sudpresslogo
sudpresslogo

MENU

CONTATTI

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:

mof edizione 2022

telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

All'ASP di Catania siamo alla follia: manca il funzionario per i pagamenti e...non pagano servizi essenzialiCatania devastata, danneggiata statua di piazza Europa: sicuro che i veri delinquenti sono i vandali?Music Opera Festival: dal 28 maggio la terza edizione all'Ardizzone GioeniLa pace non è una zuccaPUBBLISERVIZI: il commissario Perazzoli e la Città Metropolitana continuano a litigare, appello alla responsabilità del presidente MolinoConvegno alla Camera dei Deputati sull'indipendenza energetica: partenariato Italia-AzerbaigianIl Giro d'Italia a Catania: dove si lavano pentole nelle fontane monumentali, di fronte al municipioGiovanni De Santis, già direttore del Luglio Musicale Trapanese, scende in campo contro le nomine "artistiche" del governo regionaleScandalo CamCom e SAC: Confedercontribuenti chiede di fare chiarezzaRegionali: è scontro totale tra Miccichè e Musumeci. Il caso del "favore" alla moglie del consigliere...

LA SCUOLA AL TEMPO DEL COVID

04-05-2021 10:44

Giornalisti del Futuro

Il Mediterraneo in miniatura,

LA SCUOLA AL TEMPO DEL COVID

Come il COVID ha influenzato la vita scolastica e il modo di fare scuola

immagineevidenzasito2-1620117824.png

In questo periodo di pandemia durante il quale tutti si sono dovuti adattare a delle nuove regole per cercare di limitare la diffusione del virus, anche gli studenti di tutta Italia si sono ritrovati a dover affrontare molti cambiamenti riguardo la loro vita scolastica con l'introduzione della didattica a distanza. Dopo più di un anno, quella che sarebbe dovuta essere una soluzione temporanea è diventata quasi la normalità e ha portato molti cambiamenti nel nostro modo di fare scuola.


di E. Calì, R. Spina

 

Ciò di cui si sente maggiormente la mancanza è il contatto con i compagni, un aspetto fondamentale della vita scolastica passato ormai in secondo piano: docenti e alunni si sono infatti trovati a dover gestire un canale di confronto diverso dal solito.
Un altro aspetto di particolare rilevanza è sicuramente seguire le lezioni da casa tramite un computer, cosa che ha cambiato il modo di affrontare le nostre giornate: non è sempre facile impegnarsi e dare il meglio di se, anche a causa di lezioni poco coinvolgenti o di distrazioni in casa. Per di più, non tutti hanno la possibilità di avere computer o connessioni internet stabili. Nelle case in cui ci sono genitori obbligati allo smart working o più fratelli impegnati con la DAD è impensabile immaginare che ci siano più dispositivi a disposizione. Tutto questo ha portato a maggiori difficoltà di apprendimento e ad un generale calo del rendimento scolastico.
Questo periodo ha reso tutti più fragili, ansiosi e apprensivi. L’incertezza del futuro, la lontananza dai nonni, dagli amici, dai compagni di scuola, dagli insegnanti e la sospensione della libertà stanno mettendo a dura prova la “tenuta” di molti studenti, genitori e docenti.
Dopo il primo periodo di emergenza si è fatto ricorso alla didattica mista che ha accentuato le disuguaglianze tra gli studenti ed evidenziato i diversi modi in cui ognuno di loro affronta questo periodo: alcuni sono riusciti a trovare una sorta di equilibrio, mentre altri faticano ancora a convivere con questa nuova realtà.
La didattica digitale è un mezzo di per sé efficace per l'apprendimento, essa rappresenta una svolta rivoluzionaria per il mondo della scuola, ma purtroppo non viene sfruttata al massimo delle sue possibilità. Ciò è dovuto al fatto che, nonostante il costante progresso tecnologico in vari campi, la scuola italiana è ancora basata su un'impostazione obsoleta.

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Come creare un sito web con Flazio