381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
900x250 fringe
900x250 fringe
900x250 fringe
sudpresslogo

Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

AUTORI

sudpresslogo

CONTATTI

sudhitech (1280 x 720 px)
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

IN EVIDENZA

Confindustria in campo per la sicurezza informatica delle imprese italiane: la sfida per la sopravvivenzaSu Sudsport Pallanuoto, la grande stagione di Muri Antichi: i ringraziamenti di president Luigi Spinnicchia. E il sognoCongresso Nazionale SIOD: innovazione e sicurezza in Odontoiatria al Centro del dibattitoSu Sudsport Pallavolo: 5 giovanissime atlete catanesi convocate in nazionaleDal 17 giugno una Summer School organizzata dal DICAR di UNICT con il MIT, la più prestigiosa università al mondoASP Catania, succedono cose stranissime: il commissario Laganga, sospeso penalmente, è in servizio ma non firmaSu Sudsport Il Jamboree Internazionale di Minibasket invade Catania: tre giorni di pura passioneL’eterno dramma dei rifiuti in Sicilia: interesse di tutti, soluzione di chi?Si diffonde anche in Italia il Litigation FundingMare "Mostrum": riaprono i solarium ma Catania è bandiera nera.

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

"Non è mai troppo tardi", ma per Catania sì

23-05-2024 06:30

Christian Costantino

Cronaca, Focus, catania, analfabetismo,

"Non è mai troppo tardi", ma per Catania sì

Città più analfabeta d'Italia e politica del disinteresse.

photo_2024-05-22_20-32-27.jpeg

Quest'articolo -ahinoi- non lo leggeranno in tanti. 

Non per le (lecite) antipatie che suscitiamo, ma per una questione meramente pratica.

 

Catania, tra i tanti record negativi che ha a livello amministrativo ed economico, ne trova uno sociale: l'analfabetismo

 

Partiamo da un dato: l'Italia ha un tasso di analfabetismo dello 0,3%, poco male, siamo tra i migliori al mondo e non dobbiamo confonderlo con l'analfabetismo funzionale, di cui quasi il 50% degli italiani è purtroppo affetto.

 Ma dall'analfabetismo funzionale dipendono diversissimi fattori: la complessità della lingua, la cultura, la qualità dei media, ecc. Questo indica l'incapacità (o la scarsa capacità) di usare efficacemente le abilità di lettura, scrittura e calcolo nelle situazioni della vita di tutti i giorni.

 

Torniamo invece all'analfabetismo strutturale.

 

Catania risulta tristemente al primo posto per analfabetismo in tutta Italia

Insomma, andando in giro per le vie di Catania, non avremmo esagerata difficoltà a trovare una persona che, effettivamente, non sappia leggere questo testo.

 

L'8,4% dei catanesi è analfabeta, quindi: 24.000 persone.

 

Se quindi solo lo 0,3% (sopra i 15 anni) degli italiani è analfabeta, significa che in tutta Italia vi sono 150.000 analfabeti, altri dati sostengono addirittura 300.000. Tirando le somme e sottostimando i dati, il 16% degli analfabeti d'Italia è catanese.

 

Se volessimo estendere i dati prendendo Palermo con il suo 7,4% di analfabeti, traiamo  bene che la Sicilia è una fetta enorme della somma nazionale di analfabeti.

 

Ma che colpa abbiamo noi? Cosa possiamo fare per la lotta all'analfabetismo? Nulla.

 

Molto più semplice sarebbe costruire un ponte tra Trapani e Tunisi che tentare

l'alfabetizzazione dei catanesi. 

 

Vedete, non è una questione economica, ma strettamente culturale e politica. Chi nasce e vive a Librino, Villaggio Sant'Agata o San Giuseppe La Rena, difficilmente riuscirà a evolversi da quel contesto, certo, ma una politica locale (fatta da gente tutt'altro che analfabeta) che ha dimenticato posti più sfortunati, ha innestato la disillusione nei quartieri più degradati.

E non è solo una questione di povertà assoluta, ma di povertà educativa.

 

A Catania il 20% dei ragazzi tra i 18 e i 24 anni non consegue un diploma o una qualifica professionale e, sempre a Catania, il diritto all'infanzia è agli ultimi posti a livello europeo.

La povertà educativa chiama in causa la città, gli equilibri sociali, l'ascensore sociale e persino le strutture fatiscenti delle scuole; qualcosa che anche con miliardi e miliardi non possiamo cambiare, poiché l'interesse politico nei confronti dei più sfortunati non ha prezzo.

 

Si parla sempre di portare sicurezza all'interno dei quartieri, di militarizzare l'area con presidi costanti di forze di polizia, quando basterebbe portare un po' di cultura.


Ora il ponte tra Trapani e Algeri non sembra impossibile.

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder