Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

sudpresslogo
sudpresslogo

CONTATTI

MENU

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

schermata 2022-11-20 alle 06.58.04
schermata 2022-11-20 alle 06.58.04
schermata 2022-11-20 alle 06.58.04
schermata 2022-11-20 alle 06.58.04

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

Il Talk in diretta alle 10 con "quelli di COMICS" che compie XXIX anniMondiali di calcio in Qatar: perchè?Ottima cosa via di Sangiuliano pedonale il sabato sera e la chiusura dei locali alle 2. E anche piazza Manganelli senza auto parcheggiate"Democrazia Partecipata", solo in 1.876 catanesi hanno votato. Ed è un peccatoDIBATTITO PER CATANIA (e non solo), per i rifiuti l'avv. Dario Riccioli lancia la proposta delle "Isole Ecologiche Mobili"Il post del Sottosegretario Vittorio Sgarbi dopo essere intervenuto durante il Talk sul caso Palazzo Beneventano di LentiniA Catania ciclo di incontri sul "Curatore Speciale del Minore", nuova importante figura nel processo di famigliaLa Galleria Carta Bianca compie oggi 25 anni, un record di longevità. E il patron Checco Rovella ce lo raccontaIl TALK delle 10 in diretta dal Palazzo Beneventano di Lentini: "Ma perché in Sicilia è così difficile fare cose belle?"Un gioco ormai troppo pericoloso

IO E GLI ALTRI AL TEMPO DEL COVID

04-05-2021 11:37

Giornalisti del Futuro

Il Mediterraneo in miniatura,

IO E GLI ALTRI AL TEMPO DEL COVID

Le conseguenze del COVID nel sociale in un'epoca iperglobalizzata

immagineevidenzasito1-1620117364.png

LE CONSEGUENZE DEL COVID NEL SOCIALE IN UN'EPOCA SUPERGLOBALIZZATA


di: Grasso A., Monteleone V., Partini E.

 

Che l’uomo sia un animale sociale ce lo diceva già Aristotele quando si poteva contare su una rete molto più ridotta di rapporti sociali rispetto a quella in cui godiamo ai tempi nostri. L’uomo ha bisogno dell’altro per crescere e per migliorarsi ogni giorno di più, infatti attraverso le relazioni che instauriamo abbiamo la possibilità di trasmetterci informazioni, ragionamenti e conoscenze. L’importanza di questa rete di supporti che
fino ad un anno fa caratterizzava la nostra vita e che noi tutti davamo per scontato ci è stata portata via, in modo improvviso e senza mezzi termini. Ci siamo ritrovati a vivere isolati e a vivere giorni sempre uguali dominati dalla voglia di tornare alla normalità, ma soprattutto giorni in cui ci manca il contatto con gli altri. Un semplice abbraccio è diventato ai nostri occhi qualcosa di lontano e irraggiungibile. Tutto ciò ci ha portati a vivere una vita apparentemente uguale, ma profondamente cambiata dove ogni certezza è crollata. Questa situazione, che non ho dubbi a chiamare “rivoluzione”, ha avuto conseguenze disastrose sui rapporti sociali, abbiamo cominciato a vedere nel prossimo un pericolo e ciò ci ha portato a diffidare ancora di più dell'altro, ritrovandoci più soli che mai. Miliardi di persone nel mondo hanno imparato a condividere una pagina infelice della
nostra umanità, persone apparentemente lontane, che sembrano avere nulla in comune, eppure quest’anno ci ha insegnato che non è così. Se questa pandemia ci ha obbligato a passare i nostri giorni facendo affidamento su noi stessi, ci ha anche insegnato che non siamo soli e che dividiamo questo peso con migliaia di altre persone che, come noi, combattono ogni giorno affinché potremmo tornare alla vita reale. I rapporti devono essere coltivati costantemente, ed è proprio per questo motivo che di solito tendiamo ad instaurare pochi legami autentici e duraturi. Il periodo che stiamo vivendo sicuramente non è d’aiuto ma, come affermano gli studiosi, i rapporti sinceri non risultano compromessi da tutto ciò. Il motivo risiede nel fatto che, grazie alla tecnologia moderna, è possibile tenersi comunque in contatto. Durante questo periodo, proprio queste comunicazioni digitali sono servite soprattutto per soddisfare, almeno
parzialmente, le esigenze sociali di ciascuno di noi. Sebbene gli incontri virtuali non permettano il contatto fisico, ci consentono di non isolarci completamente e di coltivare i legami che riteniamo validi. I metodi per tentare di salvaguardare i rapporti umani sono ormai moltissimi e, sfruttandoli al meglio, potremmo evitare quella sensazione di solitudine che ormai ci accompagna da oltre un anno.

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Come creare un sito web con Flazio