Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

sudpresslogo
sudpresslogo

CONTATTI

MENU

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

schermata 2022-11-20 alle 06.58.04
schermata 2022-11-20 alle 06.58.04
schermata 2022-11-20 alle 06.58.04
schermata 2022-11-20 alle 06.58.04

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

Il Talk in diretta alle 10 con "quelli di COMICS" che compie XXIX anniMondiali di calcio in Qatar: perchè?Ottima cosa via di Sangiuliano pedonale il sabato sera e la chiusura dei locali alle 2. E anche piazza Manganelli senza auto parcheggiate"Democrazia Partecipata", solo in 1.876 catanesi hanno votato. Ed è un peccatoDIBATTITO PER CATANIA (e non solo), per i rifiuti l'avv. Dario Riccioli lancia la proposta delle "Isole Ecologiche Mobili"Il post del Sottosegretario Vittorio Sgarbi dopo essere intervenuto durante il Talk sul caso Palazzo Beneventano di LentiniA Catania ciclo di incontri sul "Curatore Speciale del Minore", nuova importante figura nel processo di famigliaLa Galleria Carta Bianca compie oggi 25 anni, un record di longevità. E il patron Checco Rovella ce lo raccontaIl TALK delle 10 in diretta dal Palazzo Beneventano di Lentini: "Ma perché in Sicilia è così difficile fare cose belle?"Un gioco ormai troppo pericoloso

Franco Battiato: il ricordo di Carmelo Bongiorno

19-05-2021 08:00

Carmelo Bongiorno

Cronaca, Cultura&Spettacolo, Focus,

Franco Battiato: il ricordo di Carmelo Bongiorno

"Ho bisogno di conoscerti"

carmelobongiorno2-1621399659.png

“Credo di esprimere attraverso le immagini le sensazioni che tu riveli nei tuoi brani, cerco una luce che illumini i miei pensieri neri. Ho bisogno di conoscerti”.

 

Questo, in sintesi, il senso della lettera che accompagnava una scatola bassa con trenta mie fotografie in bianco e nero rigorosamente stampate in camera oscura che, con ansia, spedii a Franco Battiato nel 1992.

 

 

f64c1782-b51a-4969-94aa-64dfca5f4721-1621399595.jpg

Ricevetti presto il suo apprezzamento e pochi giorni dopo ci ritrovammo, mentre lui dipingeva, nella sua veranda inondata di luce a parlare di musica, di fotografia, di certi impostori camuffati da artisti, di politici corrotti e di granite alla mandorla.

 

Ricordo che quel giorno percorsi la strada fino a Milo con l’ansia del confronto e facendomi mille domande: trovai ad accogliermi una persona amorevole e profonda, mi sentii immediatamente a mio agio e chiacchierammo per ore come se ci conoscessimo da sempre. 

 

Dopo di quello molti incontri si sono succeduti, generando sintonie creative e alcuni “scambi”: da me qualche copertina con le mie immagini, un video e alcuni ritratti fatti in varie occasioni, da lui la sua presentazione (e presenza) alla mia mostra antologica del 2010 e, andando a ritroso, alcuni testi per i miei lavori tra cui uno profondissimo per il libro L’isola intima del 1997.  

 

“...Ambienti e persone appaiono in stato onirico... La fotografia si trasforma in pensiero”: non ho mai avuto parole più vere e profonde sui miei lavori di quelle scritte da Franco.

 

Nel tempo qualcuno mi ha anche definito “fotografo di Battiato”, ma in realtà non sono molte le foto che ho fatto a Franco, e quando è successo erano perlo più richieste da qualche rivista o da lui stesso, come nel caso della copertina de “L’ombrello e la macchina da cucire” di cui conservo il dolcissimo ricordo di una giornata con tante risate e il coro di artisti catanesi da lui diretti mentre Sgalambro osservava in disparte perso tra i suoi pensieri.

 

Con Franco di fotografie ne abbiamo viste e commentate molte insieme, ma spesso erano i miei lavori che avevo bisogno di rivedere attraverso i suoi sguardi, la sua geniale curiosità e i suoi entusiasmi, compreso l’ultimo pubblicato l’anno scorso.

 

Anch’io “ho percorso il cammino arrampicandomi”! e purtroppo devo farlo ancora, ma la grandezza di Franco, la sua musica e la sua amicizia sono stati e saranno sempre per me un rifugio dell’anima, gioia e stupore, un privilegio assoluto.

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Come creare un sito web con Flazio