381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
900x250 fringe
900x250 fringe
900x250 fringe
sudpresslogo

Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

AUTORI

sudpresslogo

CONTATTI

sudhitech (1280 x 720 px)
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

IN EVIDENZA

Villa Bellini: «il salotto di Catania»? Forse lo sgabuzzino.Su Sudsport A Ortigia studenti da 30 Paesi per celebrare lo sport con la 16° edizione della Regatta ESCPGiù le mani dalla Magistratura. E dalla Procura di CataniaSu Sudsport Calcio a 5, lacrime e soddisfazione al Palawagner: il Mascalucia è in finale playoffL'Associazione La Prima organizza l'evento Libertà in CorsoPovertà a Catania: il dossier della Caritas atto d'accusa implacabile contro la casta dei politicanti senza arte né parteSu Sudsport Pallanuoto, buona la prima gara dei play off per Giorgini Muri AntichiDIBATTITO PER CATANIA (e non solo), Antonio Pogliese: "Gli intellettuali scendano in campo"Su Sudsport Pallanuoto, ora si fa sul serio: semifinale play off gara 1 Giorgini Muri Antichi vs. PescaraSuccesso per Rigoletto al Teatro Placido Mandanici

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

Siccità, Mafia e UltimaGenerazione

09-04-2024 06:30

Christian Costantino

Cronaca, Focus,

Siccità, Mafia e UltimaGenerazione

Sicilia abbandonata, nessuno stato di emergenza.

Una volta avuto il ponte, svanirà ogni problema della Sicilia.

 

Il tempo di strada tra Palermo e Catania si dimezzerà; sparirà ogni traccia di spazzatura e la demografia schizzerà alle stelle.

 

Sicuramente, ma senza acqua, neanche un mattone si posizionerà. 
La Sicilia è in emergenza per la siccità da oltre tre settimane, con razionamento dell'acqua per un milione di persone. La giunta regionale ha chiesto lo stato di emergenza nazionale. Il 2023 è stato il quarto anno consecutivo con precipitazioni sotto la media storica, confermato nei primi mesi del 2024. La gestione inefficiente delle risorse idriche e i cambiamenti climatici aggravano la situazione.

 

Secondo l'Anbi, l'acqua è scarsa, con alcuni invasi per uso potabile al 90% in meno e i bacini irrigui al 30% della capacità. La crisi idrica è così grave che l'Anbi parla di regioni sempre più simili al deserto.

 

E poi, che credibilità abbiamo di parare di alta ingegneria, di ponti a campate uniche e di paragonarci con spocchia ai giapponesi con le loro opere antisismiche se si parla di siccità in Sicilia da anni?

 

Direte voi:

“Ma dighe in Sicilia ne abbiamo a bizzeffe”

 

È vero, abbiamo 30 dighe a disposizione in Sicilia, ma di queste 30 solo 8 sono a norma:

 

San Giovanni (in provincia di Agrigento), Ponte Barca (Catania), Nicoletti (Enna), Poma (Palermo), Santa Rosalia (Ragusa), Paceco, Rubino e Zaffarana (Trapani).


Per non parlare di quella macchia nera della diga di Pietrarossa (chiamarla diga è davvero un complimento) che è una macedonia di mala amministrazione, ignoranza e mafia:

 

Lo schema idrico per la diga di Pietrarossa, vicino Agira, è stato approvato nel 1959 e modificato nel 1969. I lavori, finanziati nel 1988 dalla CASMEZ (o cassa del mezzogiorno) che sono stati interrotti più volte a causa di problemi strutturali e legali. Nel 1997, dopo varie vicissitudini, sono ripresi e sono stati completati al 95% prima di essere interrotti definitivamente.

Nel 2017 è stata deliberata la ripresa dei lavori, e nel 2022 è stato approvato un nuovo progetto per completare la diga entro il 2025, utilizzando risorse del PNRR.

 

Forse costruire una piramide ha avuto meno intoppi.


Ma perché la Sicilia da sempre ha problemi con l’acqua? La mafia nasce proprio così, con l’acqua. Gli agricoltori avevano bisogno di acqua per i terreni e, chi pagava, poteva usufruire del gentile servizio.

 

Questo a fine ‘800, ma ad oggi continuano ancora casi di pseudo privatizzazione dell’acqua, un caso eclatante quello a Palermo:

 

Delle indagini rivelarono che i capi di un'organizzazione mafiosa orchestrarono un'attività illecita di distribuzione dell'acqua, offrendo, dietro pagamento, approvvigionamento idrico per uso civile a una vasta parte della comunità locale priva di altre opzioni di approvvigionamento.

Questo, invece, non a fine ‘800, ma solo due anni fa.

 

Parlare oggi di siccità in Sicilia con 30 dighe a nostra disposizione, dovrebbe aprire gli occhi su quanto siano insulse certe opere pubbliche, esistenti o meno. Non mancano azioni patetiche come quelle dei ragazzi di UltimaGenerazione che non perdono tempo ad andare a Palermo per fare azioni provocatorie come lavare i piatti nella fontana più grande della città, non sapendo che le fontane utilizzano sempre la stessa acqua. 


Certo il gesto è simbolico e provocatorio, ma le provocazioni quando sono fine a se stesse, come l’acqua di una fontana, non portano da nessuna parte.

 

Clicca QUI per il video di UltimaGenerazione.

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder