381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
900x250 fringe
900x250 fringe
900x250 fringe
sudpresslogo

Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

AUTORI

sudpresslogo

CONTATTI

sudhitech (1280 x 720 px)
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

IN EVIDENZA

"Viaggio tra le immagini delle antiche città della Sicilia": una Finestra sul Grand TourSu Sudsport Pallanuoto: Giorgini Muri Antichi a Napoli vs Basilicata 2000 per difendere il primo postoIl Prof. Beppe Condorelli su Sanità catanese e Tribunale dei Diritti del Malato: "Sorpreso e stupefatto"Su Sudsport lo scandalo nel Catania: lite Zeoli-Chiricò e l'audio del mister che scatena i socialOggi ultima giornata densa di eventi per la fiera ECOMED Green Expo del Mediterraneo a SiciliaFiera di MisterbiancoSu Sudsport Weekend ricco di successi per il Cus Catania: gli HighlightsTremestierigate tra mafia, politica e magia: e le farmacie che sparisconoInnovazione e inclusione: Catania ospita il convegno sui corridoi lavorativiQuando Luca Sammartino chiedeva a Sudpress 50 mila euro...Su Sudsport Quinto Pareggio Stagionale per il Catania nel Campionato di Serie C di Calcio Femminile

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

Inciviltà a Catania, via Santa Sofia: "Per stavolta non è morto nessuno". Forse

15-01-2024 05:30

redazione

Cronaca, Focus, Laterale,

Inciviltà a Catania, via Santa Sofia: "Per stavolta non è morto nessuno". Forse

La domanda di sempre e per l'ennesima volta: "Chi diavolo collauda i lavori sule strade comunali catanesi?"

La domanda di sempre e per l'ennesima volta: 

“Chi diavolo collauda i lavori sule strade comunali catanesi?”

Il video viene pubblicato da un utente sulla pagina Facebook “Inciviltà a Catania” nel primo pomeriggio di domenica 14 gennaio.

 

Il titolo: Squid games Catania. In questa città sopravvive guidando è come superare una prova estrema. #Katanikistan🐴🐴🐴 #SATANIA❤️💙

 

Avverte di un grave pericolo sulla via Santa Sofia, poco prima dell'ingresso del Centro Universitario Sportivo: una delle grate della caditoia è saltata ed il rischio che possa finirci uno scooter con conseguenze letali è altissimo.

 

Uno dei primi commenti sulla stessa pagina: "Grazie della segnalazione  sei un Eroe, un anno fa' è morto un ragazzo proprio lì perché è finito dentro a un tombino di quello con la sua moto  Un Giovane Ragazzo povero era uscito di fare la notte al Policlinico  faccio quella strada più volte al giorno !!! Potevo essere io 

Grazie davvero per la segnalazione può essere davvero molto importante il tuo gesto !!! 

 

Riporta alla memoria l'incidente che causò la morte di un giovane di Paternò, Gabriele Longo di appena 24 anni che aveva finito il suo turno di lavoro al Policlinico. 

Era il marzo 2023.

 

Ancora più recente, l'incidente sulla circonvallazione sempre all'altezza via Santa Sofia, dove è stata assassinata una studentessa perché quella strada non ha un rallentatore né un cavalcavia. Chiara Adorno, aveva appena 19 anni.

È accaduto lo scorso novembre, tanta indignazione e rabbia, contrizione delle autorità responsabili e raccolte di firme: ad oggi non è stato fatto niente per evitare la prossima vittima.

 

Del resto era già accaduto sei anni prima, nel 2017, il 24 luglio, quando venne ammazzato nelle stesse circostanze Danilo Di Majo, studente di medicina di 25 anni. 

 

Del resto basta percorrere lentamente proprio la via santa Sofia per rendersi conto dello stato in cui versa il manto stradale, peraltro rifatto da non molto.

Per non dire di gran parte delle altre strade cittadine.

 

Stavolta non è accaduto nulla di grave, probabilmente proprio grazie alla prontezza e civiltà dei ragazzi intervenuti: ma ci si può davvero continuare ad affidare al caso per non farsi male o addirittura morire in questa città?

 


Leggi anche:



image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder