381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
900x250 fringe
900x250 fringe
900x250 fringe
sudpresslogo

Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

AUTORI

sudpresslogo

CONTATTI

sudhitech (1280 x 720 px)
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

IN EVIDENZA

ECOMED 2024: Il Green Expo del Mediterraneo dal 17 aprile a SiciliaFiera. Lo racconta il Coordinatore Scientifico Giuseppe ManciniSu Sudsport Pallanuoto,Giorgini Ottica Muri Antichi vs. Cus Palermo: Risultato 11-11Su Sudsport Volley: Gupe Catania bella e spietata, batte Don Orione Palermo e avanza al 2°turno playoff!uomini che odiano le Donne: il caso dell'associazione Thamaia che rischia il fallimento perché il comune non rispetta gli impegniSu Sudsport Pallanuoto, Giorgini Ottica Muri Antichi vs. CUS Palermo: scontro al vertice del gironeIntervista al vice presidente ARS e coordinatore regionale 5Stelle Nuccio Di PaolaLa tragedia della ragazza precipitata dalle scale del Policlinico: la replica che non abbiamo capito ed il cronista intimidito dal vigilantesAeroporto di Catania: tensioni con società di servizi a terra, sindacato CUB convocato in prefetturaSu Sudsport Cus Catania, la Canoa Polo vince la Coppa Sicilia. E poi: Atletica, Canottaggio, Scherma, Ginnastica e TennisBufera sul manager dell'ASP Catania Giuseppe Laganga Senzio per la foto (in)opportunity con i consiglieri della Lega

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

Regione, la comunicazione istituzionale è da quarto mondo e ferma al '900: altro bando da 9 milioni di euro

01-03-2024 05:46

redazione

Cronaca, Focus,

Regione, la comunicazione istituzionale è da quarto mondo e ferma al '900: altro bando da 9 milioni di euro

Come vengono utilizzati i fondi del PO Fesr Sicilia 2021/2027?

dall·e-2024-02-29-22.37.24---create-a-panoramic-view-of-a-third-world-urban-environment-illustrating-institutional-communication-through-makeshift-signage.-this-scene-should-empha.webp

Crescono in Sicilia le perplessità e le critiche al recente bando da 9 milioni di euro per realizzazione e attuazione delle azioni di visibilità, trasparenza e comunicazione del PO FESR Sicilia 2021/2027. 

 

Il bando, pubblicato dal dipartimento regionale alla Programmazione, che del Po Fesr è anche Autorità di gestione preoccupa, non poco gli addetti ai lavori. 

 

Con una base d’asta superiore a 7,5 milioni di euro ( oltre 9 milioni Iva inclusa), il bando si propone di comunicare ai cittadini il valore dell'Europa e le azioni previste dal programma operativo al fine di sostenere la crescita e la prosperità della regione: ma il governo regionale pensa di farlo con…i manifesti!

 

Ma vediamo cosa ha previsto l’amministrazione regionale e come rispondono le imprese del settore che stanno lavorando in queste settimane per partecipare al bando.

 

Aspetti Critici del Bando
Nonostante l'importante finanziamento messo a disposizione dalla Regione Siciliana con il ricorso alle risorse comunitarie, il bando sembra presentare, agli occhi competenti di numerosi operatori della comunicazione che si sono messi a lavoro dopo la sua pubblicazione, elementi di scarsa chiarezza e sembra opporsi, in taluni passaggi,  ai principi di innovazione ed efficienza, richiamando errori già commessi in passato dall'amministrazione regionale. 

 

Errori di cui non sembra esserci consapevolezza o dei quali la burocrazia regionale si dimentica tra una fase di programmazione comunitaria e l’altra.  

 

In particolare, secondo gli osservatori tecnici e potenziali partecipanti, risulta eclatante la riproposizione di un approccio obsoleto alla comunicazione, limitando le attività creative e il piano dei mezzi principalmente alle affissioni, trascurando i media digitali, la radio e la Tv.  

 

In pratica il concorrente designato vincitore dovrà mettere a disposizione della stazione appaltante, le affissioni ma non i media digitali, i giornali quotidiani, le radio e nemmeno le tv del digitale terrestre: PAZZESCO!


Il nodo della questione non riguarda la liceità o legittimità del bando, che non sono messe in discussione. 

 

Riguarda piuttosto il merito culturale e industriale di un bando di tal fatta: un bando anacronistico.  

 

Nel 2024, in piena epoca di intelligenza artificiale e in un mondo in cui imprenditori, cittadini e nuove generazioni operano in modalità always on (sempre connessi su internet o sui social), si privilegia in via esclusiva e con la massima attenzione soltanto il media  principe del secolo scorso, ancora molto utilizzato da queste parti nelle campagne pubblicitarie, ma di certo non sufficiente per la divulgazione di messaggi soprattutto di natura istituzionale come quelli previsti dal bando: se l’intenzione è quella di raggiungere il massimo numero degli utenti target che in questo caso sono i siciliani nella loro interezza l’affissione non sembra la via migliore.

 

Era opportuno (oltre che auspicabile) un approccio integrato nella previsione del media mix.


Altro tema è quello che riguarda il disallineamento tra media digitali e affissioni: i tempi di pubblicazione della gara per i media digitali dovrebbero essere coincidenti con quelli delle affissioni. 

E invece non è così. 

Evidentemente la cronaca delle esperienze passate non ci ha insegnato nulla: lo sfasamento dei tempi tra la gara per i servizi e quella dei media digitali ha prodotto in alcuni casi l’impossibilità a impiegare tutte le risorse disponibili con alcuni giornali online, all’epoca destinatari di budget per la pubblicità che non sono riusciti ad impiegare perché il programma PO FESR è terminato prima delle azioni di comunicazione previste sul media digitale (c’erano le risorse ma non c’era più cosa comunicare). 

I fondi non utilizzati sono stati restituiti all’Europa?

Risposte Insoddisfacenti alle richieste di chiarimento 


Le aziende interessate hanno chiesto chiarimenti sull'interpretazione di alcuni passaggi del bando anche senza fare alcun riferimento agli aspetti anacronistici che qui stiamo provando a mettere in evidenza. 

 

Tuttavia, le risposte fornite sono state giudicate poco chiare e insufficienti a dissipare i dubbi, compromettendo la trasparenza del processo di gara. 

 

Un risultato sembra certo: è aumentata a dismisura la frustrazione delle numerose agenzie di comunicazione che parteciperanno al bando attratte dal budget per un lavoro interessante ma in imbarazzo rispetto al linguaggio e alla scarsa chiarezza che la macchina burocratica regionale, in alcuni casi, mostra di utilizzare come schema unico.

 

Riflessioni sulla procedura di gara
La procedura di gara è definita in modo dettagliato nel "Disciplinare di Gara", che stabilisce le modalità di presentazione delle offerte, i criteri di aggiudicazione e le fasi di espletamento della gara. 

 

L'intero processo si svolgerà attraverso una piattaforma di e-procurement, con l'obiettivo di garantire la massima trasparenza e partecipazione. 

Tuttavia, emergono preoccupazioni riguardo alla capacità del bando di attrarre proposte innovative e di garantire un utilizzo efficace dei fondi disponibili.


L'attuale bando solleva questioni importanti sull'adeguatezza delle procedure di appalto pubblico nell'era digitale. 

 

La mancanza di chiarezza e l'adesione a modelli comunicativi datati non solo rischiano di compromettere l'efficacia delle campagne di comunicazione, ma anche di precludere l'accesso a opportunità più innovative e inclusive. 

 

Si raccomanda, pertanto, una revisione del bando, con un'attenzione particolare alla chiarezza delle disposizioni e all'inclusione di strategie comunicative moderne, in grado di sfruttare appieno le potenzialità offerte dai nuovi media.

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder