Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

sudpresslogo
sudpresslogo

CONTATTI

MENU

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

schermata 2022-11-20 alle 06.58.04
schermata 2022-11-20 alle 06.58.04
schermata 2022-11-20 alle 06.58.04
schermata 2022-11-20 alle 06.58.04

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

Il Talk in diretta alle 10 con "quelli di COMICS" che compie XXIX anniMondiali di calcio in Qatar: perchè?Ottima cosa via di Sangiuliano pedonale il sabato sera e la chiusura dei locali alle 2. E anche piazza Manganelli senza auto parcheggiate"Democrazia Partecipata", solo in 1.876 catanesi hanno votato. Ed è un peccatoDIBATTITO PER CATANIA (e non solo), per i rifiuti l'avv. Dario Riccioli lancia la proposta delle "Isole Ecologiche Mobili"Il post del Sottosegretario Vittorio Sgarbi dopo essere intervenuto durante il Talk sul caso Palazzo Beneventano di LentiniA Catania ciclo di incontri sul "Curatore Speciale del Minore", nuova importante figura nel processo di famigliaLa Galleria Carta Bianca compie oggi 25 anni, un record di longevità. E il patron Checco Rovella ce lo raccontaIl TALK delle 10 in diretta dal Palazzo Beneventano di Lentini: "Ma perché in Sicilia è così difficile fare cose belle?"Un gioco ormai troppo pericoloso

Angelo Pellicanò nominato Sub Commissario per la Sanità in Calabria...mentre in Sicilia...

01-04-2021 11:10

Pierluigi Di Rosa

Cronaca, Focus, angelo pellicanò,

Angelo Pellicanò nominato Sub Commissario per la Sanità in Calabria...mentre in Sicilia...

Deciso dal Consiglio dei Ministri l'importante incarico per l'ex manager del Cannizzaro

Il comunicato:


angelopellicano16-1617264821.jpg

"Angelo Pellicanò sub commissario per la sanità in Calabria

La nomina ieri al Consiglio dei Ministri

Durante il decimo Consiglio dei Ministri di ieri, su proposta del Ministro dell’economia e delle finanze Daniele Franco, l’ex direttore generale dell’Arnas Garibaldi e dell’Azienda Ospedaliera Cannizzaro, dott. Angelo Pellicanò, è stato nominato subcommissario per l’attuazione del vigente piano di rientro dai disavanzi del servizio sanitario nella Regione Calabria, a norma dell'articolo 4, comma 2 del decreto-legge n. 159 del 2007. 

Angelo Pellicanò, nato a Reggio di Calabria sessantanove anni fa, è uno dei volti noti della sanità catanese, avendo diretto per molti anni alcuni tra gli enti sanitari più importanti della città etnea.

Adesso Pellicanò, con la sua grande esperienza, avrà il compito di contribuire a risolvere uno dei nervi scoperti dell’impianto organizzativo sanitario del Paese, quello calabrese."


Sin qui il comunicato ufficiale diramato dall'ASP di Catania.

 

Ora una riflessione: PREOCCUPATA.

 

Per Angelo Pellicanò è un grande riconoscimento, che premia decenni di esperienza ai massimi livelli e adesso anche riconosciuta dal Consiglio dei Ministri.

 

Per essere arrivata ieri la nomina si tratta ovviamente di un iter avviato mesi fa e che quindi non poteva tenere conto del terremoto che ha investito la Sanità siciliana, con gli arresti del vertice del dipartimento Salute e le dimissioni dell'assessore.

 

Ma il terremoto finale, ammesso che sia la fine e non lo crediamo, è stato preceduto da centinaia di scosse preventive, che dovevano allarmare chi di dovere.

 

Si dovevano impedire nomine incongruenti, di gente priva della minima esperienza messa a fronteggiare la più grave crisi mondiale degli ultimi decenni.

 

La politica ha fatto schifo, anzi la politica non esiste più da tempo, in mano a 4 cialtroni aggrappati ai loro deliri di onnipotenza che sovente si schiantano alla prima curva.

 

La Politica seria avrebbe capito di dover fare un passo indietro, per tempo.

 

Non mi dilungo: BISOGNA TROVARE IL MODO DI RESTITUIRE LA SANITÅ AI SANITARI!

 

Quelli perbene, quelli capaci, quelli che hanno storia e curriculum veri ed inconfutabili!

 

A gente che ne capisca davvero, che non assuma centinaia di persone a cavolo come stanno ancora facendo in questi giorni, con gli assistenti sociali e gli psicologi a controllare le file agli hub vaccinali, che poi non hanno neanche i vaccini.

 

Angelo Pellicanò fuori dalla Sicilia è un danno per la Sicilia, perché può fare simpatia o meno, ma è fuor di dubbio che si tratta di una delle figure più preparate del settore.

 

E allora sarebbe utile capire perché figure come la sua, e ce ne sono altre che proveremo a stimolare nei prossimi giorni, sono state tenute fuori dalla gestione emergenziale per affidarla a chi non sta combinando altro che guai.

 

Auguri e complimenti, quindi, ad Angelo Pellicanò per un incarico delicatissimo e pericoloso, per assolvere al quale oltre alla competenza occorre anche tanto coraggio, senso delle istituzioni e spirito di servizio.

In bocca al lupo a tutti i calabresi, che si meritano una sanità libera dagli affari e dalla malavita, amministrazioni che siano finalmente degne di quel territorio bellissimo e di quella straordinaria gente.

 

A noi, siciliani anzi Siciliani, non resta che leccarci l'ennesima ferita dell'ennesima perdita di professionalità: e a noi restano i pochi che resistono alle aggressioni violente di un potere cialtrone sempre meno adeguato e le troppe capre che continuano ad imporci.

 

Ma tutto sommato siamo fiduciosi: STA CROLLANDO, LO DICE ANCHE L'ETNA!

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Come creare un sito web con Flazio