Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

sudpresslogo
sudpresslogo

CONTATTI

MENU

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

progetto senza titolo (1)
progetto senza titolo (1)
progetto senza titolo (1)
progetto senza titolo (1)

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

Fallimento PUBBLISERVIZI: il commissario Portoghese risponde picche, silenzio assoluto della politica, cominciano le proteste dei dipendentiPUBBLISERVIZI, ULTIMORA delle 12: lavoratori in presidio attendono il commissario Portoghese, già insediati i Curatori che ricevono il CdAPUBBLISERVIZI FALLITA, parla il presidente Giuseppe Molino: “Il CDA spettatore impotente, si poteva evitare ma qualcuno ha remato contro”E come ogni Natale torna la buca di via Torino: sempre la stessaEdizione straordinaria del TALK di Sudpress: in diretta alle 11 dal liceo Majorana per un “Anima Mundi” che cambia il mondoIl Talk in diretta alle 10 con "quelli di COMICS" che compie XXIX anniMondiali di calcio in Qatar: perchè?Ottima cosa via di Sangiuliano pedonale il sabato sera e la chiusura dei locali alle 2. E anche piazza Manganelli senza auto parcheggiate"Democrazia Partecipata", solo in 1.876 catanesi hanno votato. Ed è un peccatoDIBATTITO PER CATANIA (e non solo), per i rifiuti l'avv. Dario Riccioli lancia la proposta delle "Isole Ecologiche Mobili"

Pubbliservizi, sindacati scatenati si sentono presi in giro dal Sindaco: TROPPO TEMPO PER USCIRE DAL FALLIMENT

08-05-2021 08:00

Lucia Murabito

Cronaca, Focus, Pubbliservizi,

Pubbliservizi, sindacati scatenati si sentono presi in giro dal Sindaco: TROPPO TEMPO PER USCIRE DAL FALLIMENTO

360 lavoratori rischiano il posto di lavoro, ma dal Sindaco della Città Metropolitana nessuna risposta

pubbliservizi-sindaco-pogliese-1620423204.png

360 lavoratori rischiano il posto di lavoro, ma dal Sindaco della Città Metropolitana nessuna risposta. Che fine ha fatto il concordato fallimentare?


Le richieste che i lavoratori di Pubbliservizi hanno fatto pervenire in questi mesi ai vertici della società sono semplici: è necessario che il Socio pubblico (cioè la Città Metropolitana) ponga in essere azioni finalizzate a riportare Pubbliservizi fuori dall'Amministrazione Straordinaria
 

Ma non sono servite nè le sollecitazioni da parte del Presidente del Cda, nè la lettera aperta scritta dai dipendenti per smuovere le acque e vedere in azione il sindaco della Città Metropolitana.
 

Occorre che il concordato fallimentare sia redatto in fretta e serve pensare un piano che sia non solo di saldo dei debiti pregressi, ma anche di continuità aziendale e di rilancio, così da salvaguardare i posti di lavoro.

Sono 360, infatti, le famiglie che dipendono dal concordato del quale ad oggi non si ha nessuna notizia.


Ma sono passati oltre due mesi dall’incontro tra le sigle sindacali e il Commissario Perazzoli e nonostante le rassicurazioni di quest’ultima  che aveva assicurato tempi brevi di stesura del concordato e della copertura finanziaria dello stesso da parte del socio pubblico e ad oggi del concordato non vi è traccia.


Così i sindacati scendono nuovamente in campo.

schermata2021-05-08alle06-02-29-1620446576.png

Già nei giorni scorsi Maurizio Grosso e Giovanna Inzerillo del Sifus-Confali durissimi nei confronti tanto del socio unico Città Metropolitana che del commissario ministeriale avv. Maria Virginia Perazzoli.

 

Adesso anche le altre sigle Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uil Trasporti proclamano lo stato di agitazione “preoccupate della situazione economico-finanziaria della società, che ad oggi vanta un credito di oltre 3 milioni di euro nei confronti del socio Città Metropolitana di Catania”.


Scenderanno in piazza il prossimo 15 maggio per scioperare affinché si ponga fine alla situazione di incertezza sul futuro della Pubbliservizi S.p.A. in A.S., e si proceda alla redazione del concordato straordinario, “unica strada per scongiurare il fallimento”.


Ugl Catania invece sollecita il Dirigente del Dipartimanto Affari Amministrativi e Risorse FInanziarie Francesco Schilirò ad organizzare un incontro urgente. Incontro che il segretario confederale Carmelo Catalano aveva già richiesto in data 21 aprile ma la cui richiesta è stato costretto a reiterare nella data di ieri non avendo ricevuto riscontro.


360 famiglie attendono di uscire dal limbo, ma dal Sindaco Metropolitano Salvo Pogliese nessuna risposta.

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Come creare un sito web con Flazio