sudpresslogo

Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

sudpresslogo

MENU

CONTATTI

MENU

CONTATTI

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

introduce i lavori dario riccioli modera umberto teghi
introduce i lavori dario riccioli modera umberto teghi

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

Vergogna San Berillo, nel 2015 ordinanza sindacale incaricava il geom. Salvatore Fiscella "responsabile del procedimento": "Cos'ha fatto?"Il giorno della Memoria e delle ipocrisie"Catania un giorno nuovo" Sabato 28 gennaio ore 10 Istituto Ardizzone Gioeni sala M. Gaetano ZitoRegione, "non solo Cannes": lo strano caso del consulente dell'ex presidente Musumeci alla cui società va un affidamento diretto da 70 mila euro"Gli artigiani, energia pura sul territorio", l'assemblea CNA di Catania tra allarme e impegnoRegione, "non solo Cannes", Schifani partorisce l'incredibile "soluzione": TRE ORO VINCE TRE ORO VINCE. E la Sicilia perde sempre!Regione, "non solo Cannes": adesso i fari passano sul Jazz...tra festival e FondazioneI lavori del convegno "Cosa salverà il mondo?" dell'associazione CENACUM: perché qualcuno deve cominciare a chiederselo...ERSU Catania: insediato e già al lavoro il nuovo presidente Salvo Sorbello"Alla fine lo Stato vince sempre"

L'assessore regionale all'Economia Marco Falcone confessa in diretta la lottizzazione della Sanità e inguaia

06-12-2022 06:30

Pierluigi Di Rosa

Cronaca, Focus,

L'assessore regionale all'Economia Marco Falcone confessa in diretta la lottizzazione della Sanità e inguaia il governo Musumeci

È accaduto alla Festa del Tricolore dove si celebravano i 6 punti in meno presi a Catania rispetto alla media nazionale

C'è poco da dire, ormai la narrazione della politica, chiamiamola ancora così, si fa da sola: basta mettere una videocamera o un registratore, collegarsi su uno qualsiasi dei social ed il gioco è fatto.

 

Fanno tutto da soli, sino al suicidio (politico per ora) in diretta televisiva.

 

L'ultimo caso che sta animando l'intero parterre mediatico, superando almeno in Sicilia l'affaire Sumaoro che sta devastando la sinistra-sinistra, rigurda la recentissima Festa del Tricolore, l'happening annuale organizzato dal gruppo politico che fa riferimento all'ex sindaco Salvo Pogliese oggi senatore di Fratelli d'Italia.

 

Si è svolto all'hotel Le Dune in zona Plaia di Catania e molto efficacemente gestito dal team di Luciano Zuccarello: non è stato semplice con migliaia di persone accorse ad incensare i nuovi vincitori e con la presenza di un numero imprecisato di ministri tra cui il potentissimo n.2 meloniano Lollobrigida, sottosegretari e deputati vari, con quelle più attese del presidente del Senato Ignazio La Russa e dell'ARS Gaetano Galvagno.

 

Grande assente il/la premier Giorgia Meloni che non si è fatta vedere neanche in collegamento video a distanza: ci sarà un motivo.

 

Spiegamento di forze dell'ordine di grande effetto, ma tutto è filato liscio, almeno sotto il profilo organizzativo.

 

Sul fatturato politico è difficile dirlo perché ad una prima lettura non sono emersi temi significativi, se non la comprensibile soddisfazione di ritrovarsi, appunto, tra vincitori, e non è ebbrezza da poco soprattutto considerati gli effimeri passaggi di chi li ha preceduti sui diversi carri passati più veloci del fulmine, da Renzi a Salvini ai 5Stelle. Quindi è ragionevole che se la godano finché dura.

 

Ma quello che è emerso, come fosse una mini serie di "Uomini e donne", sono stati i gossip a latere: i dispetti a distanza tra La Russa e Stancanelli e la abbastanza ridicola polemica sollevata da alcuni circa l'opportunità della presenza della seconda carica dello Stato ad una kermesse di partito. Questa proprio risibile: è il cofondatore del partito, dove sarebbe dovuto essere?

 

Ancor di più se nei Fratelli d'Italia etnei si prepara una resa dei conti non da poco e da osservati speciali da parte dei vertici a causa del discusso risultato elettorale, tra i peggiori d'Italia: Catania infatti non ha brillato affatto, nonostante FdI potesse contare su un sindaco uscente, Salvo Pogliese, un presidente di regione, Nello Musumeci premiato ministro, e due importanti assessori altrettanto uscenti, al Turismo Manlio Messina e addirittura alla Sanità Ruggero Razza.  

 

Malgrado queste straordinarie posizioni di potere, i Fratelli d'Italia etnei hanno totalizzato una percentuale di voti (20%) di ben 6 punti in meno rispetto alla media nazionale (26%).

Brutto risultato, difficilmente digeribile e pessimo campanello d'allarme: evidentemente governare non paga.  O magari governare male non paga.

 

Il tutto enormente aggravato dalla decisione della Corte dei Conti di negare la parifica al bilancio del governo Musumeci denunciando una serie di irregolarità che aprono scenari da brivido. Per tutti.

 

Si vedrà che succederà nei prossimi giorni e come l'ala facente capo a La Russa e Galvagno proverà a riempire le falle.

 

Ma tornando allo show Falcone-Micciché, anche questo apre un'altra saga non solo politica, con il neo assessore all'economia, di professione avvocato, che nella foga dello scontro si è lasciato andare a dichiarazioni a dir poco imprudenti.

 

Ha platealmente accusato Micciché di aver fatto accordi la notte con Musumeci salvo attaccarlo il giorno dopo, tattica riproposta adesso con Schifani.

 

Ma, ecco l'enorme imprudenza, Falcone ha bellamente dichiarato che "Musumeci ci ha dato 7 direttori generali delle ASP".

 

Cosa? E come glieli avrebbe dati?

Sotto forma di regalo di compleanno o di Natale, oppure turbando il procedimento di nomina, magari trafficando influenze?

 

Insomma, abbastanza per allertare le procure di tutta la Sicilia, peraltro sollecitate dallo stesso Micciché che pare si sia dichiarato vittima di calunnia.

 

Non c'è che dire, comincia bene questa legislatura. Benissimo.

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder