381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
900x250 fringe
900x250 fringe
900x250 fringe
sudpresslogo

Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

AUTORI

sudpresslogo

CONTATTI

sudhitech (1280 x 720 px)
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

IN EVIDENZA

Su Sudsport Pallanuoto, Giorgini Ottica Muri Antichi vs. CUS Palermo: scontro al vertice del gironeIntervista al vice presidente ARS e coordinatore regionale 5Stelle Nuccio Di PaolaLa tragedia della ragazza precipitata dalle scale del Policlinico: la replica che non abbiamo capito ed il cronista intimidito dal vigilantesAeroporto di Catania: tensioni con società di servizi a terra, sindacato CUB convocato in prefetturaSu Sudsport Cus Catania, la Canoa Polo vince la Coppa Sicilia. E poi: Atletica, Canottaggio, Scherma, Ginnastica e TennisBufera sul manager dell'ASP Catania Giuseppe Laganga Senzio per la foto (in)opportunity con i consiglieri della LegaEmergenza siccità: il bicchiere mezzo vuoto della Sicilia ed il caso dei dissalatori di Porto Empedocle inaugurati e non funzionanoSu Sudsport Successo per la Scuderia RO Racing nel Fine Settimana AgonisticoMuore cadendo dalle scale antincendio del Policlinico di CataniaSiccità, Mafia e UltimaGenerazione

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

A Catania le piste ciclabili più sconclusionate d'Europa: ora avremo la "sopraelevata col salto" per arrivare

10-03-2024 05:30

Pierluigi Di Rosa

Cronaca, Focus,

A Catania le piste ciclabili più sconclusionate d'Europa: ora avremo la "sopraelevata col salto" per arrivare alla Plaia

Lanceremo il concorso: "La ciclabile più idiota d'Italia"

Lo annunciamo subito: sulle piste ciclabili catanesi, chiamiamole così, torneremo a breve perché pare sia l'ennesima saga in salsa etnea ed i milioni nel corso degli anni sono stati buttati a vagonate.

 

Adesso siamo un pò in confusione perché non riusciamo a decidere quale sia la più cretina e inutile tra quelle sinora realizzate: abbiamo quella fantasma tra la piazza della stazione Giovanni XXIII che sale sui marciapiedi delle vie  Di Prima, De Curtis, piazza Falcone e Marchese di Casalotto. Mai vista una bici…

 

Poi abbiamo quella di Librino, già costata 2 milioni e che adesso vorrebbero “riqualificare”: nientemeno, cose da pazzi.

 

Ora hanno “allungato” quella che da piazza Europa si fermava ad Ognina facendola arrivare sino a via Villini a mare: in pratica hanno pitturato di azzurro pezzi di marciapiede lasciando i pali in mezzo: Zelig.

 

Per non parlare di quella che forse era la più assurda di tutte, quella dell'aeroporto.

In pratica una “pista ciclabile” che dalla stazione ferroviaria di Fontanarossa dovrebbe portare direttamente alle partenze del mitico scalo aereo: forse un caso unico al mondo. 

schermata-2024-03-09-alle-20.34.46.png

Pazzesco, vabbè ci torneremo. 

Magari lanceremo un concorso a premi per votare la “ciclabile più idiota d'Italia”.

 

Intanto veniamo all'ultima che si annuncia come l'opera più brillante del biennio.

 

È in corso di realizzazione proprio in questi giorni lungo il tratto della via Cristoforo Colombo che va da piazza Alcalà al Faro Biscari, più o meno.

 

Ne parliamo subito, nelle more dell'inchiesta più ampia, perché è una strada che percorriamo ogni giorno per andare in redazione, insieme a migliaia di utenti inferociti per le lunghe code determinate dai lavori.

 

Una confusione che ha meritato l'intervento formale di due consiglieri comunali dell'MPA  Angelo Scuderi e Daniela Rotella, che hanno contestato l'opera a prescindere dai disagi in corso: “Si sta costruendo un muro mostruoso in cemento al centro della strada, largo un paio di metri e alto una cinquantina di centimetri. Sappiamo che si tratta di una pista ciclabile. Ma ci chiediamo: i ciclisti la percorrerebbero inghiottendo i gas di scarico di due fiumi di auto incolonnate l’una accanto all’altra tanto da non potere aprire gli sportelli in caso di emergenza? E i pali dell’illuminazione al centro della pista perché? Per andarci a sbattere?”.

 

In effetti, a ben guardare il progetto ed i lavori in corso, non mancano le perplessità.

50-cm.png

In pratica dovrebbe essere una pista ciclabile in cemento armato, sopraelevata rispetto al manto stradale di una 50ina di centimetri, posta bellamente al centro della carreggiata, con conseguente restringimento dello spazio disponibile alle auto.

 

In attesa che il capolavoro venga ultimato e di vederci sopra migliaia di ciclisti entusiasti, è praticamente impossibile raggiungere aeroporto o zona industriale senza farsi almeno un'ora di fila.

 

Però loro sono contenti, alla fine faranno una bella festa, anche il giro in bici con fascia e famiglia, foto e interviste e se loro sono contenti a continuare a buttare soldi pubblici senza concludere mai niente, saremo contenti anche noi.

Come sempre.


Leggi anche:







image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder