381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
900x250 fringe
900x250 fringe
900x250 fringe
sudpresslogo

Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

AUTORI

sudpresslogo

CONTATTI

sudhitech (1280 x 720 px)
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

IN EVIDENZA

Vaticano: il prof. Battaglia ricevuto in udienza da Papa Francesco. Presentato progetto umanitario in AfricaSu Sudsport Calcio: il Catania vola alto, vittoria epica nel primo round dei Playoff!ASP Catania: dopo il terremoto giudiziario, ancora senza commissario e con i direttori sanitario e amministrativo (probabilmente) illegittimi?Villa Bellini: «il salotto di Catania»? Forse lo sgabuzzino.Su Sudsport A Ortigia studenti da 30 Paesi per celebrare lo sport con la 16° edizione della Regatta ESCPSu Sudsport Calcio a 5, lacrime e soddisfazione al Palawagner: il Mascalucia è in finale playoffGiù le mani dalla Magistratura. E dalla Procura di CataniaL'Associazione La Prima organizza l'evento Libertà in CorsoSu Sudsport Pallanuoto, buona la prima gara dei play off per Giorgini Muri AntichiPovertà a Catania: il dossier della Caritas atto d'accusa implacabile contro la casta dei politicanti senza arte né parte

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

Emergenza siccità: il bicchiere mezzo vuoto della Sicilia ed il caso dei dissalatori di Porto Empedocle inaug

10-04-2024 06:30

Giacomo Petralia

Cronaca, Focus,

Emergenza siccità: il bicchiere mezzo vuoto della Sicilia ed il caso dei dissalatori di Porto Empedocle inaugurati e non funzionano

....tutto un'emergenza, tutto un commissariamento: e non risolvono mai niente.

siccitamezzopieno.jpeg

Se vogliamo richiamare alla mente un concetto che sia tanto indagato dalla scienza quanto abusato nella vita di tutti i giorni, non può che essere quello di “resilienza”. 

 

La psicologia definisce la resilienza come quell’insieme di capacità che permettono ad un individuo di far fronte ad eventi traumatici, di crisi, mantenendo un approccio positivo e riorganizzando di conseguenza la propria vita.

 

Per intenderci, un esempio (altrettanto abusato) di persona resiliente è chi è in grado di vedere, nonostante tutto, il cosiddetto “bicchiere mezzo pieno”.

 

Quant’è facile, però, ricorrere al meccanismo della resilienza quando non c’è quasi più traccia d’acqua nel bicchiere?

 

Il bicchiere mezzo vuoto

Precisamente alle ore 15:00 del 9 febbraio scorso, tramite il portale istituzionale della Regione Siciliana, veniva ufficialmente comunicata la dichiarazione dello stato di calamità naturale causato da severa siccità. 

 

A guardare bene, questa secchezza generale era già stata accentuata dai diversi brutali fenomeni che hanno colpito l’Isola non troppo in là nel tempo: non è così difficile ricordare quel che è avvenuto durante il periodo estivo dello scorso anno.

 

In base ai dati analizzati dall’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA), nel corso della stagione degli incendi 2023, la Sicilia ha visto andare in fumo 51.000 ettari del proprio territorio a fronte dei 75.000 ettari totali bruciati: tra la nostra regione e quella calabrese ricade l’85% della superficie forestale nazionale lasciata in pasto alle fiamme.

 

Di conseguenza, a metà marzo, dal Palazzo d’Orleans di Palermo si è fatta dunque necessaria l’approvazione dello stato emergenziale del settore idrico potabile: fino al 31 dicembre di quest’anno, ben sei delle nove province siciliane andranno incontro ad un piano di razionamento dell’erogazione dell’acqua, che varierà tra il 10% e il 45% in base alle zone interessate. 

 

Fino a quella data, milioni di cittadini tra Agrigento, Caltanissetta, Enna, Messina, Palermo e Trapani saranno costretti a centellinare l’acqua a propria disposizione. 

La definizione “oro blu” non potrebbe suonare più letterale.

 

Le cannucce nel bicchiere

Negli ultimi giorni, un’idea in particolare ha attraversato le menti dell’amministrazione regionale, nella disperata ricerca di soluzioni per tentare di ovviare velocemente alla drammatica emergenza: ripristinare i tre siti di dissalazione a Trapani, Gela e Porto Empedocle. 

 

Nel corso degli anni, le vicende di contorno alla questione di questi famosi dissalatori sono state pressoché curiose.

 

Alla fine del marzo 2005, in un altro periodo di profonda crisi per la Sicilia, l’allora Presidente di Regione e commissario delegato per l'emergenza idrica, Salvatore Cuffaro, annuncia la firma del decreto che prevede il finanziamento di “opere civili” tra cui, appunto, i dissalatori di Porto Empedocle. 

Il via viene dato a fronte di una chiara promessa: “potrà essere attivato entro cinque mesi”.

 

Dopo un ritardo di soli 14 mesi sulla tabella di marcia, lo stesso Cuffaro può finalmente presiedere alla celebrazione di inaugurazione dell’impianto, nel gennaio 2007. 

Viene garantito che l’atteso dissalatore della città agrigentina sarà in grado di erogare 3 milioni di metri cubi d’acqua all’anno. 

Se si considerano i costi erogati per la costruzione della struttura, ossia 5.250.000 euro, sono cifre niente male.

 

Giunti nel 2008, Cuffaro viene costretto alle dimissioni da Presidente di Regione in base alla condanna a 5 anni e all’interdizione dai pubblici uffici, procedimenti scattati alla fine del processo “Talpe alla DDA”. 

In questo processo, nato attorno alla figura del magnate Michele Aiello e dei suoi rapporti con fedelissimi di Bernardo Provenzano, viene altresì snocciolata la forte intesa tra Cuffaro e Giuseppe Guttadauro, capomandamento Brancaccio-Ciaculli di Palermo.

 

Poco dopo, nello stesso 2008, un fresco eletto Raffaele Lombardo si siede sulla prima poltrona di Palazzo d’Orleans. Uno degli ultimi provvedimenti del mandato di Lombardo, conclusosi nel 2012 con dimissioni richieste dal Presidente del Consiglio Mario Monti, prevede un cambio di direzione: tutti e tre gli impianti di dissalazione presenti sul territorio vengono chiusi “causa inquinamento e costi di gestione”.

 

Il bicchiere vuoto

Renato Schifani che, nell’ormai lontano periodo in cui l’impianto di Porto Empedocle veniva inaugurato, era già membro della Commissione parlamentare Territorio e Ambiente, si ritrova adesso a far fronte ad uno degli eventi traumatici che colpiscono ciclicamente il nostro territorio. 

 

Indubbiamente un momento impegnativo per il governatore della nostra regione, vista anche la recente nomina a Commissario per i rifiuti in Sicilia garantitagli dalla partner politica (nonché attuale Presidente del Consiglio) Giorgia Meloni.

 

Le gambe della Trinacria inciampano da anni negli intrecci di politica, mafia e denaro.

 

È dunque chiaro e cristallino come l’acqua, anzi, come il vetro di un bicchiere vuoto che, più che alla resilienza, la Sicilia ricorre ancora una volta al meccanismo della rassegnazione.

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder