono il rimborso delle spese per l’acquisto del preparato)”.

 

Dalla nota del presidente della Commissione affari istituzionali dell’Ars, Stefano Pellegrino, sono passati cinque mesi, ma da febbraio del 2021 la Regione Siciliana comunica l’intenzione di supportare le esigenze dei malati di sclerosi multipla, fibromialgia, osteoartrosi e artriti che necessitano di cannabis terapeutica.

 

Fin dal decreto 17 gennaio 2020, il Governo Musumeci stabilisce di garantire la prescrizione di cannabis terapeutica a carico del Servizio Sanitario Nazionale, ma per i 1.500 malati siciliani non è esiste lo stesso accesso al farmaco a causa dell’assenza di convenzioni con le asp territoriali. 

 

Solo a Messina, Caltanissetta, Ragusa e dallo scorso maggio a Catania sono presenti farmacie autorizzate a dare seguito alle prescrizioni. 

 

Lo scorso Marzo con il parere favorevole del Governo, l’Assemblea regionale siciliana ha dato via libera alla norme contenute in Finanziaria per l’avvio di progetti per la fornitura di cannabis terapeutica (articolo 67). 

Con questa norma si autorizza la coltivazione del farmaco, mediante enti strumentali dell’assessorato all’Agricoltura, come l’Esa, per "sopperire alle richieste derivanti dal fabbisogno accertato dalle Autorità Sanitarie nazionali di produzione della Cannabis terapeutica".

 

In termini legislativi la Sicilia ha compiuto notevoli passi in avanti, ma quanta di questa attività burocratica si è già ripercorsa positivamente sulla vita dei pazienti siciliani?

 

L’accesso alle cure costa dai 300 ai 500 euro mensili e senza il supporto del Servizio Sanitario Nazionale non si esclude la scelta di ricorrere al mercato degli stupefacenti gestito dalla criminalità organizzata. 

C’è un’alternativa ed è la coltivazione in casa. 

 

Una scelta che ha portato però alla sbarra Walter De Benedetto, malato quarantottenne di artrite reumatoide, arrivato in tribunale di Arezzo in ambulanza, per ascoltare la sentenza di assoluzione che ha chiuso il procedimento aperto a sui carico per aver coltivato cannabis nel giardino della propria abitazione. 

 

Di questi e altri paradossi parleremo lunedì 5 luglio a Wow - World of Woman, il talk condotto da Chiara Borzi’ con ospiti la vice presidente del Comitato Pazienti Cannabis di Sant’Alessio Siculo (Me) Santa Sarta, la volontaria Chiara Bellia e con la testimonianza di una paziente che vive sulla sua pelle i problemi causati da una burocrazia che non si riesce a rendere utile. 

 

Appuntamento alle 19:30 sulla pagina Facebook e il canale Youtube di SudPress. 

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Come creare un sito web con Flazio