381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
900x250 fringe
900x250 fringe
900x250 fringe
sudpresslogo

Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

AUTORI

sudpresslogo

CONTATTI

sudhitech (1280 x 720 px)
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

IN EVIDENZA

Su Sudsport Canoa Dragon Boat: record di titoli italiani per il Catania che conquista 12 ori ai nazionali assoluti di velocità e 6 argenti a SabaudiaInchiesta Ordine dei Medici e dintorni, le prime decisioni: condannato l'ex direttore Missale, a processo Razza, Arcidiacono e La Mantia, prosciolto ScavoneIL PROFESSORE GIORGIO CALABRESE OSPITE DEL PROGETTO "E’ PRONTO A TAVOLA" PARLA DI SANA ALIMENTAZIONEA Santa Maria di Licodia uffici comunali irragiungibiliSalute orale e respiratoria: effetti del fumo e di dispositivi innovativi al centro del convegno COI-AIOGSu Sudsport i 12 atleti paralimpici del Ministero della Difesa che hanno attraversato lo Stretto per promuovere lo Sport InclusivoChiusura al traffico Castello Ursino, Mario Venuti (e non solo lui): "Hanno chiuso il lato sbagliato!"A Catania una novità che sa di antico. Arena Godard: un piccolo cinema d'essai sotto le stelle.Su Sudsport Calcio a 5, Meta Catania resta in gara per lo scudetto: vittoria 2-1 al PalaCatania che esplode di entusiasmoConfindustria in campo per la sicurezza informatica delle imprese italiane: la sfida per la sopravvivenza

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

Villa Bellini: «il salotto di Catania»? Forse lo sgabuzzino.

21-05-2024 06:30

Christian Costantino

Cronaca, Focus, villa bellini, Catania ,

Villa Bellini: «il salotto di Catania»? Forse lo sgabuzzino.

_Arena per concerti, verde che sparirà ed un simbolo che smetterà di essere tale

photo_2024-05-19_20-54-09.jpeg

Nel 1965 si decise che Catania dovesse avere un elefante in carne e ossa (e non in pietra lavica) all'interno della Villa Bellini. Si chiamava Tony e morì poco più di un anno dopo il trasferimento per via dell’inadeguatezza del luogo.

 

Ma questa è un'altra storia. Veniamo ad oggi.

 

Catania si trova a dover assistere impotente all’ennesimo sfregio della Villa Bellini, un bene culturale e paesaggistico riconosciuto e vincolato dalla Regione Sicilia. Il giardino, conosciuto da oltre cento anni come simbolo della città, è minacciato da un’iniziativa che rischia di trasformarlo in un’arena per concerti, concessa ad un paio di impresari privati non è noto a quali condizioni e con quali vantaggi per le parti. Soprattutto per quella pubblica.

 

Secondo alcune notizie riportate dai media, il Comune avrebbe intenzione di autorizzare l’accesso contemporaneo di 5.000 spettatori per ogni concerto. 

 

Non sarebbe ora ti trovare un posto adeguato, magari in periferia, dove costruire un bel posto ad hoc da dedicare ai grandi eventi di spettacolo?

 

E invece, li fanno alla Villa Bellini, un giardino storico.  

 

Questa, per quanto possa sembrare una trovata geniale per racimolare qualche soldo, è un’azione priva di acume e lungimiranza.

 

Le conseguenze sono ovvie: problemi di sicurezza, trasformazione del giardino in una discarica di rifiuti (come già constatato durante i concerti delle scorse estati) e, banalmente, lo snaturarsi del simbolo che la Villa rappresenta.

 

Questa iniziativa si scontra con il Codice dei Beni Culturali e Paesaggistici e con le carte nazionali e internazionali sui Giardini Storici Monumentali, mettendo a rischio sia il giardino che la sicurezza degli spettatori.

 

L’ingresso di 5.000 spettatori supera di gran lunga il limite previsto per gli spettacoli pubblici in luogo chiuso, che non dovrebbe superare le 1.000 unità in piedi.

Questa decisione mette a rischio un bene storico della città che il Comune, in quanto proprietario, dovrebbe proteggere.

 

Ad aver inviato una mail a SudPress sulla questione è FreeGreen Sicilia, storica associazione civico/ambientalista impersonata da Alfio Lisi.

Una associazione che si occupa di sostenibilità, animalismo e, come si evince, tutela del territorio.

Lisi, nella lettera invita alla  redazione, scende nel dettaglio:

 

“Un altro aspetto che la dice lunga sull’utilizzo da “stadio” di un bene storico inalienabile della città che nessuno, a partire dal proprietario pubblico ovvero il Comune (che dovrebbe per sua natura rappresentare la sensibilità inconfutabile dei cittadini e proteggere senza indugi le bellezze storiche della città)  dovrebbe mettere a rischio di deturpazione e trasfigurazione sia dal punto di vista botanico che architettonico già peraltro da anni messi a dura prova  da incompetenze e autorizzazioni a iniziative incompatibili e devastanti.”

 

Viene quasi da ridere per una cosa sola: si pensa a trasformare la Villa in area concerti senza rendersi conto in che condizioni versa.

Qualsiasi catanese, oggi, ha timore ad entrare in quella che più che una villa sembra una giungla.

È quindi essenziale che le autorità intervengano per salvaguardare questo patrimonio storico e culturale, impedendo qualsiasi iniziativa che possa comprometterne l’integrità.

 E poi basta con queste opere che non fanno altro che erodere il verde.

 

Abbiamo un giardino? Curiamolo. Adibire un'area per far entrare 5.000 persone non può che richiedere una costruzione (vedremo a chi sarà data in mano) che rosicchierà porzioni di verde. Rendiamo invece appetibile quello spazio per tutti.

Se prima la Villa era chiamata “il salotto di Catania”, ora, per com’è ridotta, non possiamo che darle il nome di un’altra stanza: lo sgabuzzino.

 

Vi chiederete:

 

“Ma cosa c’entrava l’elefante Tony all’inizio della storia?”

 

Nulla, se non per ricordarvi che, quando la Villa sarà adibita ad arena, quella del pachiderma vi sembrerà una genialità.

 

Ecce Tony! 

photo_2024-05-19_20-54-12.jpeg
image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder