381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
900x250 fringe
900x250 fringe
900x250 fringe
sudpresslogo

Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

AUTORI

sudpresslogo

CONTATTI

sudhitech (1280 x 720 px)
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

IN EVIDENZA

Ci rimane solo Enna per fare un bagno al mare.Su Sudsport Calcio a 5, Prezioso Casa Napoli vs Meta Catania: la Finale delle FinaliAMTS, si aggravano le tensioni con dipendenti e utenti: CUB Trasporti annuncia azioni per indurre un cambio di atteggiamentoTerrasini ospita la prima tappa del Sicily Food Festival 2024Un brutto processo contro l'INAIL: lavoratore morto per "asbestosi da amianto". Si ammalò per sfortuna?Su Sudsport Il weekend del Cus Catania tra gare e successi"Bubbone Sanità", il Prof. Beppe Condorelli: la beffa di essere banditi dai banditiSu Sudsport Canoa Dragon Boat: record di titoli italiani per il Catania che conquista 12 ori ai nazionali assoluti di velocità e 6 argenti a SabaudiaInchiesta Ordine dei Medici e dintorni, le prime decisioni: condannato l'ex direttore Missale, a processo Razza, Arcidiacono e La Mantia, prosciolto ScavoneIL PROFESSORE GIORGIO CALABRESE OSPITE DEL PROGETTO "E’ PRONTO A TAVOLA" PARLA DI SANA ALIMENTAZIONE

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

A Catania vacante la Prima cattedra di Chirurgia Generale. Chiediamo al prof. Giorgio Giannone che succede e c

30-01-2024 05:55

di Pierluigi Di Rosa con Elisa Petrillo

Cronaca, Università, Focus, Sanità,

A Catania vacante la Prima cattedra di Chirurgia Generale. Chiediamo al prof. Giorgio Giannone che succede e cosa dovrebbe succedere

Qualche riflessione sulla Sanità Pubblica e privata...che riguarda ciascuno di noi.

Pubblichiamo questa nostra lunga chiacchierata con uno dei luminari della Sanità siciliana mentre nei meandri della politicanza regionale si stanno scannando per la nomina dei nuovi direttori generali di ospedali, policlinici ed ASP: speriamo abbiano un sussultò di dignità.

 

Intanto noi, quando sentiamo il bisogno di capire qualcosa di quello che accade nel mondo della Sanità ci sono alcune personalità alle quali ci affidiamo perché di riconosciuta autorevolezza e indipendenza.

 

Tra queste c'è certamente il prof. Giorgio Giannone, anche se lui preferisce il titolo di Dottore perché con l'Accademia catanese non è che sia andato sempre d'accordo, essendo uno spirito troppo libero per le consuetudini locali. 

Ed essendo anche troppo bravo nella sua professione, cosa che non sempre è un vantaggio da queste parti.

 

Giannone è infatti  “Il Chirurgo” per eccellenza, le sue preziose mani godono di rispetto internazionale ed è considerato un Capo Scuola, ed è proprio sulla Scuola, quella di Chirurgia Generale, che si concentrano le apprensioni sue e nostre, ovviamente, cioè di tutti quelli che vorrebbero che Catania e la Sicilia in generale potessero poter contare su una sanità pubblica d'eccellenza: non ci sarebbe nulla ad impedirlo se non l'incapacità di chi la governa scambiandola per un pascolo elettorale ed un bancomat finanziario.

 

E proprio a Catania, dall'inizio di questo anno, si è resa vacante quella che forse è la cattedra più prestigiosa dell'Università, quella di Chirurgia Generale retta per anni dal Prof. Francesco Basile, che dal 31 dicembre è andato in pensione ed al quale, ne approfittiamo, auguriamo un prosieguo sereno di vita e professione.

 

Il tema che si pone adesso è la successione in questo delicatissimo incarico, dal quale dipende la formazione delle future generazioni di chirurghi catanesi: non è roba da poco.

 

Abbiamo quindi incontrato il prof. Giannone, ormai dichiaratamente fuori da ogni gioco di posizionamento e quindi senza nessun interesse personale se non quello di poter assistere e contribuire al rilancio di una professione che per lui è stata una missione e ragione di vita.

 

La formazione dei giovani è sempre stata una sua fissazione e ne ha formati a decine, tra i migliori nelle sale operatorie in giro per il mondo, e quando abbiamo saputo del pensionamento di Basile e quindi della vacanza della cattedra di chirurgia generale, gli abbiamo chiesto: “Professore, e adesso che succede?”

 

Ci ha risposto inviandoci un articolo della prestigiosa rivista scientifica “The American Journal of Surgery”, lo proponiamo in calce per gli appassionati, che individua i sette requisiti essenziali che dovrebbe possedere un Chirurgo Accademico. 

 

Articolo interessante, anche per chi la Sanità non la pratica ma si limita ad osservarla, e magari raccontarla per ricordare a tutti quanto sia essenziale che funzioni come si deve, perché prima o poi ciascuno ci si trova ad averne bisogno.

 

L'articolo suggerito dal Prof. ci spiega che il Chirurgo Accademico rappresenta una figura chiave nell'ambito della medicina moderna, non solo come medico, ma anche come innovatore e formatore di nuove generazioni. 

Questo professionista non si limita alla pratica chirurgica, ma contribuisce significativamente all'avanzamento della scienza chirurgica, tramite ricerca, innovazione e insegnamento.

 

E, partendo da una ricerca scientifica che analizza le qualità di alcuni tra i migliori chirurghi del mondo, individua i sette requisiti essenziali: 

 

  1. Identificazione di Problemi Clinici: Ha la capacità di riconoscere e affrontare problemi clinici complessi, spesso trascurati o considerati irrisolvibili da altri.
  2. Esperto del Campo: Diventa un'autorità nel suo specifico campo di studio e pratica.
  3. Innovazione e Trattamento: Introduce nuove tecniche e trattamenti per migliorare l'assistenza ai pazienti.
  4. Analisi degli Esiti: Valuta costantemente i risultati per perfezionare ulteriormente le innovazioni.
  5. Diffusione della Conoscenza: Condivide le sue conoscenze e esperienze attraverso pubblicazioni e presentazioni.
  6. Ricerca Continua: Pone domande fondamentali per il continuo miglioramento dell'assistenza sanitaria.
  7. Formazione di Nuove Generazioni: Si dedica alla formazione e al mentoring di futuri chirurghi e scienziati.

 

Serendipità e Innovazione 

Il percorso professionale di un chirurgo accademico spesso si sviluppa attraverso la serendipità, con scoperte che emergono inaspettatamente durante la loro carriera. Questi professionisti tendono a scegliere aree di ricerca precedentemente trascurate, guidando l'innovazione e stimolando ulteriori ricerche nel campo.

 

Importanza della Persistenza Il successo nel campo accademico richiede una costante perseveranza, con progetti di ricerca che spesso non seguono percorsi lineari e richiedono anni di dedizione e impegno.

 

Il chirurgo accademico svolge quindi un ruolo fondamentale nello sviluppo della medicina moderna. La loro unica combinazione di abilità cliniche, innovazione e capacità di insegnamento contribuisce significativamente al progresso della scienza chirurgica e al miglioramento dell'assistenza ai pazienti.

 

Quindi è chiaro che l'Accademia catanese si trova davanti una grande sfida, dall'esito della quale potrebbe determinarsi il rilancio di una grande tradizione oppure, se la scelta dovesse essere di basso cabotaggio, il suo definitivo declino.

 

Nella lunga chiacchierata il Prof. Giannone tocca tanti temi, che hanno come sfondo l'allarme per la tenuta della Sanità Pubblica, che resta una delle più illuminate invenzioni del traballante sistema italiano, quel modello di sanità universale che il mondo ci invidia perché consente a tutti il diritto alla salute ed a essere curati. 

 

Un modello oggi a rischio e sul quale bisogna aprire una seria riflessione.

Che riguarda tutti e non è ineluttabile che si butti tutto all'aria: possiamo ancora salvare le cose buone, ma bisogna vigilare e sostenere quanti continuano a battersi per una Salute per tutti.

 

Come il Prof. Giannone e parecchi altri, che ascolteremo con attenzione nelle prossime puntate.

 

Intanto grazie, caro Professore, per quello che ha fatto finora e, soprattutto, per quello che continuerà a fare per i futuri chirurghi ai quali continuerà ad insegnare quanto sia importante studiare, studiare, studiare.


Leggi anche:


image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder