Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

sudpresslogo
sudpresslogo

CONTATTI

MENU

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

schermata 2022-11-20 alle 06.58.04
schermata 2022-11-20 alle 06.58.04
schermata 2022-11-20 alle 06.58.04
schermata 2022-11-20 alle 06.58.04

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

E come ogni Natale torna la buca di via Torino: sempre la stessaEdizione straordinaria del TALK di Sudpress: in diretta alle 11 dal liceo Majorana per un “Anima Mundi” che cambia il mondoIl Talk in diretta alle 10 con "quelli di COMICS" che compie XXIX anniMondiali di calcio in Qatar: perchè?Ottima cosa via di Sangiuliano pedonale il sabato sera e la chiusura dei locali alle 2. E anche piazza Manganelli senza auto parcheggiate"Democrazia Partecipata", solo in 1.876 catanesi hanno votato. Ed è un peccatoDIBATTITO PER CATANIA (e non solo), per i rifiuti l'avv. Dario Riccioli lancia la proposta delle "Isole Ecologiche Mobili"Il post del Sottosegretario Vittorio Sgarbi dopo essere intervenuto durante il Talk sul caso Palazzo Beneventano di LentiniA Catania ciclo di incontri sul "Curatore Speciale del Minore", nuova importante figura nel processo di famigliaLa Galleria Carta Bianca compie oggi 25 anni, un record di longevità. E il patron Checco Rovella ce lo racconta

Casse svuotate per sfuggire al Fisco, maxi evasione da 15 milioni nel messinese

30-07-2016 06:21

redazione

Cronaca, guardia di finanza, Messina, Barcellona Pozzo di Gotto, demanio marittimo, petrolchimici,

Casse svuotate per sfuggire al Fisco, maxi evasione da 15 milioni nel messinese

guardia-di-finanza4-.jpg


Scoperta dalla Guardia di Finanza di Barcellona Pozzo di Gotto una maxi-evasione fiscale da 15 milioni di euro, da parte di una cooperativa con oltre duecento dipendenti, che operava su tutto il territorio nazionale nel settore della pulizia degli edifici



La Guardia di Finanza ha scoperto una maxi-evasione fiscale da 15 milioni di euro da parte di una società cooperativa con oltre duecento dipendenti che da alcuni anni aveva trasferito la propria sede dalla Lombardia a Barcellona Pozzo di Gotto, nel messinese.



La società operava su tutto il territorio nazionale nel settore delle pulizie degli edifici. L’amministratore e il liquidatore della cooperativa, entrambi di origini lombarde,  sono stati denunciati alla Procura di Barcellona Pozzo di Gotto per i reati di omessa dichiarazione, dichiarazione infedele, indebita compensazione mediante crediti inesistenti e sottrazione fraudolenta al pagamento di imposte



La frode è stata individuata dalle Fiamme Gialle con l’incrocio dei dati contenuti nelle banche dati. Gli  indagati, al fine di sfuggire ai controlli del fisco e di sottrarre all’imposizione i ricavi conseguiti, non avrebbero presentato le dichiarazioni Iva  e Irap. Inoltre avrebbero avviato il fittizio avvio della liquidazione societaria, il trasferimento della sede da una regione all’altra e la presentazione di modelli Iva riportanti costi mai sostenuti, al fine di generare crediti d’imposta inesistenti.



Le indagini hanno accertato la natura giuridica di “cooperativa”, con le relative agevolazioni fiscali, e ricostruito una base imponibile Irap di oltre quindici milioni di euro sottratti a tassazione, ricavi non dichiarati per circa quattordici milioni di euro, ritenute non operate e/o non versate per sessantamila euro, compensazioni mediante crediti d’imposta inesistenti per un milione di euro e, infine, Iva relativa e dovuta per oltre tre milioni di euro.



Inoltre i militari della Guardia di Finanza hanno constatato il sistematico “svuotamento” delle casse della coop, per renderla inadempiente nei confronti dell’erario: sottratti infatti quasi seicentomila euro dal conto corrente societario, in meno di un anno, dall’amministratore pro tempore attraverso l’emissione di sessantaquattro assegni intestati a se stesso. 


image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder