sudpresslogo

Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

sudpresslogo

MENU

CONTATTI

MENU

CONTATTI

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

se devi comunicare qualcosa...
se devi comunicare qualcosa...

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

DIBATTITO PER CATANIA (e non solo), l'avvocato Rocco Todero sulla "allergia ai controlli" da parte del potere politicoBasta con gli studenti comparse alle parate del potere: COSTRUITEGLI SCUOLE DEGNE ED UN FUTURO SOSTENIBILEI tempi delle donne al potere, tra demagogia e sostanzaFesta della Repubblica, nessun catanese tra i nuovi Cavalieri del Lavoro: bruttissimo segnaleSIDRA, il presidente Fabio Fatuzzo: "Abbiamo fatto tanto, ora pronti a rimettere il mandato nelle mani del nuovo sindaco"MPA prima forza a Catania - Marco Falcone si riprende Forza Italia, fuori D'Agostino - Da capire chi vince in FdI e la Lega è SammartinoUna persona perbene. Il resto si vedrà...San Berillo Vecchio, cominciamo da qui?Camere di Commercio: il "pasticcio Schifani" finisce al ministero e le categorie sconfessano il governo regionale"Educazione e Giustizia": il libro di Daniela Mainenti che racconta Francesca MorvilloFestival di Cannes: 13 minuti di applausi per "La Chimera", con gli originali costumi della catanese Loredana Buscemi

Il nuovo vertice di Confindustria Catania, i candidati sindaci e il "siparietto" che ha imbarazzato tutti

19-05-2023 06:30

Pierluigi Di Rosa

Cronaca, Focus,

Il nuovo vertice di Confindustria Catania, i candidati sindaci e il "siparietto" che ha imbarazzato tutti

E anche il CODACONS denuncia uso improprio di spazi pubblici

progetto-senza-titolo-(59).png

È di certo la campagna elettorale più strana che si sia mai vista, almeno da queste parti.

I candidati sindaci girano come le madonne pellegrine, deportati da un incontro all'altro a ripetere sempre gli stessi slogan.

 

La passerella di ministri che accarezzano bambini, visitano malati e incontrano attempati velisti è al limite della goliardia.

 

D'altra parte antimafiosi di ritorno e movimentisti solitari fanno la loro parte presenziando a tutti gli incontri in cui sono sempre gli stessi.

 

Anche gli incontri con le “categorie” non sono da meno e la palma di quella più bizzarra sinora se l'è guadagnata la governance appena insediata di Confindustria Catania che ha ricevuto i candidati sindaci che ne sono usciti più confusi di quanto non lo siano in genere.

 

La rassegna stampa dell'incontro l'ha fatta in maniera precisa il quotidiano La Sicilia, che ha addirittura dato il titolo ad un affermazione lanciata senza rete dal vice presidente vicario di Confindustria Catania Gaetano Vecchio: “Trantino nomini Caserta assessore al bilancio”.

 

Una boutade da bar dello sport che in un simile contesto rende problematico valutare in termini positivi il ruolo di un'organizzazione da cui ci si aspetterebbe una maggiore incisività sul piano della proposta e che probabilmente già soffre la scelta di rendere preponderanti edili e trasportatori nel board.

 

Una battuta che ha dato la possibilità al candidato fuori dai poli di affermare che Confindustira Catania ha così dimostrato che destra e sinistra sono parte dello stesso sistema, riuscendo così ad offendere tutti.

 

È indicativa anche l'unica frase che viene riportata del cav. Angelo Di Martino, neo presidente che in molti definiscono “onorario" ma non abbiamo capito perché: “Ogni politica di sviluppo parte da tre capisaldi: sviluppo della zes, riqualificazione della zona industriale, implementazione delle infrastrutture.” 

Un pò scarnetta come visione.

Insomma, in un confronto tra candidati sindaci e le più importanti aziende del territorio ci si poteva attendere di più ed è un problema per la città se il dibattito è questo.

 

Dall'altro lato arrivano gli immancabili comitati per il “Controllo Popolare Antimafia” che, come sopra, sono sempre gli stessi e si raccontano tra di loro: anche questo è un problema per la città.

 

E negli enti pubblici le cose non vanno meglio.

 

A denunciare un caso è il CODACONS, che ha appreso di una singolare riunione.

 

9a6bac95-4081-494e-8d4e-eb56afc37964.jpeg

In pratica i componenti dei Comitati Consultivi dei vari ospedali di Catania hanno avuto la brillante idea di convocare, anche loro, i candidati sindaci presso il Policlinico di via Santa Sofia.

 

Il CODACONS  e l’Associazione ART.32-97- AIDMA  Associazione Italiana Diritti del Malato, “ritenendo improprio l’uso dei suddetti loghi e organizzazioni sanitarie per incontri dal carattere esclusivamente politico che esulano dalla finalità consultiva indipendente prevista dalla legge per i Comitati Consultivi delle Aziende Ospedaliere, hanno dato incarico al proprio ufficio legale al fine di valutare ogni azione legale più opportuna a tutela delle associazioni che compongono i vari comitati.”

 

Mancano ancora 10 giorni alle votazioni e ne vedremo di certo ancora di belle, tutto tranne idee intelligenti per far ripartire questa benedetta città.

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder