sudpresslogo
sudpresslogo

MENU

CONTATTI

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:

mof edizione 2022

telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

Sabato 28 MAGGIO super evento rock all'Ardizzone GioeniPresentato il concerto-evento "Emozioni", Mogol con Gianmarco Carroccia al Teatro Bellini il 18 giugnoIntervista ad Antonio Balsamo, presidente del Tribunale di Palermo23 maggio 2022: la cultura mafiosa celebra il suo trionfo. Perché ha vintoI TALK. SudPress e SudStyle in diretta alle 10.00: "SIAMO TUTTI EDIPO!"Dinamometri: caratteristiche e vantaggi dei modelli digitaliAd Aci Trezza Il Ciclope di Ligama illumina Villa Fortuna"Esterno notte"...un dispiacere essere solo in dieci in salaOrdine pubblico a Catania, interrogazione alla Camera e risposta del tutto inadeguata del MinistroLungomare di Catania dedicato (per finta) a Franco Battiato: il tripudio non è unanime

FREE TO BE MYSELF - LA COMUNITÀ LGBTQ+ E L'EFFETTIVITÀ DEI DIRITTI

04-05-2021 12:11

Giornalisti del Futuro

Il Mediterraneo in miniatura,

0

I diritti della comunità LGBTQ+ nella società attuale, tra rivendicazione e persecuzione

I diritti della comunità LGBTQ+ tra rivendicazione e persecuzione


di G. Nicotra, A. Grasso

 

Al 28 giugno del 1969 risale il primo passo verso l’affermazione dei diritti della comunità LGBTQ+, con la rivolta newyorkese a Stonewall, ma ancora oggi la lotta non si ferma e la strada è ancora lunga. La classe 5F del Liceo Scientifico “Archimede” di Acireale (CT) ha voluto rivolgere l’attenzione di docenti e di studenti e studentesse davanti ad un problema giuridico e sociale attuale, quello della non effettività dei diritti della comunità LGBTQ+. In vista della Giornata dei Diritti del 10 dicembre 2020, la classe ha lavorato alla realizzazione di un video intitolato “Free to be myself” (Liber* di essere me stess*). L'effettivo montaggio della clip, al quale ha lavorato Giulia Nicotra, è stato preceduto da un’accurata raccolta dati della quale si sono occupati gli/le alunni/e attraverso la ricerca di articoli e materiale audiovisivo riguardanti fatti recenti che vedevano come protagonisti ragazz* anagraficamente vicini e situazioni conosciute grazie a social come Instagram e YouTube. Si è parlato dei diritti giuridici non riconosciuti alle persone transgender, per ciò che concerne la richiesta di nuovi documenti di identità. e della psicologia del percorso di transizione, utilizzando le stesse parole di Francesco Ciccionetti e Josephine Yole Signorelli, in arte “Fumettibrutti”. Sono presenti nel video anche esempi di discriminazione della comunità e di omotransfobia, alle quali seguono l’utilizzo di errata terminologia, insulti sui social, violenza verbale e fisica e atti di persecuzione che hanno minato  e minano la libertà delle persone citate. Il video si apre con delle frasi tratte da documenti e articoli di “Osservatorio dei diritti” e “Amnesty International” che sostengono il messaggio di cui gli/le studenti/esse si fanno portatori/ici. Come sottofondo musicale è stato scelto il brano “In the air tonight”, cover della famosa canzone di Phil Collins realizzata da Judith Hill, per il forte e suggestivo significato del testo. “Ho già visto il tuo viso, amico mio, ma non so se tu sai chi sono io. Beh, ero lì e ho visto ciò che hai fatto, l’ho visto con i miei stessi occhi”, la canzone è una chiara denuncia, testimonianza di un fatto accaduto sotto gli occhi di tutti, ma che tende a essere nascosto a partire dal carnefice, che pare non sapere realmente con chi ha avuto a che fare.
Alla fine del video vi è una ripresa realizzata dai ragazzi che vede come protagonista uno studente del quinto anno del Liceo Artistico Statale “M. M. Lazzaro” di Catania. L’obiettivo è quello di sovvertire, con delle immagini apparentemente semplici, ogni forma di convenzione sociale affinché ogni anima possa ritenersi libera di esprimersi ed uscire allo scoperto. Inoltre il motivo che ha spinto gli/le alunni/e a realizzare questo progetto e ad attenzionare particolarmente il mancato riconoscimento di alcuni diritti alla comunità LGBTQ+, è stato il dibattito che ha seguito la proposta di legge contro l’omotransfobia del 3 agosto 2020. Il testo in questione, successivamente approvato dalla camera, proponeva l’istituzione di una giornata nazionale contro l’omofobia e soprattutto l’introduzione dell'aggravante penale per discriminazioni fondate sul sesso, sull’identità di genere o sull'orientamento sessuale.
La proposta Zan ha sollevato la polemica di alcuni gruppi politici che la consideravano liberticida. L’opinione pubblica si è invece divisa tra chi la considera un passo importante verso una società equa e chi invece la considera superflua. Il lavoro della 5F consiste quindi nel sensibilizzare soprattutto gli adolescenti, in modo che situazioni del genere possano essere scongiurate nel futuro. 
 

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Come creare un sito web con Flazio