381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
900x250 fringe
900x250 fringe
900x250 fringe
sudpresslogo

Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

AUTORI

sudpresslogo

CONTATTI

sudhitech (1280 x 720 px)
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

IN EVIDENZA

Convegno del Consorzio Conlegno a Catania: un'analisi sulla Biodiversità e il Patrimonio Forestale ItalianoSu Sudsport Automobilismo e motociclismo - Ottima seconda posizione per i portacolori della scuderia RO racingVabbè, non abbiamo altro da fare che raccontarloFCE, tratta ferroviaria Catania Borgo – Paternò: ultima corsa con eutanasiaSu Sudsport concluso a Catania il Campionato del Mondo dello Sport d'ImpresaSu Sudsport la prima tappa del Campionato Regionale di Beach Soccer Serie B "Sabbie di Sicilia"Catania la "Edimburgo del Sud": guardia medica della Plaia chiusa per spazzaturaSu Sudsport Calcio a 5: Meta Catania è Campione d'ItaliaAl via Catania Summer Fest 2024: la Villa Bellini e la "Edimburgo del Sud"Ci rimane solo Enna per fare un bagno al mare.

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

«Se non ritiri la denuncia ti ammazziamo». Petizione per Daspo Urbano a chi tocca Asia.

04-04-2024 16:55

Christian Costantino

Cronaca, Focus,

«Se non ritiri la denuncia ti ammazziamo». Petizione per Daspo Urbano a chi tocca Asia.

La petizione per cacciare via i difensori degli stupratori

stupropalermo.jpeg

"In Italia, ogni due giorni viene uccisa una donna."

 

Questa frase, che sentiamo fino alla nausea, fino allo sfinimento, quasi diventa una prassi. Questa stessa frase, tragicamente, accompagna normalmente i nostri pranzi o le nostre cene, tra una pubblicità e l'altra; ogni tanto, ma evidentemente inefficace, sbuca fuori. Se non bastano i casi dello stupro di Palermo, di Catania, se non è bastato neanche il caso dell'anno (Cecchettin), cos'altro bisogna fare?

 

 Quale santo o partito politico si deve pregare per fare qualcosa? Perché se ad oggi ci ritroviamo, a distanza di mesi, a parlare nuovamente di Asia, la ragazza violentata da un gruppo di palermitani, allora non si sta facendo abbastanza, anzi, non si sta facendo nulla.

 

Dopo aver denunciato i suoi aggressori, ora in carcere, la ragazza è stata nuovamente coinvolta in una situazione di violenza. Durante una serata trascorsa con il fidanzato a Ballarò, è stata avvicinata da un minorenne, già indagato per un precedente tentativo di violenza, insieme alla madre. La ragazza è stata minacciata con un coltello e costretta a seguirli a casa loro, dove è stata picchiata e minacciata di morte. Il fidanzato, impotente di fronte alla situazione, ha poi avvertito i carabinieri. L'aggressore minorenne, insieme alla madre, è stato successivamente interrogato, mentre la ragazza è stata nuovamente trasferita in una località protetta per la sua sicurezza.

 

Questo episodio aggiunge ulteriori complicazioni alla vicenda già in corso, poiché la ragazza aveva rivelato di essere stata vittima di un'altra violenza precedente a quella dello stupro di gruppo. I sette aggressori del luglio scorso sono attualmente detenuti e affronteranno un'udienza preliminare il 19 aprile, mentre il minorenne coinvolto è stato condannato a 8 anni e 8 mesi di carcere. 

La Procura sta indagando sulla nuova aggressione, ipotizzando il reato di violenza privata, mentre i carabinieri stanno visionando le telecamere della zona per raccogliere prove.

 

Ora, cosa faccia più sdegno tra il ragazzino e la madre, è difficile la scelta.

L'utilizzo di "cosa" anziché "chi" non è un mero errore di battitura, ma associare ad essere umani gente del genere sarebbe un eufemismo.

 

Pensiamo a questa ragazza che, forse, stava anche ricominciando a vivere dopo l'aggressione di quei maiali; si ritrova nuovamente catapultata in una dimensione di violenza.

La ragazza è stata persuasa a lasciare la città, ma è solo spostare il problema, anzi, non è che un palliativo. A lasciare la città non dovrebbe essere Asia, ma tutti coloro che anche solo osano colpevolizzare la vittima, insultarla o, come in questo caso, picchiarla. Asia deve rimanere a Palermo, dev'essere un simbolo di lotta alla violenza. Se Asia va via da Palermo e gli stupratori e criminali rimangono, non solo vince il menefreghismo dell'intera comunità, ma vinceranno tutti quelli che l'hanno accusata per come fosse vestita, per come si fosse comportata, per quanto avesse bevuto e cosa avesse bevuto.

 

Asia deve rimanere a Palermo, lo stato deve proteggerla a tutti i costi e deve punire ogni uomo o, come in questo caso, donna, che osa importunarla.

 

Per questo Sudpress vuole raccogliere più firme possibili per il daspo urbano esteso a tutti coloro che toccano Asia, moralmente e fisicamente.

 

 Clicca QUI per firmale la nostra petizione!

 

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder