sudpresslogo

Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

sudpresslogo

MENU

CONTATTI

MENU

CONTATTI

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

photo-2022-10-19-13-38-47 2.jpeg
photo-2022-10-19-13-38-47 2.jpeg

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

Vergogna San Berillo, nel 2015 ordinanza sindacale incaricava il geom. Salvatore Fiscella "responsabile del procedimento": "Cos'ha fatto?"Finalmente dal 2 febbraio una bella mostra davvero originale a Palazzo della Cultura: Tiziana La Piana "No Way"Il giorno della Memoria e delle ipocrisie"Catania un giorno nuovo" Sabato 28 gennaio ore 10 Istituto Ardizzone Gioeni sala M. Gaetano ZitoRegione, "non solo Cannes": lo strano caso del consulente dell'ex presidente Musumeci alla cui società va un affidamento diretto da 70 mila euro"Gli artigiani, energia pura sul territorio", l'assemblea CNA di Catania tra allarme e impegnoRegione, "non solo Cannes", Schifani partorisce l'incredibile "soluzione": TRE ORO VINCE TRE ORO VINCE. E la Sicilia perde sempre!Regione, "non solo Cannes": adesso i fari passano sul Jazz...tra festival e FondazioneI lavori del convegno "Cosa salverà il mondo?" dell'associazione CENACUM: perché qualcuno deve cominciare a chiederselo...ERSU Catania: insediato e già al lavoro il nuovo presidente Salvo Sorbello

Sanità siciliana, nuove proteste: infermieri incatenati ed in sciopero della fame

03-12-2018 12:34

redazione

Cronaca, acicastello, Tremestieri Etneo, maresciallo salvo mirarchi, serra marijuana, Istituto Ardizzone Gioeni, Piazza Italia, cupola 2.0, furto di carburante,


Iniziata oggi la protesta ad oltranza del NurSind, sindacato delle professioni infermieristiche, per i lavoratori dell'Asp Catania. Alcuni infermieri infatti, si sono incatenati ed hanno iniziato lo sciopero della fame, all'Asp Gravina di Caltagirone; la volontà è di portare avanti la contestazione per richiamare l'attenzione dei vertici della Sanità siciliana



Dunque infermieri incatenati ed in sciopero della fame dal 3 dicembre, intenzionati a portare avanti la protesta in attesa dell'intervento dell’assessore regionale alla salute e o del direttore generale. Questo l'incipit della protesta del NurSind che riguarda tutti i lavoratori dell’Asp di Catania.



Quello odierno però, è solo l’ultimo disperato gesto di protesta lanciato dal NurSind, sindacato delle professioni infermieristiche, per puntare i riflettori sui grandi problemi che colpiscono la sanità siciliana oggi.



Già ieri, era stato proclamato lo stato di agitazione su tutti i presidi e distretti ospedalieri dell’Azienda Provinciale di Catania, culminato con la manifestazione di protesta odierna al presidio ospedaliero Gravina.



Proprio questo polo va sempre più verso uno smantellamento progressivo, e dunque rappresenta una delle motivazioni della protesta incarnando appunto lo stato di difficoltà in cui versa tutto il comparto medico sanitario.



Ma non solo, perché sono moltissime le carenze e le problematiche denunciate quotidianamente da chi lavora in ambito di sanità pubblica in Sicilia, ad esempio la mancanza delle norme relative alla sicurezza sul lavoro in tutta l'Azienda oppure le gravi insufficienze per quanto riguarda il personale infermieristico e degli operatori socio sanitari con l'uso scorretto delle risorse umane.


08f9401e-59a0-4a07-bba8-e5ec0adaae85-.jpg08f9401e-59a0-4a07-bba8-e5ec0adaae851-.jpge99571db-0bab-4cc4-b97e-fe73281efa06-.jpga294bcac-63e4-4c54-a9fe-f1c0b3c13347-.jpg37ec7361-4c52-4cb1-a23c-b661d5aed30a-.jpg068dc67e-10be-431a-85db-e91f5d4b9fa6-.jpg95b2e168-08e5-4c83-9d6a-524ddd3c411e-.jpg

Inoltre la totale assenza da quasi vent'anni di concorsi interni all’Asp Catania per individuare i coordinatori, con rischio di logiche clientelari.


“Non stiamo qui a chiedere denaro o meno ore di lavoro. Vogliamo una buona sanità che funzioni bene per l’utenza e in cui a noi, operatori del settore, venga data la possibilità di lavorare nelle giuste e dovute condizioni”

ha affermato Francesco Di Masi segretario aziendale NurSind dell’Asp di Catania.


image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder