381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
900x250 fringe
900x250 fringe
900x250 fringe
sudpresslogo

Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

AUTORI

sudpresslogo

CONTATTI

sudhitech (1280 x 720 px) (1)
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

IN EVIDENZA

Prima mondiale de Il Berretto a Sonagli al Teatro Massimo Bellini di Catania«Berlinguer ti voglio bene»Su Sudsport calcio, Catania in estasi: volata in finale di Coppa e playoff ad un passo!Provocazione CODACONS: "indovina in quale ospedale il comodino sudicio"“Il teatro certamente", i dialoghi di Giuseppe Dipasquale con il Maestro Andrea CamilleriSu Sudsport, anche a Monte Po un nuovo playground per lo sport di comunitàSu Sudsport Ciclismo: salta il Giro di Sicilia 2024. Direttore RCS Sport conferma: mancanza fondi blocca l'eventoNuova "PUBBLISERVIZI": arriva l'interrogazione dalla...maggioranzaSu Sudsport Tennistavolo: il progetto "Racchette in classe" al Ferrarin di CataniaUNICT: il commento di Nazareno Prinzivalli sull'affidamento da 100 mila euro...

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

Gli auguri immaginari di Antonio Gramsci e don Tonino Bello insieme: per un nuovo anno di Lotta alle ingiustiz

01-01-2024 06:30

Pierluigi Di Rosa

Cronaca, Focus, Laterale,

Gli auguri immaginari di Antonio Gramsci e don Tonino Bello insieme: per un nuovo anno di Lotta alle ingiustizie e speranza di Umanità

Carissimi amici, insignificanti nemici,...

da-sudpress.png

Carissimi amici, insignificanti nemici,

difficile quest'anno trovare parole e concetti non troppo banali per augurare un anno diverso dalla violenza, dalla miseria, dalla paura, dall'orrore che vorremmo poterci lasciare indietro allo scoccare di una mezzanotte ed invece troveremo intatti ed impassibili all'alba del nuovo anno.

 

E allora, quasi come per quelli di Natale dove abbiamo giocato con l'Intelligenza Artificiale, proponiamo anche per questo Capodanno un “augurio laterale”, che combina due celebri orazioni, “Odio gli indifferenti” di Antonio Gramsci e “Auguri Scomodi” di don Tonino Bello: c'è molto di quello in cui crediamo, c'è molto di quello che vorremmo riuscire a fare e, per nostra mediocrità, non riusciamo neanche ad immaginare. 

Ma ci tenteremo sempre, sino all'ultimo ed a qualunque costo.

 

In questo augurio per il nuovo anno, fuso dai pensieri profondi di Antonio Gramsci e don Tonino Bello, vorremmo avere il potere di innestare un cammino di consapevolezza e di trasformazione, un invito a riscoprire la partecipazione e il coraggio di cambiare.

 

Carissimi, mentre l'anno vecchio si chiude e uno nuovo si apre, vogliamo esortarvi da questa piccola testata della periferia di un impero ormai disfatto, a non essere indifferenti, a vivere con la passione di chi sa di poter incidere sul mondo che lo circonda, senza farsene avvolgere ma piuttosto abbracciarlo. 

 

L'indifferenza, come ci ricorda Gramsci, è il peso morto della storia, è abulia, parassitismo e vigliaccheria. 

Non è vita. 

Perciò, odiamo gli indifferenti e chiediamo ad ognuno di voi, a ciascuno di noi, di considerare il compito che la vita pone ogni giorno: essere cittadini attivi, partigiani del buono, costruttori consapevoli di un domani sostenibile e giusto.

 

Nel nuovo anno, vi invitiamo a sentire il fastidio di una vita egoista e comoda, come esorta don Tonino Bello nei suoi “auguri scomodi”. 

 

Possano ogni conforto e ogni abitudine essere disturbati dalla consapevolezza acuta della sofferenza altrui, della giustizia da perseguire, della solidarietà da praticare. 

 

Che l'Anno Nuovo, questo speranzoso ma difficilissimo 2024 ormai arrivato, ci dia la nausea di una vita senza spinte verticali e ci spinga a inventarci esistenze cariche di donazione, di riflessione, di coraggio, di azione.

 

Che il nuovo anno ci tolga il sonno per la coscienza delle ingiustizie, ci spinga a dare ospitalità a chi non ha casa, a lottare contro ogni forma di sfruttamento e discriminazione, violenza e speculazione. 

 

Che ci faccia sentire piccoli ogni volta che la carriera diventa l'idolo della nostra vita, e ci ispiri a guardare e a partire dagli ultimi, riconoscendo nella loro dignità la strada per un futuro più giusto e fraterno.

 

Che il nuovo anno non sia segnato dalla fatalità o dall'assenteismo, ma sia l'opera intelligente e partecipe di ciascuno di noi. 

 

Che nessuno stia alla finestra a guardare mentre pochi si sacrificano. 

 

Siamo partigiani della città futura, costruttori della catena sociale che non pesa su pochi ma è condivisa da tutti.

 

Nostri cari, che il nuovo anno sia un risveglio, un rifiuto dell'indifferenza, un impegno coraggioso e quotidiano per un mondo più umano e giusto. 

 

Viviamo, siamo partigiani, odiamo l'indifferenza e costruiamo insieme la certezza di un domani che deve essere migliore.

 

Dipende da ciascuno di noi.

 

Buon Anno Nuovo! 


image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder