381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
900x250 fringe
900x250 fringe
900x250 fringe
sudpresslogo

Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

AUTORI

sudpresslogo

CONTATTI

sudhitech (1280 x 720 px)
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

IN EVIDENZA

Quando Luca Sammartino chiedeva a Sudpress 50 mila euro...Su Sudsport Quinto Pareggio Stagionale per il Catania nel Campionato di Serie C di Calcio Femminile17 aprile 9.30 si inaugura ECOMED Green Expo del Mediterraneo a SiciliaFiera di MisterbiancoEcomed 2024: Protezione Civile e sindaci tra i protagonisti della fiera Green Expo del MediterraneoStati generali del Cinema: tre giorni di incontri e dibattitiAcqua e rifiuti, domani e giovedì a Ecomed le “Giornate” di approfondimento organizzate dalla Regione SicilianaLe mani sulle cittàSu Sudsport Automobilismo: Successi della Scuderia RO Racing nel Fine Settimana AgonisticoPoliclinico San Marco di Catania e i malati di sclerosi multipla: ma perché deve essere così estenuante curarsi?ECOMED 2024: Il Green Expo del Mediterraneo dal 17 aprile a SiciliaFiera. Lo racconta il Coordinatore Scientifico Giuseppe Mancini

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

CNA Catania sulle concessioni balneari: "Necessaria una proroga"

18-04-2023 06:30

redazione

Cronaca, Focus,

CNA Catania sulle concessioni balneari: "Necessaria una proroga"

In Sicilia l'applicazione della Bolkestein rischia di avere conseguenze drammatiche...tanto per cambiare

spiaggia.jpeg

Se nella maggior parte delle regioni europee e persino europee il tema delle concessioni balneari può lasciare cittadini e istituzioni pressoché indifferenti, per il semplice fatto che il mare, sfortunati loro, lo vedono solo in tv o in vacanza, in Sicilia il tema rischia di diventare drammatico.

 

Sono infatti centinaia le imprese, spesso a carattere familiare, che sulle concessioni demaniali hanno improntato tutta la loro redditività ed occupando migliaia di lavoratori. 

 

Ora, a prescindere dal merito della questione che è certamente complesso, occorre intervenire col massimo equilibrio per evitare di fare più danni dei problemi che si vorrebbero superare e le organizzazioni che rappresentano le categorie lanciano da tempo l'allarme.

 

Tra le più attive CNA Balneari, che sostiene con fermezza la necessità di prevedere una proroga rispetto alla scadenza della vigenza delle attuali concessioni demaniali, marittime, fluviali e lacuali, a uso turistico e ricreativo. 

 

 

 

 

presidente-cna-balneari-catania.png

Una proroga che possa superare la scadenza fissata al 31 dicembre 2023 dalla legge  per il mercato e la concorrenza, per definire, a livello nazionale, attraverso una mappatura, il grado di disponibilità della risorsa cosiddetta spiaggia da rilevare in tutti gli ambiti del demanio avente finalità turistica ricreativa, garantire la continuità per le attuali imprese concessionarie e al contempo, programmare nuove iniziative imprenditoriali, sospendere le procedure di evidenza pubblica, istituire un tavolo tecnico con compiti consultivi e di indirizzo in materia di concessioni demaniali che definisca i criteri tecnici per la determinazione della sussistenza della scarsità della risorsa naturale disponibile.

 

Si tratta di misure e azioni già approvate nella recente legge “Milleproroghe”, necessarie per avviare un confronto con le istituzioni europee al fine di trovare una soluzione definitiva all’annosa questione balneare italiana, verificare l’inapplicabilità, per le attuali concessioni demaniali, dell’art. 12 della Direttiva Europea sui Servizi (la cosiddetta Bolkestein) considerando la disponibilità degli spazi costieri per nuove iniziative imprenditoriali, definire i contenuti per una riforma complessiva del demanio, riconoscere la tutela del legittimo affidamento e la continuità imprenditoriale per le attuali nel nostro ordinamento, della direttiva europea sui servizi (Bolkestein).

«Continuiamo a sostenere la nostra posizione», ha affermato Mario Fazio, presidente territoriale di Cna Balneari Catania, «consapevoli del valore di un comparto che si accinge a vivere una stagione balneare ai limiti della sostenibilità aziendale. Continuiamo a effettuare investimenti senza avere un briciolo di prospettiva pur consapevoli del fatto che la risorsa non è scarsa e vi è spazio per ulteriori iniziative imprenditoriali».

 

«Il nostro è un comparto che opera in maniera laboriosa sul demanio valorizzando la costa», ha proseguito il dirigente di Cna, «ma che si ritrova ad  affrontare quotidianamente diverse problematiche come gli ingenti danni subiti da alcuni stabilimenti, in occasione delle recenti mareggiate che hanno colpito pesantemente la costa, per i quali abbiamo chiesto forme di sostegno sia al governo regionale che all’Ars, e quella della mancata pulizia dei tratti di spiaggia libera che vanifica spesso gli investimenti affrontati costantemente  dagli operatori privati per la quale chiediamo di destinare più risorse ai comuni».

 

Dal canto suo, il segretario provinciale di Cna Catania, Andrea Milazzo, ha ricordato le questioni derivanti dai  Pudm, i Piani di utilizzo del demanio marittimo, «strumenti fondamentali, ma in alcuni casi mal progettati e senza alcuna condivisione con gli operatori e le associazioni locali, come nel caso di Mascali, dove era prevista la cancellazione di alcuni concessionari esistenti,  per le quali si rende necessaria la semplificazione dei procedimenti di redazione e attuazione». Milazzo ha poi auspicato «la riorganizzazione degli uffici competenti per semplificare ulteriormente le procedure, anche in vista della prossima mappatura delle concessioni contemplata nel disposto normativo nazionale».

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder