Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

sudpresslogo
sudpresslogo

CONTATTI

MENU

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

progetto senza titolo (1)
progetto senza titolo (1)
progetto senza titolo (1)
progetto senza titolo (1)

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

DIBATTITO PER CATANIA (e non solo), nuovo importante spunto lanciato dall'avv. Dario Riccioli: IL WATERFRONTPubbliservizi, c'è la svolta: il CdA la spunta e presenta reclamo contro il fallimentoODA, Vescovo e Commissario respingono strumentalizzazioni: "La Fondazione è stata salvata, e non è stato facile né è scontato"L'assessore regionale all'Economia Marco Falcone confessa in diretta la lottizzazione della Sanità e inguaia il governo MusumeciPubbliservizi: il Consiglio di amministrazione tenta l'ultima cartaIl TALK delle 10: Lirica, conosciamola perché è una meravigliaIl caso Juventus, la nuova calciopoli: "Può scindersi il divertimento dalla morale?"Sanità, CODACONS denuncia parentopoli al Garibaldi di Catania e ASP Ragusa, Catania e PalermoIM-BA-RAZ-ZAN-TEFallimento PUBBLISERVIZI: il commissario Portoghese risponde picche, silenzio assoluto della politica, cominciano le proteste dei dipendenti

All'ASP di Catania siamo alla follia: manca il funzionario per i pagamenti e...non pagano servizi essenziali

16-05-2022 12:17

redazione

Cronaca, Focus, comunicati, covid spese & C.,

All'ASP di Catania siamo alla follia: manca il funzionario per i pagamenti e...non pagano servizi essenziali

MAH!!!

aspct.jpeg

Pubblichiamo il comunicato emanato dalle più importanti organizzazioni di categoria e che non merita ulteriore commento:

 

COMUNICATO STAMPA


Confcooperative Sicilia, Confcooperative Federsanità e Uneba Sicilia in campo contro i disservizi dell’Asp di Catania: «Non è possibile che il pensionamento di un funzionario mandi in tilt un ufficio della sanità pubblica»

 

Catania, 13 Maggio 2022 – «Non è accettabile che il pensionamento di un funzionario mandi in tilt un intero ufficio della sanità pubblica». A parlare sono i presidenti delle associazioni di categoria Confcooperative Federsanità, Confcooperative Sicilia, Uneba Sicilia, rispettivamente Adolfo Landi, Gaetano Mancini e Santo Nicosia, che rappresentano enti riabilitativi e assistenziali etnei ex art.26 L.833/78, contando una forza lavoro di migliaia di operatori.

 

«L’Asp è il nostro primo e più importante committente. Senza i pagamenti delle fatture, in acconto e a saldo, le cooperative e i centri di riabilitazione non sono in grado di corrispondere gli stipendi ai propri dipendenti.

Da molti mesi, tali pagamenti avvengono in ritardo. Il responsabile dell’ufficio delibere è andato in pensione.

Al suo posto è stato assegnato un funzionario che ha dato le dimissioni poco dopo.

Stessa cosa è avvenuta con l’altro funzionario incaricato.

Il risultato è che l’ufficio è scoperto, senza che via stata l’attribuzione transitoria di una delega specifica a un sostituto, e le delibere per il pagamento del secondo acconto sono bloccate», affermano i tre presidenti, ponendo l’accento sulla mancanza di pianificazione e organizzazione di una macchina tanto importante, come l’Unità Operativa Complessa Handicap dell’Asp di Catania.

 

«Le nostre sono realtà che si reggono sul rapporto convenzionale con il Servizio sanitario regionale e rendono un’opera necessaria e indispensabile alle fasce più deboli del territorio.

Non è possibile trascurare, in modo così superficiale, la doverosa pianificazione dell’organizzazione interna di ogni pubblica amministrazione.

Ci sono servizi e stipendi compromessi dalle disfunzioni che scaturiscono da questa assenza di programmazione.

Un ritardo è tollerabile, ma ritardi ciclici e ormai strutturali non sono accettabili.

Pertanto, chiediamo alla Direzione generale dell’Asp etnea di intervenire al più presto per sanare questa situazione».

MAH!!!

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder