sudpresslogo
sudpresslogo

CONTATTI

CONTATTI

MENU

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

1280x720

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

Regionali, Caterina Chinnici pretende liste "immacolate", stop alle candidature di Giuseppe Lupo, Angelo Villari e Luigi Bosco"Tutti a cercare la diligenza, ma probabilmente siamo al Capolinea"Regionali, Meloni e La Russa provano ad imporre Renato Schifani imputato a Caltanissetta, gli avversari tirano un sospiro di sollievo e Cateno De Luca esultaBufera al Policlinico Universitario di Catania: arrestato il primario di cardiochirurgia Carmelo MignosaDIBATTITO PER CATANIA (e non solo), Nino Rizzo, medico di famiglia: "Occorre una nuova governance dei sistemi sanitari"Potente spettacolo di Emergency venerdì 12 agosto all'Ardizzone Gioeni: oggi alle 18 il Talk di presentazioneCateno De Luca: al via la raccolta di firme per il Sindaco d'Italia. E di SiciliaSAC – Aeroporto di Catania: per l'Autorità Nazionale Anticorruzione è MALA GESTIORegionali, il ridicolo "veto" su Prestigiacomo di La Russa e Lega diventa boomerang: sul gommone pro-migranti c'era la senatrice leghista Valeria SudanoIl TALK di Sudpress, Speciale "Tosca" seconda puntata: sveliamo il misterioso Backstage dell'opera lirica

Scalisi, Siamo Futuro: Diritto allo studio violato, chiediamo confronto con l'ateneo catanese

05-04-2021 07:00

Antonio Licitra

Cronaca, Università, Focus,

Scalisi, Siamo Futuro: Diritto allo studio violato, chiediamo confronto con l'ateneo catanese

Diritto allo studio violato, voto di maturità criterio inadeguato!Questo lo slogan lanciato dalle diverse associazioni, che hanno votato in maniera co

scalisifoto-1617451488.jpg

Diritto allo studio violato, voto di maturità criterio inadeguato!

 

Questo lo slogan lanciato dalle diverse associazioni, che hanno votato in maniera contraria ai parametri di accesso al prossimo anno accademico dell’Università di Catania.

 

Ai nostri microfoni è intervenuto Federico Scalisi, segretario della confederazione studentesca “Siamo Futuro Catania”.

 

Queste le sue parole:
“La scorsa settimana sia il senato accademico che il Cda del nostro ateneo hanno deliberato come parametro d’accesso al nuovo anno accademico, il criterio del voto di maturità. Per il secondo anno consecutivo esprimiamo la contrarietà ad un parametro che noi consideriamo non oggettivo ed anche lesivo al diritto allo studio."


"Non è oggettivo - spiega - perché ogni commissione d’esame all’interno delle scuole superiori adotta dei criteri diversi e quindi non c’è un’uniformità dei criteri con il quale viene dato il voto di maturità perché cambia da scuola a scuola e da commissione a commissione.

 

Si tratta di un diritto inviolabile, in quanto il diritto allo studio ritengo debba essere riconosciuto a tutti, cosa che in questo modo non accade. Non riusciamo a capire anche il perché di alcune differenze tra le varie facoltà. Ci sono, infatti, test di alcuni corsi di laurea in numero programmato nazionale, come medicina ed infermeria, che verranno svolti in presenza in diverse sedi dell’ateneo di Catania e con personale dell’ateneo. Non capiamo il motivo per cui loro lo possono farlo e altre facoltà no. 

 

Noi, vogliamo esprimere la nostra contrarietà non solo a parole, ma lanciando un appello alle associazioni studentesche per chiedere all’ateneo stesso di annullare un provvedimento ingiusto nei confronti di tantissimi studenti che rischiano ancora una volta di rimanere tagliati fuori. L’astensione sicuramente non è la soluzione migliore.

 

Infine, quello che mi sento di dover dire alle altre associazioni è di trovare tutti insieme una soluzione. Negli altri atenei adottano soluzioni diverse, quindi  spero che anche noi a Catania potremmo remare tutti insieme al fine di trovare una soluzione comune. Noi come associazione, inoltre, non capiamo perché da diverso tempo manca un confronto con l’ateneo catanese. Sicuramente adesso, così come in passato, sarebbe stato più opportuno confrontarsi e prendere delle decisioni comuni.”

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Come creare un sito web con Flazio