381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
900x250 fringe
900x250 fringe
900x250 fringe
sudpresslogo

Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

AUTORI

sudpresslogo

CONTATTI

sudhitech (1280 x 720 px)
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

IN EVIDENZA

Congresso Nazionale SIOD: innovazione e sicurezza in Odontoiatria al Centro del dibattitoSu Sudsport Pallavolo: 5 giovanissime atlete catanesi convocate in nazionaleDal 17 giugno una Summer School organizzata dal DICAR di UNICT con il MIT, la più prestigiosa università al mondoASP Catania, succedono cose stranissime: il commissario Laganga, sospeso penalmente, è in servizio ma non firmaSu Sudsport Il Jamboree Internazionale di Minibasket invade Catania: tre giorni di pura passioneL’eterno dramma dei rifiuti in Sicilia: interesse di tutti, soluzione di chi?Si diffonde anche in Italia il Litigation FundingMare "Mostrum": riaprono i solarium ma Catania è bandiera nera.Su Sudsport “Boxing For Change”: il pugilato a scuola e in carcere in Italia, Spagna e RomaniaSu Sudsport Calcio a 5 play off: Catania lotta, ma Napoli prevale 5-3 nelle Finals Scudetto

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

La Sicilia non ci crede più: democrazia finita

10-06-2024 06:59

Pierluigi Di Rosa

Cronaca, Focus,

La Sicilia non ci crede più: democrazia finita

Percentuale di votanti nella Isole al 37%, in Italia scende per la prima volta sotto il 50. Bisogna trovare una soluzione, prima che degeneri definitivamente.

demfin.webp

Vero è che la politica si valuta sui numeri che escono, e quelli usciti dalle urne europee si presteranno a più valutazioni.

Tra qualche ora ci si potrà sbizzarrire sui singoli risultati, sulle preferenze, su vincitori veri o presunti e su sconfitti certi.

 

Ma al momento, il dato che è risultato certo sin dalle 23 di ieri è che l'elettorato italiano è sempre più distante dalla sua classe politica: in Sicilia e nel Meridione addirittura la disprezza in maniera sempre più eclatante.

 

Non può leggersi infatti in altro modo la percentuale di elettori che ha deciso di non andare a votare: ben il 62,8% degli aventi diritto.

 

È un risultato ormai praticamente definitivo, che conferma il trend drammatico dello scollamento totale con chi evidentemente non rappresenta altro che se stesso ed il gruppo di potere di cui fa parte.

 

Se appena il 37,7 degli “isolani” va a votare, nel Meridione il 43, 72 e media italiana si scende sotto la metà degli aventi diritto, al 49,69%, è chiaro che siamo in presenza di qualcosa di diverso rispetto ad una democrazia compiutamente rappresentativa.

 

Faremo, tutti, conti e analisi nei prossimi giorni, ma intanto appare indispensabile che la società civile, quel che ne resta, cominci ad organizzarsi seriamente per impedire derive da democratura che ormai sono davvero dietro l'angolo.

 

“Le istituzioni non si riformano da sole, tendono a difendere i propri privilegi. Vanno abbattute”, sosteneva il grande studioso delle elite Gaetano Mosca.

 

È inevitabile infatti lo scontro con le classi che restano ai margini o addirittura del tutto estranee alla gestione della Cosa Pubblica ed alla sua condivisione.

 

Il tema principale è impedire fino a che possibile che questo scontro possa diventare violento, tentando sino allo stremo di attuare azioni di riforma che partendo dall'esterno del sistema riescano a ricondurlo a principi democratici di partecipazione popolare, come ad esempio si tentò, in maniera incompiuta e tradita, con la grande stagione dei referendum Segni dei primi anni '90.

 

La madre di tutte le questioni resta la riforma della legge elettorale, che deve tornare a servire la volontà popolare e non più, come ora, gli interessi di una casta sempre meno adeguata a governare un paese in caduta libera in tutti gli indicatori possibili.

 

Il “popolo degli astensionisti”, oggi ampia maggioranza nel paese, deve trovare forme nuove di azione e rappresentanza, che possano scardinare un sistema ormai finito e che rischia di diventare pericoloso.

 

Bisogna trovare una soluzione, prima che degeneri definitivamente.

 

L'augurio è questo: che chi si è astenuto torni ad occuparsi di quella politica che, volenti o nolenti, condiziona sempre più pesantemente la vita di ciascun cittadino. 

Compresi quelli che non sono ancora nati ed a cui non dobbiamo lasciare in eredità questa vergogna.  

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder