381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
900x250 fringe
900x250 fringe
900x250 fringe
sudpresslogo

Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

AUTORI

sudpresslogo

CONTATTI

sudhitech (1280 x 720 px) (1)
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

IN EVIDENZA

Su Sudsport Tennistavolo: il progetto "Racchette in classe" al Ferrarin di CataniaUNICT: il commento di Nazareno Prinzivalli sull'affidamento da 100 mila euro...Tutte le novità del Progetto ENEA ES-PA tra i temi di Ecomed 2024 dal 17 al 19 aprile a SiciliafieraSpeciale LiberoPalco in diretta web: alle 17 Music Show dalla sala prove di ArteQuadraLa strana storia di una polizia eccessivamente violenta e manifestanti ambiguiSu Sudsport Pallavolo, gli etnei della Gupe Volley battono 3-1 la Farmacia Schultze Santa TeresaI manganelli no! E neanche i manichini a testa in giù!Su Sudsport Pallanuoto: Giorgini Muri Antichi chiude al primo posto il girone di andata, le riflessioni del presidente SpinnicchiaBei lavori pubblici a LibrinoSu Sudsport Internazionale Tennis Femminile W35 Solarino, si alza il livello della competizione

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

Catania, la città dei pali assassini

19-01-2024 06:13

Pierluigi Di Rosa

Cronaca, Focus,

Catania, la città dei pali assassini

Come anche delle buche criminali, dei tombini killer e delle amministrazioni indefinibili

whatsapp-image-2024-01-18-at-15.47.46(2).webp

È successo di nuovo, proprio ieri pomeriggio.

E anche ieri per puro caso non è finita in tragedia, forse perché noi catanesi, oltre ad essere tra i più strafottenti ed ignavi del pianeta, siamo anche tra i più fortunati.

 

Sopravviviamo incuranti tra strade impossibili e amministrazioni indefinibili. E non può essere che per mera fortuna.

 

Ma veniamo alla notizia, che potrebbe essere da trafiletto in centesima pagina ed invece l'ennesima dimostrazione di una realtà governata dal “Me ne frego!” 

 

Nel primo pomeriggio di ieri, nella trafficatissima via Vincenzo Giuffrida, all'altezza del civico 185, a pochi metri dall'imbocco del raccordo autostradale, si è schiantato d'improvviso un palo dell'illuminazione. Proprio così, d'emblée.

 

Che poi tanto d'emblée non è se accade molto più colpevolmente perché ci si trova in una città dove nessuno controlla niente ed è quindi ovvio che, se si lascia che tutto arrugginisca e si ammalori, è alquanto ovvio che prima o poi qualcosa accada.

 

Basta vedere le foto del palo schiantatosi ieri per capire che non è un caso sfortunato ma l'ennesimo di colpevole negligenza:

whatsapp-image-2024-01-18-at-15.47.47(3).jpeg

Doveva prevedersi che, arrugginito a quel modo, prima o poi sarebbe crollato.

 

Del resto non molto tempo prima a pochi metri da lì, via Raffaello Sanzio altezza frequentatissimo Saint Moritz, era già accaduto con le stesse modalità, ed anche in quel caso per la solita fortuna etnea non era morto nessuno.

palo-2.jpeg
sanzio-2.pngsanzio-1.png

Anche in quel caso talmente arrugginito che si poteva scommettere se avrebbe ammazzato qualcuno o solo distrutto qualche auto: per fortuna ha vinto chi ha puntato sulla seconda opzione. 

palo-sanzio.png

Ma quanto accaduto allora, evidentemente, non ha indotto l'amministrazione comunale ad avviare una doverosa azione di monitoraggio dello stato di salute di questi pericolosissimi manufatti, in proprio o obbligando l'eventuale azienda privata che ne ha la concessione. 

 

Del resto appena qualche giorno fa il caso del tombino saltato in via Santa Sofia, senza conseguenze letali al contrario della volta precedente, sempre nella stessa via, quando un ragazzo di 24 anni ci perse la vita.

 

O come quando in piazza Cutelli la cima di una palma assassinò una madre di famiglia seduta su una panchina.

 

O come sulla circonvallazione, trasformata in pista tipo Le Mans e dove muoiono gli studenti perché nessuno riesce a trovare una soluzione per un attraversamento che non sia una roulette russa.

 

Anche se non ammazzano nessuno, non sono notizie da trafiletto in centesima pagina i pali che cadono perché nessuno li controlla: sono l'atto d'accusa inconfutabile di una città in cui non funziona niente e si va sempre peggio.

 

Il resto sono chiacchiere da social, utilizzati in maniera melensa da amministratori pubblici evidentemente incoscienti oltre che inadeguati. 

Che fanno perdere altro tempo. Prezioso.





image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder