381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
900x250 fringe
900x250 fringe
900x250 fringe
sudpresslogo

Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

sudpresslogo

CONTATTI

sudhitech (1280 x 720 px)
gusto (2)
gusto (2)
come lo raccontiamo noi
gusto (2)
come lo raccontiamo noi
gusto (2)
come lo raccontiamo noi

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

IN EVIDENZA

Su Sudsport 𝐈𝐦𝐞𝐬𝐢 𝐀𝐭𝐥𝐞𝐭𝐢𝐜𝐨 𝐂𝐚𝐭𝐚𝐧𝐢𝐚 𝟏𝟗𝟗𝟒, 𝐚𝐥 𝐯𝐢𝐚 𝐬𝐞𝐭𝐭𝐨𝐫𝐞 𝐠𝐢𝐨𝐯𝐚𝐧𝐢𝐥𝐞 𝐞 𝐒𝐜𝐮𝐨𝐥𝐚 𝐂𝐚𝐥𝐜𝐢𝐨Nasce SudGUSTO, la nuova testata del Gruppo SudPress dedicata al "bon vivre": a dirigerla Elisa PetrilloSu Sudsport “Ti amo da morire”: al via la Nuova Campagna Abbonamenti del Catania FCCNA Catania denuncia: "Fallimento Zes Unica: in Sicilia per le piccole imprese il contributo passa dal 60% al 10%"Un'ondata di sapori e suoni travolgerà Balestrate: il Beer Street Festival torna per la sua 4° edizioneSu Sudsport La settimana del Cus Catania, sempre eccellenza dello sport sicilianoAnche a Catania si firma per il referendum per abrogare l'obbrobrio dell'autonomia differenziataSu Sudsport Canoa, doppio argento per l'atleta catanese Anastasia Insabella ai mondiali di BulgariaSAC-Aeroporto di Catania & C.: proteste da Comiso dove non si capisce cosa combinanoSudsport Beach Soccer Poule Scudetto 2024, il Catania FC vince contro Farmaè Viareggio

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

Mare "Mostrum": riaprono i solarium ma Catania è bandiera nera.

12-06-2024 06:30

Christian Costantino

Cronaca, Focus,

Mare "Mostrum": riaprono i solarium ma Catania è bandiera nera.

In Sicilia c’è la media più alta, il 58% dei campioni è inquinato.

vascaim.webp

La premessa:

L'assessorato comunale al Mare di Catania ha completato i lavori sugli spazi attrezzati del lungomare e delle spiagge pubbliche della Playa, garantendo accesso libero, funzionalità e sicurezza. La spiaggia libera n.3 è stata aperta con docce, salvataggio, bar e aree gioco, etc. 

 

Il resto di tutte le spiagge della Plaia è stata già aperta.

 

Anche il solarium di piazza Sciascia è stato aperto ed ampliato di 300 mq ed il 15 giugno aprirà il solarium di Ognina, rinnovato dopo cinque anni.

 

Quello più atteso dai giovani, invece, il solarium di San Giovanni Licuti, anche questo aperto.

 

Veniamo a noi adesso.

 

Nella nostra provincia sono tre i punti campionati secondo uno studio fatto meno di un anno fa da Goletta Verde, di questi tre, due sono  fortemente inquinati e di interesse: la foce del canale Forcile in località Contrada Pantano d’Arci ed il lungomare Galatea ad Aci Trezza. 

 

Praticamente tutta la costa della zona metropolitana.

 

Se prendiamo come punto medio Li Cuti:

 

Tra questa e Acitrezza distano circa 7 km.

Dalla spiaggia n.1, 5km.

Dalla n. 2, 9km  

Dalla n. 3, 10 km.

 

Tiriamo quindi le conclusioni su quanto abbia senso parlare di bandiere blu a distanza di pochi metri, quando le correnti percorrono centinaia di km.

Nelle analisi trovate c’erano: batteri fecali, microplastiche, idrocarburi.

Ma senza scendere neanche troppo nel dettaglio, ricordiamo tutti feci, macchie marroni ed assorbenti.

 

“Allora non dobbiamo fare più il bagno?”

 

Assolutamente no. 
Solo, siamo consapevoli che forse sarebbe più utile attivare un piano di bonifica dei filtri e sistemare gli  scarichi che montare solarium.

In questi giorni, ad esempio, il canale Arci ha sversato materiale argilloso e sabbioso.

 

"Ma è acqua pulita?"

 

Dunque:

Nel canale oltre alle acque meteoriche (pioggia) vengono scaricati reflui filtrati provenienti da alcuni stabilimenti nella zona industriale. 
Scarichi autorizzati e trattati certo, ma pur sempre di scarichi parliamo.

 

Anzi, secondo un rapporto del 2021 del Tribunale di Catania, imponeva alla Sidra, la società partecipata del comune, di sbarrare il canale a causa dei liquami e degli scarti industriali.

 

Solo due anni dopo però, l'Arci viene dichiarato un canale naturale, quindi, non sbarrabile.

Pensate che confusione e che impegno ci vuole per capire cosa sta succedendo: un canale con liquami, materiale argilloso e scarti industriali che viene dichiarato canale naturale non sbarrabile per non toccare il suo naturale decorso ma che, secondo le dichiarazioni del sindaco Trantino, i lavori per lo sbarramento cominceranno tra una settimana.

 

Non si riesce a capire cosa sia sto benedetto Arci.

 

Ma nel marzo 2024, fortunatamente, erano state scattate delle foto  del canale: materiale biancastro, pesci sofferenti e liquami di natura chimica ed umori talmente forte da bruciare narici e occhi.

 

Insomma, forse è rimasto solo un posto dove poter fare una rilessante nuotata al sicuro: la vasca da bagno.

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder