sudpresslogo
sudpresslogo

CONTATTI

CONTATTI

MENU

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

1280x720

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

DIBATTITO PER CATANIA (e non solo), Nino Rizzo, medico di famiglia: "Occorre una nuova governance dei sistemi sanitari"Potente spettacolo di Emergency venerdì 12 agosto all'Ardizzone Gioeni: oggi alle 18 il Talk di presentazioneCateno De Luca: al via la raccolta di firme per il Sindaco d'Italia. E di SiciliaSAC – Aeroporto di Catania: per l'Autorità Nazionale Anticorruzione è MALA GESTIORegionali, il ridicolo "veto" su Prestigiacomo di La Russa e Lega diventa boomerang: sul gommone pro-migranti c'era la senatrice leghista Valeria SudanoIl TALK di Sudpress, Speciale "Tosca" seconda puntata: sveliamo il misterioso Backstage dell'opera liricaRegione, i colonnelli siculi di FdI giocano col fuoco e mettono a rischio Lazio e premiershipLa tua campagna elettorale falla come si deve con Sudpress, Arti Grafiche Etna e Sicra Press: il massimo della Comunicazione Integrata"Come polli d'allevamento...tra macerie di valori"SI VOTA IL 25 SETTEMBRE: E ADESSO TUTTI ACCATTONI A PIETIRE PER UN VOTO

Vigili del Fuoco, Usb: "A Catania il soccorso ridotto al collasso, il personale è esausto"

25-09-2016 13:52

redazione

Cronaca, maresciallo salvo mirarchi, matteo renzi. pozzallo, viagrande, sambuca di sicilia,


In una lunga nota Carmelo Barbagallo del coordinamento Usb dei Vigili del fuoco di Catania elenca carenze e criticità avanzando alcune richieste per il personale: dal rilancio del soccorso al riconoscimento di categoria altamente e particolarmente usurante; dal rinnovo del contratto alle assunzioni



“Da molti anni come organizzazione sindacale abbiamo segnalato come il soccorso etneo sia ridotto ormai al collasso e  il tutto è stato anche fomentato dall’attuazione del Riordino (chiusura sede sommozzatori ore notturne, licenziamento precari, classificazione sedi non coerente con numero abitanti e interventi) che, di fatto ci ha tagliato ancor più le gambe”.



E’ quanto afferma Carmelo Barbagallo del coordinamento Usb dei Vigili del fuoco di Catania.



“Vogliamo il rilancio del soccorso, il riconoscimento di categoria altamente e particolarmente usurante, il rinnovo del contratto e assunzioni” aggiunge il sindacalista in una nota sottolineando che “sicuramente la Sicilia, ma Catania su tutte ( ricordiamo ex Nucleo operativo terremoti )  allo stato attuale non gode di certo di buona salute, accenniamo i punti critici che allo stato attuale attanagliano gli etnei e la zona Ionica”.



Barbagallo elenca una serie di criticità: “Non si fanno più corsi per carenza di organico, così facendo si demotiva il personale oltre che si riduce la professionalità per carenza di formazione o aggiornamenti. Le sedi di servizio non godono di ottima salute, i fondi che arrivano servono a malapena per la manutenzione ordinaria, ormai le sedi necessitano di quella ‘straordinaria’ non rispettano le norme di sicurezza”.



E ancora. Per il “parco mezzi, ormai sanno tutti che è da museo storico, anche i 100 milioni stanziati serviranno solo per l’ordinario, ci vuole intervento straordinario”, così come le attrezzature in caricamento "ormai sono cotte, o addirittura come collante universale si usa il fil di ferro, le manichette fanno acqua da tutte le parti, e ad oggi ancora non esiste una circolare o un corso per poterle assemblare o collaudare. Se accade qualcosa su chi ricade la colpa?".



"Le carenze - prosegue - gravano su ogni magazzino, dove naturalmente vige il caos più totale, dovremmo lavorare in sintonia creando personale addetto nei 4 turni, ma se riusciamo a malapena a comporre le squadre di soccorso come potremmo mai organizzare il tutto?”, domanda Barbagallo evidenziando che “le radio ‘Puma’ ormai sono quasi scomparse , siamo costretti a gridare per farci sentire, siamo nel 2016 queste cose sono inammissibili. Le Lampade antideflagrazione ormai sono anch’esse da museo…..le lampade assegnateci da corredo all’elmetto funzionano ad uso candela, perciò anche in questo caso o gridiamo, o giochiamo a mosca cieca”.



“Vorremmo aumentare la lista delle mancanze (Sisma e Modex), segnalate a gran voce dal personale operativo, che stanco di avere di fronte i muri di gomma, vorrebbe vedere il rilancio del soccorso tecnico urgente, vedersi riconosciuta la categoria particolarmente e altamente usurante, avere accettate le richieste sopra menzionate e magari cominciare a discutere di contratto, ma contratto da ‘Vigile del Fuoco’, perché noi  non vogliamo, né somigliare né essere come gli altri, nel nostro lavoro siamo indispensabili come lo sono le altre forze dell’ordine nel loro”, conclude il sindacalista.


image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder