381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
900x250 fringe
900x250 fringe
900x250 fringe
sudpresslogo

Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

AUTORI

sudpresslogo

CONTATTI

sudhitech (1280 x 720 px)
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

IN EVIDENZA

Vaticano: il prof. Battaglia ricevuto in udienza da Papa Francesco. Presentato progetto umanitario in AfricaSu Sudsport Calcio: il Catania vola alto, vittoria epica nel primo round dei Playoff!ASP Catania: dopo il terremoto giudiziario, ancora senza commissario e con i direttori sanitario e amministrativo (probabilmente) illegittimi?Villa Bellini: «il salotto di Catania»? Forse lo sgabuzzino.Su Sudsport A Ortigia studenti da 30 Paesi per celebrare lo sport con la 16° edizione della Regatta ESCPSu Sudsport Calcio a 5, lacrime e soddisfazione al Palawagner: il Mascalucia è in finale playoffGiù le mani dalla Magistratura. E dalla Procura di CataniaL'Associazione La Prima organizza l'evento Libertà in CorsoSu Sudsport Pallanuoto, buona la prima gara dei play off per Giorgini Muri AntichiPovertà a Catania: il dossier della Caritas atto d'accusa implacabile contro la casta dei politicanti senza arte né parte

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

Emergenza... siciliani

24-04-2024 06:30

Christian Costantino

Cronaca, Focus,

Emergenza... siciliani

Tra caldo, incendi e siccità, forse siamo proprio noi stessi residenti la vera calamità.

siccità.jpeg

La Sicilia è tra le aree più colpite dalla siccità in Europa. 

Anche la parte più a sud della penisola iberica non se la passa benissimo: Andalusia, Estremadura (Spagna) e Algarve (Portogallo). 

Però, quasi certamente, i nostri vicini più calienti non buttano 180 milioni di m³ d’acqua.

 

Gli agricoltori, giustamente, lamentano che mentre gli agrumeti e altre coltivazioni soffrono per la mancanza di acqua, una parte significativa di questa viene sciupata a causa di disfunzioni nei sistemi di irrigazione, o paratie.

 

A quanto pare, il problema è localizzato nelle zone del paternese, da un affluente del Simeto.

È evidente (oltre che fisicamente elementare) che non venendo trattenuta l'acqua, e in assenza di piogge, il livello dell'invaso decresca e tra l’altro, non secondariamente, l’invaso d’acqua serve anche ad alcune specie autoctone di uccelli che stazionano li.

Agricoltori e produttori sottolineano che il punto della questione è che le disfunzioni coinvolgono sei paratie, causando un immenso spreco.

 

Quindi, delle due, l’una:

o le emergenze vengono chiamate senza motivo e dilaniano patrimoni che, purtroppo, non ci vengono regalati, oppure (e verosimilmente) l’emergenza siamo proprio noi siciliani che non abbiamo idea di come conservare sta benedetta acqua.

 

Riflettiamo un secondo su come funzionano le emergenze.

 

La regione, stato o città chiama l’emergenza e, grazie a dei fondi nazionali o europei, le si dà una mano. 

Ed è sacrosanto che funzioni così, ma parte di quei soldi serve soprattutto a far sì che non ricapitino altre emergenze!

 

Esempio: sono stati stanziati 6,1 milioni di euro alla Sicilia per l’emergenza incendi di meno di un anno fa. 

Non ci si aspetta il miracolo che nessun incendio tocchi la nostra terra, ma quanto meno di riuscire a domarlo.

Specie con 16 mila guardie forestali che abbiamo in Sicilia. Quasi quanto l’intero esercito della Croazia. 
Ma questa è un’altra storia sulla quale faremo luce.

 

Sempre meno di un anno fa, fu emergenza blackout, poi emergenza terra dell’Etna, emergenza caldo, emergenza balneazione, (tuccannu ferru) sarà la volta dell’emergenza ponte.

 

Il punto non è che queste non sono emergenze, la questione centrale è: se vengono investiti soldi su soldi, come mai non riusciamo a far fronte a nessuna emergenza?

 

Quando ve ne sarà una più grande ed importante, come la affronteremo? I terremoti qui sono all’ordine del giorno, quando busserà alla nostra porta, all’ennesima emergenza e richiesta di aiuto economico, chi ci prenderà sul serio?

 

La crisi idrica è evidente, certo, e bisogna riattivare un dissalatore abbandonato a Trapani e recuperare 180 milioni di metri cubi d'acqua entro fine anno. 

E non sarà gratis riattivare un dissalatore in disuso.

Gli investimenti necessari sono stimati in 720 milioni di euro, ma il governo regionale ne ha stanziati solo 16.

 

Non deve passare l’idea che non crediamo alle emergenze o che le sottovalutiamo, ma che chiedere aiuto debba essere un’azione che porta esperienza nel fronteggiare le calamità quando da anni si ripetono ciclicamente le stesse identiche emergenze.

 

Manlio Sgalambro, filosofo catanese, anni fa lanciò una provocazione sul Corriere della Sera :


“Smettete di dare i fondi ai siciliani, perché quando messi alle spalle al muro riescono a darsi la spinta”

 

All’ennesima emergenza senza soluzione, avremo la risposta.

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder