381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
900x250 fringe
900x250 fringe
900x250 fringe
sudpresslogo

Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

AUTORI

sudpresslogo

CONTATTI

sudhitech (1280 x 720 px)
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

IN EVIDENZA

Vaticano: il prof. Battaglia ricevuto in udienza da Papa Francesco. Presentato progetto umanitario in AfricaSu Sudsport Calcio: il Catania vola alto, vittoria epica nel primo round dei Playoff!ASP Catania: dopo il terremoto giudiziario, ancora senza commissario e con i direttori sanitario e amministrativo (probabilmente) illegittimi?Villa Bellini: «il salotto di Catania»? Forse lo sgabuzzino.Su Sudsport A Ortigia studenti da 30 Paesi per celebrare lo sport con la 16° edizione della Regatta ESCPSu Sudsport Calcio a 5, lacrime e soddisfazione al Palawagner: il Mascalucia è in finale playoffGiù le mani dalla Magistratura. E dalla Procura di CataniaL'Associazione La Prima organizza l'evento Libertà in CorsoSu Sudsport Pallanuoto, buona la prima gara dei play off per Giorgini Muri AntichiPovertà a Catania: il dossier della Caritas atto d'accusa implacabile contro la casta dei politicanti senza arte né parte

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

Muore cadendo dalle scale antincendio del Policlinico di Catania

09-04-2024 13:07

Elisa Petrillo

Cronaca, Focus,

Muore cadendo dalle scale antincendio del Policlinico di Catania

Tragedia al Policlinico di Catania. Una studentessa della Facoltà di Medicina di 32 anni, muore cadendo dalle scale di sicurezza.

whatsapp-image-2024-04-09-at-10.22.22.jpeg

Una giovane vita si è spezzata. Una studentessa della Facoltà di Medicina di 32 anni, originaria di Paternò, è morta precipitando dalle scale antincendio dell’edificio 1 del Policlinico Universitario di Catania, un luogo che dovrebbe essere sinonimo di cura e di speranza. 

 

Questa volta, però, è stato teatro di una tragedia che lascia un'amara riflessione sul valore della sicurezza. Non si tratta del primo episodio proprio accaduto in quella rampa di scala.

 

Una tragedia che ha gettato nello sconforto i colleghi della giovane, alcuni dei quali si trovano al Policlinico. Disperazione per i familiari e la madre che proprio presso l’azienda ospedaliera svolge il lavoro di OSS nel reparto di pneumologia.

 

La giovane donna, i cui sogni e aspirazioni si intrecciavano con i corridoi della facoltà di medicina, e che stava pensando anche al matrimonio ha trovato la morte in un modo che avrebbe potuto e dovuto essere evitato. 

 

Le rampe delle scale antincendio, prive della rete di protezione essenziale, non sono nuove a scene di tragedie, come detto, alcuni infermieri ci raccontano che ci sarebbero stati altri due casi. 

 

A questo punto è spontaneo chiedersi perché in un edificio che incarna il progresso medico e la salvaguardia della vita, si permette a una tale minaccia di persistere?

 

Questa non è solo una domanda per i responsabili della sicurezza del Policlinico, ma anche per chi ha ignorato i pericoli evidenti che queste strutture rappresentano, dimenticando anche che in questi luoghi spesso si ricevono notizie terribili, che provocano momenti di grande confusione mista a dolore e disperazione.

 

E proprio in quell’istante può accadere l’irreparabile. Ed è lì che bisognerebbe avere “sicurezza”, che si traduce in questo caso si traduce nella semplice recinzione di una scala, che ti protegge da te stesso, che ti salva “la vita”!

 

Tante le domande, molte delle quali non troveranno risposta.

 

Intanto gli inquirenti sono al lavoro per cercare di stabilire la dinamica dell’incidente.

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder