381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
900x250 fringe
900x250 fringe
900x250 fringe
sudpresslogo

Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

AUTORI

sudpresslogo

CONTATTI

sudhitech (1280 x 720 px)
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

IN EVIDENZA

Confindustria in campo per la sicurezza informatica delle imprese italiane: la sfida per la sopravvivenzaSu Sudsport Pallanuoto, la grande stagione di Muri Antichi: i ringraziamenti di president Luigi Spinnicchia. E il sognoCongresso Nazionale SIOD: innovazione e sicurezza in Odontoiatria al Centro del dibattitoSu Sudsport Pallavolo: 5 giovanissime atlete catanesi convocate in nazionaleDal 17 giugno una Summer School organizzata dal DICAR di UNICT con il MIT, la più prestigiosa università al mondoASP Catania, succedono cose stranissime: il commissario Laganga, sospeso penalmente, è in servizio ma non firmaSu Sudsport Il Jamboree Internazionale di Minibasket invade Catania: tre giorni di pura passioneL’eterno dramma dei rifiuti in Sicilia: interesse di tutti, soluzione di chi?Si diffonde anche in Italia il Litigation FundingMare "Mostrum": riaprono i solarium ma Catania è bandiera nera.

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

Sanità Sicula, il Cardiologo Beppe Condorelli dà seguito all'intervento del Chirurgo Giorgio Giannone: "Ma d

19-09-2023 06:30

Prof. Beppe Condorelli*

Cronaca, Focus, Sanità,

Sanità Sicula, il Cardiologo Beppe Condorelli dà seguito all'intervento del Chirurgo Giorgio Giannone: "Ma dove sono i Maestri?"

A Catania si fa carriera con l'impact factor cartaceo...

dotthouse.jpeg

Caro Giorgio, 

approfittando di una breve pausa estiva ho trovato su YouTube (non c'è solo immondizia) una serie di seminari tenuti da docenti di Harvard e di altre prestigiose Scuole di Medicina americane in preparazione al Board of Internal Medicine, esame che testa la idoneità ad esercitare la professione di internista, che da noi sarebbe l'equivalente del clinico medico (nel digitare mi era saltata la lettera l e avevo scritto cinico medico: che sbadato! Per fortuna me ne sono accorto in tempo) o del direttore di un reparto di medicina interna. 

 

Nei seminari vengono trattati gli argomenti più disparati, quelli che un internista deve conoscere. 

Sei giovane abbastanza per ricordare che un periodo di normalità la sanità italiana lo ebbe: ricordi gli esami di idoneità a Primario Ospedaliero? 

 

Mi pare ci fossero duecentocinquanta “tesine” riguardanti altrettanti argomenti; solo superandolo si poteva partecipare ad un concorso per primario. 

 

Poi venne la legge Gelmini che ha devastato la medicina e la chirurgia: il popolo dovrebbe sapere che si diventa professore ordinario di medicina o di chirurgia solo per titoli, cioè con le carte. 

 

Che possono essere vere e magari scritte da altri, parenti e non, o false. 

 

Non per nulla a Catania abbiamo Ciulla , quello che a copiare si trastulla, che coi lavori di copiato, diventò presto associato. 

 

Ed un amico di altra città mi riferì le confessioni di un professore di medicina interna, sempre di altra città, che in un impeto di sincerità, sussurrava: “tutto so di un recettore, ma non so fare il dottore, e se poi vado in corsia, di malati è una moria “. 

Bello no? 

 

Il fatto è che in Italia si fa carriera sono con l’impact factor cartaceo non esistendo, come all’estero, un impact factor clinico. 

 

Quindi dove sono i Maestri? 

 

Pare che lo stesso di cui scrivevo sopra, sempre in confessione, abbia detto “ che un fegato ci sia, lo imparai in anatomia, e so pure che il cuore, ogni tanto dà dolore “. Tutto qui. 

 

Si vuole risanare la medicina? 

 

Controllare che l’aspirante clinico abbia frequentato realmente le corsie con un esame teorico (quiz su tutti gli argomenti della disciplina per la quale si concorre), prova pratica con malati con varie patologie ed infine, se richiesto, impact factor veritiero. 

 

Le lezioni di medicina interna non devono essere la reiterazione della patologia, ma la discussione di casi clinici con diagnosi differenziale la quale ultima (è una tautologia perché diagnosis in greco significa separazione di entità), insegna a ragionare sul malato, sul significato dei vari esami, sui metodi per arrivare alla corretta diagnosi. 

 

Dunque: dove sono i Maestri come quelli che ricordiamo? 

Le liste di attesa? Facile eliminarle consegnando come ai vecchi tempi una raccolta di tagliandi che consente al paziente di andare da qualunque medico che accetti di visitare a condizioni economiche vantaggiose per lo Stato: semplice vero ? 

 

Ma appunto perché si tratta di una soluzione semplice e logica non è fattibile. 

Come Hamingway scrisse “Addio alle Armi” è il momento di scrivere “Addio alla Sanità”.


Leggi anche:















image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder