381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
900x250 fringe
900x250 fringe
900x250 fringe
sudpresslogo

Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

AUTORI

sudpresslogo

CONTATTI

sudhitech (1280 x 720 px)
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

IN EVIDENZA

Un mare di …? Il sogno delle spiagge siciliane economiche: realtà o miraggio?Su Sudsport Beach Soccer: Poule Scudetto 2024, il Catania FC vince ai rigori contro la Happy Car SambenedetteseSu Sudsport Pattinaggio: prosegue a Catania il Campionato Italiano 2024 di inline freestyleCaravaggio il prestigiatore. Una mostra a Catania...con 6 copieSu Sudsport Coach Gianni Catanzaro confermato alla guida dell'Under 15 della Pallacanestro ViagrandeLa strana storia della bizzarra Baxenergy (del bizzarrissimo Simone Massaro) che passa ai giapponesi. E le "autorità" catanesi celebranoPiazza Buonarroti nel caos: l'appello dei cittadini al sindaco Trantino e la richiesta tardiva all'UTUSu Sudsport Mercoledì 10 luglio incredibile impresa: l'atleta Jaan Roose attraverserà lo Stretto di Messina su una corda di 1,9 cmCatania, la "Edimburgo del Sud": in via Toledo si balla coi topiAddio a Toni Recca, già Magnifico Rettore dell'Università di Catania

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

Inchiesta Ordine dei Medici e dintorni, le prime decisioni: condannato l'ex direttore Missale, a processo Razz

19-06-2024 06:30

redazione

Cronaca, Focus, Sanità,

Inchiesta Ordine dei Medici e dintorni, le prime decisioni: condannato l'ex direttore Missale, a processo Razza, Arcidiacono e La Mantia, prosciolto Scavone

Avevano già patteggiato con pene variabili Campagna padre e figlia ed il palermitano Di Rosa

conord.webp

Inchiesta sulla Sanità Etnea: Undici a Processo, tra cui Eurodeputato FdI

 

Nelle more di questa prima decisione, erano usciti dal procedimento patteggiando pene variabili l'ex vice presidente dell'Ordine dei Medici di Catania Nunzio Ezio Campagna, sua figlia Paola e l'avvocato palermitano Giuseppe Di Rosa, arrivato a Catania al seguito dell'ex commissario Toti Amato: su questo e sul ruolo dei “palermitani” a breve dedicheremo un apposito focus

 

Rinvio a Giudizio e Assoluzioni

Il 18 giugno 2024, il giudice per l'udienza preliminare Carlo Cannella ha deciso il rinvio a giudizio di undici persone nell'ambito di un'inchiesta condotta dai Carabinieri del nucleo investigativo del comando provinciale di Catania. 

 

In calce gli articoli dedicati all'intricata vicenda che ha decapitato, tra l'altro, l'ordine dei medici di Catania che però è rimasto incredibilmente in carica con i “superstiti” come nulla fosse accaduto.

 

L'indagine riguarda la gestione degli incarichi relativi a progetti finanziati e approvati dall'assessorato alla Salute della Regione Siciliana, che sarebbero stati attribuiti a "predestinati" o congiunti attraverso bandi e esami pilotati.

 

Tra gli imputati figura Ruggero Razza, ex assessore regionale alla Salute e attualmente parlamentare europeo di Fratelli d'Italia (FdI) in attesa di insediamento, accusato di turbata libertà di scelta del contraente per la nomina di un professionista per un progetto da 10.000 euro. 

 

Per lo stesso reato, l'ex assessore regionale al Lavoro, Antonio Scavone, è stato prosciolto con formula piena per non aver commesso il fatto.

 

Altri Imputati e Condanne

Il processo coinvolgerà anche Ignazio 'Igo' La Mantia, ex presidente dell'Ordine dei Medici, e Giuseppe Arcidiacono, dirigente medico dell'ospedale Garibaldi ed esponente di FdI, che si era candidato a sindaco di Catania. 

 

Gli altri rinviati a giudizio sono Alberto Bianchi, Filippo Di Piazza, Sebastiano Felice Agatino Ferlito, Rosalia Maria Leonardi, Eugenio Pedullà, Ernesto Guido Rapisarda, Francesco Lo Re e Daniele Sorelli.

 

Nel processo con rito abbreviato, Aldo Missale, ex direttore amministrativo dell'Ordine dei Medici di Catania, è stato condannato a sei anni e otto mesi di reclusione per corruzione (con lo sconto di ⅓ previsto dal rito abbreviato), mentre Calogero Grillo, medico accusato di turbativa d'asta, ha ricevuto una condanna a otto mesi, con pena sospesa. 

 

Missale dovrà inoltre risarcire le parti civili, incluse le aziende ospedaliere Policlinico e Garibaldi, l'Ordine dei Medici e una parte lesa, con una provvisionale di 30.000 euro ciascuno. 

Grillo dovrà risarcire il Policlinico universitario con una provvisionale di 10.000 euro.

 

Dichiarazioni e Reazioni

Ruggero Razza ha commentato la decisione dichiarando: "Sono ansioso di potermi sottoporre al giudizio di merito, perché la mole di documenti e prove che abbiamo prodotto è la dimostrazione diretta della insussistenza della contestazione. [...] Sono molto fiducioso e, trattandosi di fatti risalenti negli anni, posso solo sperare che i tempi della giustizia siano davvero rapidi."

 

Contesto e Implicazioni

Questa vicenda si inserisce in un quadro più ampio di controversie e inchieste che hanno interessato la sanità siciliana negli ultimi anni. 

 

Secondo le indagini, la gestione degli incarichi e delle nomine all'interno dell'assessorato alla Salute della Regione Siciliana sarebbe stata caratterizzata da favoritismi e irregolarità, sollevando dubbi sulla trasparenza e sull'integrità del sistema sanitario regionale.

 

Le implicazioni di questo processo potrebbero essere significative non solo per gli imputati, ma anche per la credibilità delle istituzioni sanitarie siciliane, già messa a dura prova da performance che sfuggono ad ogni giudizio. 

 

La fiducia dei cittadini nella gestione della sanità pubblica potrebbe essere ulteriormente compromessa, richiedendo misure correttive e un rafforzamento dei controlli per evitare il ripetersi di tali situazioni in futuro: cioè praticamente pura utopia.

 

L'inchiesta sulla sanità etnea rappresenta un capitolo critico nella lotta alla corruzione e alla malagestione in Sicilia. 

Il processo dovrà fare chiarezza sulle responsabilità e garantire che giustizia sia fatta, nel rispetto dei principi di trasparenza e legalità che devono caratterizzare ogni settore della pubblica amministrazione: ovviamente quando ormai i danni saranno superati da quelli successivi.


Leggi anche:
















image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder