Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

sudpresslogo
sudpresslogo

CONTATTI

MENU

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

progetto senza titolo (1)
progetto senza titolo (1)
progetto senza titolo (1)
progetto senza titolo (1)

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

Fallimento PUBBLISERVIZI: il commissario Portoghese risponde picche, silenzio assoluto della politica, cominciano le proteste dei dipendentiPUBBLISERVIZI, ULTIMORA delle 12: lavoratori in presidio attendono il commissario Portoghese, già insediati i Curatori che ricevono il CdAPUBBLISERVIZI FALLITA, parla il presidente Giuseppe Molino: “Il CDA spettatore impotente, si poteva evitare ma qualcuno ha remato contro”E come ogni Natale torna la buca di via Torino: sempre la stessaEdizione straordinaria del TALK di Sudpress: in diretta alle 11 dal liceo Majorana per un “Anima Mundi” che cambia il mondoIl Talk in diretta alle 10 con "quelli di COMICS" che compie XXIX anniMondiali di calcio in Qatar: perchè?Ottima cosa via di Sangiuliano pedonale il sabato sera e la chiusura dei locali alle 2. E anche piazza Manganelli senza auto parcheggiate"Democrazia Partecipata", solo in 1.876 catanesi hanno votato. Ed è un peccatoDIBATTITO PER CATANIA (e non solo), per i rifiuti l'avv. Dario Riccioli lancia la proposta delle "Isole Ecologiche Mobili"

Grave quando l'umanità perde un Poeta. Angelo Scandurra

09-01-2021 10:14

Pierluigi Di Rosa

Cronaca, Cultura&Spettacolo, Focus,

Grave quando l'umanità perde un Poeta. Angelo Scandurra

“Ogni cuore è solo, unico, irripetibile, e ogni cosa ha un proprio cuore, solo, unico, irripetibile”

“Ogni cuore è solo, unico, irripetibile, e ogni cosa ha un proprio cuore, solo, unico, irripetibile”

angelo-scandurra-1610183437.jpg

Sarà l'età che avanza, sarà che vedo, come tutti, troppe cose brutte ogni giorno, ma non rinuncio al sogno infantile e romantico di vedere gli Artisti al governo di questo pianeta.

 

Ed i Poeti sopra tutti, perché sono gli unici che possono stare al comando con la leggerezza dei sospiri con cui si esprimono.

 

Quando si incontra un Poeta è facile riconoscerlo dallo sguardo che vola lontano, sempre oltre il tuo orizzonte e pur guardando lontano ti rendi conto che ti sta scrutando, cercando di capirti.

 

Difficilmente il Poeta è solo un visionario, che già di per sé basterebbe a renderlo indispensabile.

 

Spesso, al contrario, è invece immerso nelle cose del mondo che osserva e racconta in versi, a volte chiari a volte meno.

 

Angelo Scandurra è stato Poeta intensamente impegnato, la sua Poesia strumento di militanza culturale e soprattutto Politica.

 

Tanto era militante da aver avuto il coraggio di mettersi al servizio della sua gente in momenti difficili, negli anni della sfiducia verso la politica degli anni '90 travolta dal malaffare.

 

Fu sindaco di Valverde per quasi 10 anni, trasformando una cittadina di provincia in centro di attrazione di mille attività artistiche e culturali.

 

Instancabile la sua produzione, come artista ed editore illuminato e coraggioso.

 

Fu direttore artistico della sezione Arte di Etnafest, quando ancora alla politicanza, non spregiudicata, gretta e famelica come quella attuale, si riusciva a strappare qualche minimo spazio di espressione ed eversione dalla mediocrità investendo in eventi di grande rilevanza, riuscendo a portare a Catania artisti di fama internazionale.

 

E di quella stagione, complicata, Angelo Scandurra fu protagonista, con la sua mitezza, con la sua dolcezza determinata che risolveva i problemi e portava a casa risultati.

 

Perché questo può fare un Poeta se gli si lascia spazio: aiuta a tracciare strade, ad accendere luci.

 

E di spazio Angelo Scandurra avrebbe meritato di averne molto di più, non per lui: per noi, per le future generazioni.

 

Io non ci rinuncio: mi piacerebbe vedere più Poeti, Artisti  e Filosofi alla guida di questa civiltà, almeno di quel che resta.

 

 

Ciao Angelo: lasci Amore e Rispetto.

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Come creare un sito web con Flazio