381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
900x250 fringe
900x250 fringe
900x250 fringe
sudpresslogo

Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

AUTORI

sudpresslogo

CONTATTI

sudhitech (1280 x 720 px)
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

IN EVIDENZA

ANTONELLO TONNA INCANTA CATANIA CON UNO SPETTACOLO CHE CELEBRA MEZZO SECOLO DI MUSICACatania celebra la ricerca e la solidarietà con la 15esima “Walk of life Telethon”Test antidroga: tra arti e mestieri, corruzioni e concussioni. Che vertici delle istituzioni abbiamo?Su Sudsport Calcio Catania perde ancora: Playoff o Playout? Roba da matti!A Catania convegno nazionale del sindacato Flaica CUB sulla vigilanza privata: "Pronti alla lotta per cambiare rotta"Su Sudsport Pallanuoto, Giorgini Muri Antichi torna a vincere : 16 a 6 al Basilicata 2000Raffaele Lombardo e il Movimento per l'Autonomia: una nuova strategia politica per le Europee"Viaggio tra le immagini delle antiche città della Sicilia": una Finestra sul Grand TourSu Sudsport Pallanuoto: Giorgini Muri Antichi a Napoli vs Basilicata 2000 per difendere il primo postoIl Prof. Beppe Condorelli su Sanità catanese e Tribunale dei Diritti del Malato: "Sorpreso e stupefatto"

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

"Dio, perdona loro: non sanno quello che fanno"

25-03-2023 05:30

Nicola Filippone

Cronaca, Focus,

"Dio, perdona loro: non sanno quello che fanno"

La cultura, quella vera, non può essere esclusa da un mandato elettorale.

maxresdefault.jpeg

Marco Romanello è il sindaco leghista di Marcon, una paese di diciotto mila abitanti in provincia di Venezia, che ha negato il patrocinio del Comune alla proiezione di “Roma città aperta”, il capolavoro della cinematografia italiana e mondiale, diretto da Roberto Rossellini. 

 

La motivazione addotta dal primo cittadino è la seguente: “L’iniziativa in questo momento non è in linea con il programma culturale di mandato”. 

Probabilmente si voleva dire “programma ideologico di mandato” e non culturale, perché la cultura, quella vera, non può essere esclusa da un mandato elettorale. 

 

Questo non vuol dire che non possano esserci simpatie di stile, di contenuto, di periodo, di autore. In letteratura, ad esempio, posso gradire Dante più di Ariosto o Leopardi anziché Pascoli. 

Nelle arti figurative è legittimo apprezzare Raffaello meglio di Michelangelo e Canova più di Bernini. 

Così come, in musica, si può preferire Mozart a Beethoven, Wagner a Verdi. 

E naturalmente, anche nel cinema è possibile prediligere Fellini e De Sica più di Visconti e Pasolini. 

Ma l’estromissione di un’opera d’arte da un programma culturale autorizza a dubitare della qualità di quel programma. 
 

Per smorzare le polemiche, Romanello ha poi dichiarato che sarebbe andato comunque a vedere il film. 

Se così è stato, egli ne avrà potuto trarre solo beneficio. 

Ma se, al contrario, avesse patrocinato la proiezione e non fosse andato ad assistervi, il suo comportamento sarebbe stato meno disdicevole. I gusti, infatti, non si possono imporre e, pertanto, tutti abbiamo il diritto di pensare e dichiarare che un capolavoro come “La corazzata Potëmkin” sia “una cagata pazzesca” e magari ricevere pure i novantadue minuti di applausi, che furono tributati al celeberrimo Fantozzi rag. Ugo. 

 

Ma se ricopriamo cariche istituzionali e dunque svolgiamo una funzione di rappresentanza democratica, non possiamo mai compiere scelte escludenti, di nessun genere. 

Meno che mai culturali. 


Nella fattispecie, poi, non si tratta solamente di una pellicola che riproduce un momento fondamentale della storia della nostra Repubblica che, è bene non dimenticarlo, è fondata sulla Resistenza al nazifascismo. 

 

“Roma città aperta” è anche un prodotto di altissimo valore estetico, pluripremiato, interpretato da due dei massimi attori italiani. 

 

La scena in cui Anna Magnani insegue il marito appena catturato dai Tedeschi e cade falcidiata da una raffica di mitra, ha una forza espressiva commoventissima. 

 

In settanta secondi essa identifica la stagione più feconda del cinema italiano, il neorealismo, che ha gettato le basi culturali del secondo dopoguerra e concorso alla formazione di una coscienza democratica e liberale, grazie anche alla sua componente letteraria, incarnata da scrittori tra i quali si ricordano Elio Vittorini, Cesare Pavese, Primo Levi, Alberto Moravia.


Oltre alla Magnani, il cui personaggio è legato a Teresa Gullace, uccisa a Roma nel 1944, recita Aldo Fabrizi nei panni di un prete, che riassume due figure sacerdotali romane, don Pietro Pappagallo, assassinato alle Fosse Ardeatine e don Giuseppe Morosini, fucilato dopo essere stato torturato. 

 

Quest’ultimo, prima di cadere, pronunciò le parole dette da Gesù in croce: “Dio, perdona loro: non sanno quello che fanno”.

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder