sudpresslogo
sudpresslogo

CONTATTI

CONTATTI

MENU

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

1280x720

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

DIBATTITO PER CATANIA (e non solo), Carlo Sciacchitano, medico del lavoro: "Strategico riconoscere e sostenere l'enorme valore del Volontariato"8 giorni al debutto di TOSCA al Teatro Greco di Siracusa: conosciamo il tenore Vitaliy Kovalchuk che sarà CAVARADOSSICateno De Luca, candidato Sindaco di Sicilia: "Un regalo inaspettato la candidatura di Schifani"DIBATTITO PER CATANIA (e non solo): Marco Polizzi, presidente Primoconsumo: "Per la prima volta un candidato presidente già imputato prima di cominciare"DIBATTITO PER CATANIA (e non solo): Benedetto Torrisi, economista: "Occorrono garanti capaci di tutelare chi non va più a votare riportandoli alle urne"Verso "Tosca" Teatro Greco di Siracusa dal 26 agosto: IL SOPRANO MARIA TOMASSIDIBATTITO PER CATANIA (e non solo): Beppe Condorelli, cardiologo: "In primis l'ordine pubblico; e poi si facciano avanti professionisti affermati!"DIBATTITO PER CATANIA (e non solo), Lucio Di Mauro, medico legale: "Catania è pronta a cambiare? Con un vero progetto civico saremmo in tanti!"Regionali, Caterina Chinnici pretende liste "immacolate", stop alle candidature di Giuseppe Lupo, Angelo Villari e Luigi Bosco"Tutti a cercare la diligenza, ma probabilmente siamo al Capolinea"

Casse svuotate per sfuggire al Fisco, maxi evasione da 15 milioni nel messinese

30-07-2016 05:21

redazione

Cronaca, guardia di finanza, Messina, Barcellona Pozzo di Gotto, demanio marittimo, petrolchimici,

Casse svuotate per sfuggire al Fisco, maxi evasione da 15 milioni nel messinese

guardia-di-finanza4-.jpg


Scoperta dalla Guardia di Finanza di Barcellona Pozzo di Gotto una maxi-evasione fiscale da 15 milioni di euro, da parte di una cooperativa con oltre duecento dipendenti, che operava su tutto il territorio nazionale nel settore della pulizia degli edifici



La Guardia di Finanza ha scoperto una maxi-evasione fiscale da 15 milioni di euro da parte di una società cooperativa con oltre duecento dipendenti che da alcuni anni aveva trasferito la propria sede dalla Lombardia a Barcellona Pozzo di Gotto, nel messinese.



La società operava su tutto il territorio nazionale nel settore delle pulizie degli edifici. L’amministratore e il liquidatore della cooperativa, entrambi di origini lombarde,  sono stati denunciati alla Procura di Barcellona Pozzo di Gotto per i reati di omessa dichiarazione, dichiarazione infedele, indebita compensazione mediante crediti inesistenti e sottrazione fraudolenta al pagamento di imposte



La frode è stata individuata dalle Fiamme Gialle con l’incrocio dei dati contenuti nelle banche dati. Gli  indagati, al fine di sfuggire ai controlli del fisco e di sottrarre all’imposizione i ricavi conseguiti, non avrebbero presentato le dichiarazioni Iva  e Irap. Inoltre avrebbero avviato il fittizio avvio della liquidazione societaria, il trasferimento della sede da una regione all’altra e la presentazione di modelli Iva riportanti costi mai sostenuti, al fine di generare crediti d’imposta inesistenti.



Le indagini hanno accertato la natura giuridica di “cooperativa”, con le relative agevolazioni fiscali, e ricostruito una base imponibile Irap di oltre quindici milioni di euro sottratti a tassazione, ricavi non dichiarati per circa quattordici milioni di euro, ritenute non operate e/o non versate per sessantamila euro, compensazioni mediante crediti d’imposta inesistenti per un milione di euro e, infine, Iva relativa e dovuta per oltre tre milioni di euro.



Inoltre i militari della Guardia di Finanza hanno constatato il sistematico “svuotamento” delle casse della coop, per renderla inadempiente nei confronti dell’erario: sottratti infatti quasi seicentomila euro dal conto corrente societario, in meno di un anno, dall’amministratore pro tempore attraverso l’emissione di sessantaquattro assegni intestati a se stesso. 


image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder