Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

sudpresslogo
sudpresslogo

CONTATTI

MENU

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

progetto senza titolo (1)
progetto senza titolo (1)
progetto senza titolo (1)
progetto senza titolo (1)

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

Fallimento PUBBLISERVIZI: il commissario Portoghese risponde picche, silenzio assoluto della politica, cominciano le proteste dei dipendentiPUBBLISERVIZI, ULTIMORA delle 12: lavoratori in presidio attendono il commissario Portoghese, già insediati i Curatori che ricevono il CdAPUBBLISERVIZI FALLITA, parla il presidente Giuseppe Molino: “Il CDA spettatore impotente, si poteva evitare ma qualcuno ha remato contro”E come ogni Natale torna la buca di via Torino: sempre la stessaEdizione straordinaria del TALK di Sudpress: in diretta alle 11 dal liceo Majorana per un “Anima Mundi” che cambia il mondoIl Talk in diretta alle 10 con "quelli di COMICS" che compie XXIX anniMondiali di calcio in Qatar: perchè?Ottima cosa via di Sangiuliano pedonale il sabato sera e la chiusura dei locali alle 2. E anche piazza Manganelli senza auto parcheggiate"Democrazia Partecipata", solo in 1.876 catanesi hanno votato. Ed è un peccatoDIBATTITO PER CATANIA (e non solo), per i rifiuti l'avv. Dario Riccioli lancia la proposta delle "Isole Ecologiche Mobili"

Scalisi, Siamo Futuro: Diritto allo studio violato, chiediamo confronto con l'ateneo catanese

05-04-2021 08:00

Antonio Licitra

Cronaca, Università, Focus,

Scalisi, Siamo Futuro: Diritto allo studio violato, chiediamo confronto con l'ateneo catanese

Diritto allo studio violato, voto di maturità criterio inadeguato!Questo lo slogan lanciato dalle diverse associazioni, che hanno votato in maniera co

scalisifoto-1617451488.jpg

Diritto allo studio violato, voto di maturità criterio inadeguato!

 

Questo lo slogan lanciato dalle diverse associazioni, che hanno votato in maniera contraria ai parametri di accesso al prossimo anno accademico dell’Università di Catania.

 

Ai nostri microfoni è intervenuto Federico Scalisi, segretario della confederazione studentesca “Siamo Futuro Catania”.

 

Queste le sue parole:
“La scorsa settimana sia il senato accademico che il Cda del nostro ateneo hanno deliberato come parametro d’accesso al nuovo anno accademico, il criterio del voto di maturità. Per il secondo anno consecutivo esprimiamo la contrarietà ad un parametro che noi consideriamo non oggettivo ed anche lesivo al diritto allo studio."


"Non è oggettivo - spiega - perché ogni commissione d’esame all’interno delle scuole superiori adotta dei criteri diversi e quindi non c’è un’uniformità dei criteri con il quale viene dato il voto di maturità perché cambia da scuola a scuola e da commissione a commissione.

 

Si tratta di un diritto inviolabile, in quanto il diritto allo studio ritengo debba essere riconosciuto a tutti, cosa che in questo modo non accade. Non riusciamo a capire anche il perché di alcune differenze tra le varie facoltà. Ci sono, infatti, test di alcuni corsi di laurea in numero programmato nazionale, come medicina ed infermeria, che verranno svolti in presenza in diverse sedi dell’ateneo di Catania e con personale dell’ateneo. Non capiamo il motivo per cui loro lo possono farlo e altre facoltà no. 

 

Noi, vogliamo esprimere la nostra contrarietà non solo a parole, ma lanciando un appello alle associazioni studentesche per chiedere all’ateneo stesso di annullare un provvedimento ingiusto nei confronti di tantissimi studenti che rischiano ancora una volta di rimanere tagliati fuori. L’astensione sicuramente non è la soluzione migliore.

 

Infine, quello che mi sento di dover dire alle altre associazioni è di trovare tutti insieme una soluzione. Negli altri atenei adottano soluzioni diverse, quindi  spero che anche noi a Catania potremmo remare tutti insieme al fine di trovare una soluzione comune. Noi come associazione, inoltre, non capiamo perché da diverso tempo manca un confronto con l’ateneo catanese. Sicuramente adesso, così come in passato, sarebbe stato più opportuno confrontarsi e prendere delle decisioni comuni.”

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Come creare un sito web con Flazio