sudpresslogo
sudpresslogo

MENU

CONTATTI

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:

eventi mof 2021 (1)

telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

Celebrato il primo congresso della battagliera sezione catanese del sindacato nazionale CUB Trasporti: il dr. Salvatore Ventimiglia confermato Segretario30 giugno/1 luglio a Palazzo dei Normanni il MID.MED SHIPPING & ENERGY FORUML'assessore regionale ai rifiuti Daniela Baglieri da 5 anni non paga ...la tassa sui rifiuti?Un pensiero per Fratel Biagio Conte che sta lottando. AncoraStanno sfidando la furia popolare: aumento tassa rifiuti del 18%Nasce anche a Catania il Gruppo Archeologico Amenanos: tante le iniziative culturali in programmaA Catania il primo Fringe Festival del teatro Off: bando per gli artisti prorogato al 16 luglioAll'Ardizzone Gioeni uno spettacolo di rara raffinatezza: Raju di Bellicza, i tormenti della poesia che diventano musicaIntervista a Caterina ChinniciCamera Commercio Sud Est (che non esiste più): ricominciano ad elargire contributi e sbagliano anche le somme nelle tabelle

Se Musumeci voleva superare Crocetta, c'è riuscito: la PDina Michela Giuffrida nominata sua Portavoce

05-01-2021 06:03

Pierluigi Di Rosa

Cronaca, Focus, nello musumeci, michela giuffrida,

Se Musumeci voleva superare Crocetta, c'è riuscito: la PDina Michela Giuffrida nominata sua Portavoce

Dal "cambio casacca" alla "casacca double face"

michelagiuffrida-1609826712.png

La notizia c'è ed è di quelle che spiazzano anche i più acuti analisti della politicanza locale, che ormai ha raggiunto livelli tali di ...non so trovare una definizione adeguata.

 

Devo piuttosto iniziare con un retroscena personale: chiedere scusa ad una mia fonte autorevolissima e sempre credibile che mi aveva informato due giorni prima di questa nomina che supera il surreale.

 

Non mi sono fidato, non ho voluto rischiare, nonostante la più che sperimentata serietà di chi mi informava: in più di 10 anni di editoria interpretata sempre in maniera rischiosa, cercando di raccontare le dinamiche più oscure del potere e dei poteri, non abbiamo MAI sbagliato un colpo, mai dato una notizia non corretta ed ogni tentativo di rettifica si è sempre rivelato un boomerang per chi si è cimentato. Come ogni querela, del resto.

 

Ma stavolta la notizia mi è sembrata davvero visionaria, esagerata, decisamente "oltre" persino per un "governo" (si fa per dire) regionale che si sta caratterizzando per il nulla cosmico, per il caos pneumatico con il quale sta "gestendo" (si fa per dire) la difficile emergenza sanitaria-economica.

 

Poi è arrivata la conferma ufficiale, un comunicato di Palazzo d'Orleans che annunciava la lieta novella.

 

Nello Musumeci ha scelto il suo nuovo Portavoce: Michela Giuffrida.

 

Michela Giuffrida? Si, Michela Giuffrida!

 

La giornalista catanese nota per essere stata l'unica "sopravvissuta" di rango ai licenziamenti che colpirono nel 2006 l'intera redazione dell'allora gloriosa "Telecolor" ad opera di Mario ed Angela Ciancio: una vicenda che fece discutere tutto il mondo dell'informazione italiano e che alla fine vide vincere nelle aule giudiziarie gli ingiustamente licenziati Alfio Sciacca, Fabio Albanese, Nicola Savoca, Walter Rizzo, Katia Scapellato e Giuseppe La Venia. Tutti professionisti di grande valore ai quali, ne approfitto, invio un rispettoso pensiero perché quella fu, e non va dimenticato, una delle vicende più orribili dell'editoria nazionale.

 

Ma Giuffrida, nelle grazie dell'editore, divenne direttore del tg di Telecolor e poi di Antenna Sicilia, prima di avviarsi alla carriera (si fa per dire) politica, sotto l'iniziale ala protettiva del compianto Lino Leanza nell'ambito del centro sinistra con la sua prima candidatura fortunata (per lei) alle europee che l'ha portata molto ben remunerata per cinque anni a Bruxelles per poi perdere il treno, nel 2019, della rielezione.

 

Quando mi venne soffiata la notizia, due giorni fa, feci un giro di wapp chiedendo a diversi giornalisti ed analisti di grande esperienza e conoscenza se avessero idea di chi potesse essere stato nominato a quell'importante incarico da Musumeci: nessuno, NESSUNO ha indovinato il nome.

 

Feci il classico giochino acqua-fuoco e persino dando le iniziali e la classe anagrafica non sono riuscito ad indirizzarne uno: buio totale e suppliche di rivelare quanto sapevo.

 

Hanno sparato i nomi via via più improbabili, ma nessuno è arrivato ad immaginare tanto.

 

E perché? Ma semplice, nessuno poteva pensare che l'orgoglioso (eufemismo) esponente della destra storica (si fa per dire) in salsa sicula Nello Musumeci potesse arrivare a nominare come suo Portavoce, ruolo politico e fiduciario per eccellenza, niente meno un alta dirigente del più accanito partito di opposizione al suo stesso governo ed in particolare alla sua persona.

 

Niente meno che una ex eurodeputata di "sinistra" (si fa per dire) ed attuale componente della direzione regionale del Partito Democratico: Michela Giuffrida.

schermata2021-01-05alle06-29-14-1609824614.png

Ma non è pazzesco?

 

Ormai non siamo più al deplorevole e spregiudicato "cambio di casacca", siamo arrivati alla "casacca double face" e non è detto che sia la fine della deriva.

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Come creare un sito web con Flazio