sudpresslogo
SUDPRESSLOGO

MENU

CONTATTI

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

IN EVIDENZA

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Pubbliservizi, sindacati scatenati si sentono presi in giro dal Sindaco: TROPPO TEMPO PER USCIRE DAL FALLIMENTOSan Berillo vecchio: settima operazione delle Forze dell'Ordine. GRAZIE DAVVERO, MA NON BASTA! OCCORRE STANARE I PROPRIETARI CHE LUCRANO SUI BIVACCHIASP Catania e i frigoriferi comprati...al doppioOspiti di Umberto Teghini il prof. Giovanni Vecchio e l'editore Pierluigi Di RosaGdF Catania: maxi evasione da 600 milioni nei giochi on line200 anni dalla morte di Napoleone: l'imperatore che non riuscì ad invadere la SiciliaFREE TO BE MYSELF - LA COMUNITÀ LGBTQ+ E L'EFFETTIVITÀ DEI DIRITTII DIRITTI DEI BAMBINI, DAL PASSATO FINO AI NOSTRI GIORNILA GIORNATA MONDIALE DEI DIRITTI UMANI NEL LICEO SCIENTIFICO ARCHIMEDE DI ACIREALELA MAFIA CAMBIA VOLTO

Omicidio al Cara: l'assassino avrebbe ucciso la moglie davanti ai figli prima di tentare la fuga all'estero

03-01-2018 08:17

redazione

Cronaca, sanberillo calcio junior, officine culturali, tagli nazionali,

Omicidio al Cara: l'assassino avrebbe ucciso la moglie davanti ai figli prima di tentare la fuga all'estero

francis-bill-classe-1987-.jpg


Si chiama Francis Bill, 30 anni, cittadino del Mali, l'uomo accusato di aver ucciso la moglie nigeriana al Cara di Mineo a Capodanno, alla presenza dei due figli di 6 e 8 anni. Il presunto assassino è in stato di fermo, gravemente indiziato del reato di omicidio volontario con le aggravanti di avere agito per motivi abbietti o futili e con crudeltà ai danni di Francis Miracle. I particolari dell'operazione coordinata dalla procura di Caltagirone, sono stati diffusi questa mattina con un comunicato



La donna, ventisei anni, ospite del centro, è stata trovata dalla Polizia al primo piano di un alloggio del centro di accoglienza di Mineo, riversa per terra in posizione supina.



Dopo un meticoloso sopralluogo, la Polizia Scientifica ha trovato e sequestrato, accanto al corpo della donna, un coltello da cucina, con una lama di 13 cm circa,con tracce di sangue. La vittima, in pratica, è stata uccisa con un taglio profondo al collo.



Ultimati i rilievi proseguiti per tutta la notte, l’alloggio è stato posto sotto sequestro.



Gli indizi, univoci e concordanti, hanno portato a Francis Bill il quale, dopo essere andato a trovare la moglie ed i figli, e aver colpito la donna al culmine di una lite, si era dato alla fuga.



Le dichiarazioni di alcuni cittadini stranieri e  le indicazioni dei due figli minori, sentiti con l’ausilio di psicologi, avevano consentito di accertare come la donna fosse in casa con il marito il quale, al momento del ritrovamento del cadavere, si era già allontanato facendo perdere le proprie tracce.



I servizi di localizzazione dell’utenza di Francis, disposti dalla Procura della Repubblica di Caltagirone, hanno poi  confermato che il presunto omicida - del quale veniva acquisita anche una fotografia - aveva raggiunto la città di Catania.



Nel pomeriggio di ieri, mentre proseguivano le investigazioni, un equipaggio della Squadra Mobile ha quindi individuato l'uomo al centro della città, nei pressi di un Internet point. L’intenzione del maliano era quella di incassare una somma di danaro in contanti che gli consentisse di raggiungere il Nord Italia e poi l’estero.



Negli uffici della Mobile laddove è stato quindi trasferito immediatamente, è stato accertato che Francis aveva graffi e abrasioni in tutto il corpo compatibili con una colluttazione avuta evidentemente con la vittima. L’abbigliamento indossato dall'uomo è stato posto sotto sequestro al fine di trovare tracce di sangue.



Nella tasca dei pantaloni Francis aveva un foglio scritto a mano in cui erano segnati i nominativi della moglie e dei figli.



Francis non ha rilasciato dichiarazioni alla polizia, negando di essere stato al Cara. Adesso si trova nel carcere di piazza Lanza a disposizione del Sostituto Procuratore di turno della Procura di Catania.


https://www.youtube.com/watch?v=1JknDXejb0U&feature=youtu.be


Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder